HomePrimo pianoDeclino cognitivo: il metabolismo batterico intestinale tra le cause

Declino cognitivo: il metabolismo batterico intestinale tra le cause

(Declino cognitivo-Immagine Credit Public Domain).

Un team di ricercatori del Brown Cancer Center, dell’Università di Louisville, della Peak Neuromonitoring Associates, dell’Università del Texas e dell’Università di Louisville ha scoperto che un metabolita prodotto dai batteri nell’intestino promuove la morte delle cellule neurali con conseguente declino cognitivo nei topi. 

Nell’articolo pubblicato sulla rivista Cell Host & Microbe, il gruppo descrive lo studio sul metabolita isoamilamina (IAA) e il suo impatto sul declino cognitivo.

- Advertisement -

Ricerche precedenti hanno suggerito un forte legame tra i batteri intestinali e la salute del cervello. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno esaminato il possibile impatto sul cervello di un solo metabolita prodotto da una famiglia di batteri nell’intestino, le Ruminococcaceae.

Vedi anche:Declino cognitivo: accumulo di ferro nel cervello tra le cause

Hanno scoperto prima che il metabolita IAA diventa prevalente nell’intestino man mano che le persone invecchiano a causa della presenza di più Ruminococcaceae. Il loro interesse per l’IAA è cresciuto quando hanno appreso che poteva passare attraverso la barriera ematoencefalica. Per verificare quale traccia il metabolita IAA segue dall’intestino al cervello e per vedere l’impatto che potrebbe avere, i ricercatori hanno dovuto sviluppare una nuova tecnica, una modifica dell’elettroforesi che consentisse il tracciamento dei cambiamenti di mobilità del DNA. Successivamente hanno incubato il gene responsabile del rilevamento e della risposta all’invecchiamento nei topi (S100A8) con IAA. Hanno scoperto che il metabolita si lega a una regione del promotore di S100A8, che ha consentito l’espressione del gene, con conseguente produzione di corpi apoptotici, che portano alla morte cellulare.

Per saperne di più, i ricercatori hanno somministrato IAA a giovani topi sani e hanno determinato che ciò comportava una perdita della capacità cognitiva. Successivamente hanno bloccato la produzione del metabolita nelle viscere dei topi più anziani e hanno scoperto che portava a miglioramenti nelle prestazioni cognitive.

- Advertisement -

Il metabolita batterico intestinale promuove la morte delle cellule neurali portando al declino cognitivo

Astratto grafico. Credito Cell Host&Microbiome (2022). DOI: 10.1016/j.chom.2022.05.005

I ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire se la produzione di IAA nel bioma dell’intestino umano si traduce anche in un declino cognitivo e, in tal caso, se bloccarne la produzione preverrebbe il declino cognitivo determinato dall’invecchiamento.

Fonte:CellHost&Microbiome

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...