Home Salute Cervello e sistema nervoso Epilessia,trovato un gene per la forma comune della malattia

Epilessia,trovato un gene per la forma comune della malattia

I ricercatori hanno scoperto un gene legato alla forma più comune di epilessia che un giorno potrebbero portare ad un test genetico per la condizione. Essi suggeriscono che la scoperta darà anche una nuova comprensione di altre malattie neurologiche come l’autismo.

 Ingrid Scheffer, professore e neurologo pediatrico del Neuroscience Florey Institute di Melbourne in  Australia e un team internazionale di colleghi, hanno pubblicato la loro scoperta  sul numero  on-line del 31 marzo, della rivista  Nature Genetics . Scheffer ha dichiarato in un’intervista trasmessa dalla radio ABC News  : L’epilessia colpisce circa 1 su 50 persone. Ci sono molte forme diverse, ma il 60% delle epilessie sono note come epilessia focale o epilessia parziale, in cui gli attacchi provengono da una parte del cervello. Si pensava che questo tipo di epilessia era causato da lesioni cerebrali o tumori, ma la nostra  scoperta significa che se si soffre di epilessia focale e non vi è alcuna causa nota, questo gene deve essere testato per cercare una mutazione.”

I ricercatori  sono giunti alla scoperta dopo aver studiato circa 90 famiglie in cui due membri avevano l’epilessia. I risultati hanno mostrato che un gene chiamato DEPDC5 è causa dell’epilessia focale in circa il 12% per cento delle famiglie in cui  due persone sono affette dalla condizione. Nel loro rapporto di studio scrivono: “Questa alta frequenza stabilisce  DEPDC5 mutazioni, come una causa comune in familiari con epilessie focali. “ Oltre all’apertura di nuove opportunità per la diagnosi di epilessia, i ricercatori ritengono che la loro scoperta porterà anche a trattamenti mirati. Scheffer mette in guardia che c’è un ancora molta strada da percorrere.

In primo luogo abbiamo bisogno di capire di più su DEPDC5. Tutto quello che sappiamo al momento è che la proteina che codifica per la segnalazione è coinvolta all’interno delle cellule. Quando abbiamo capito che cosa va male, allora possiamo iniziare a pensare  “realmente a migliorare i risultati”, ha aggiunto. Nelle famiglie che hanno preso parte allo studio , i ricercatori hanno notato che c’erano alcune persone con disabilità intellettiva e alcune con  disturbi di autismoScheffer ha concluso  che  DEPDC5 potrebbe giocare un ruolo in questi disturbi e anche in altri, ma è necessario  studiare molti più pazienti  con questa  mutazioni genetica e con questi disturbi, per stabilire una connessione causale. In un altro recente studio condotto dalla Columbia University Medical Center di New York, i ricercatori propongono  un collegamento genetico tra  l’epilessia e l’ emicrania .

Fonte  Nature Genetics  DOI: 10.1038/ng.2599 , Link  Astratto .

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...