HomeSaluteEndometriosi: il microbioma intestinale e i suoi prodotti promuovono la condizione

Endometriosi: il microbioma intestinale e i suoi prodotti promuovono la condizione

Endometriosi-Immagine Credit Public Domain-

Circa 196 milioni di donne in tutto il mondo soffrono di endometriosi, una condizione che tipicamente causa dolore pelvico e infertilità. L’endometriosi si sviluppa quando il rivestimento all’interno dell’utero si attacca ai tessuti circostanti, come l’intestino o la membrana che riveste la cavità addominale, causando sanguinamento, dolore e altri sintomi. Nonostante decenni di ricerca, si sa poco sui fattori che contribuiscono allo sviluppo dell’endometriosi.

Le prove suggeriscono che il microbioma, una comunità di microrganismi che vivono all’interno del corpo, è alterato nelle donne con endometriosi. In questo studio pubblicato sulla rivista Cell Death & Discovery, i ricercatori del Baylor College of Medicine hanno scoperto che un microbioma intestinale alterato svolge un ruolo fondamentale nella progressione dell’endometriosi in un modello animale.

- Advertisement -

“Per studiare il ruolo del microbioma nell’endometriosi abbiamo prima implementato un nuovo modello murino della condizione in cui abbiamo eliminato il microbioma usando antibiotici”, ha detto l’autore principale dello studio Dr. Rama Kommagani, Professore associato nei Dipartimenti di Patologia e Immunologia e di Molecular Virologia e microbiologia a Baylor.

I ricercatori hanno scoperto che i topi privi di microbioma intestinale avevano lesioni endometriosiche più piccole rispetto ai topi con un microbioma. Inoltre, quando i topi privi di microbioma intestinale hanno ricevuto il microbiota intestinale da topi con endometriosi, le lesioni sono cresciute tanto quanto quelle nei topi che conservano il loro microbioma. Questi risultati suggeriscono che i batteri intestinali alterati guidano la progressione della malattia. D’altra parte, il microbioma uterino non sembra influenzare la progressione della malattia.

Il team ha anche scoperto una nuova firma di metaboliti derivati ​​dal microbioma, prodotti prodotti dai microbi, che erano significativamente alterati nelle feci di topi con endometriosi. Sostenendo il ruolo dei metaboliti del microbioma nella progressione della malattia, Kommagani e i suoi colleghi hanno scoperto che il trattamento delle cellule endometriosiche e dei topi con il metabolita chiamato acido chinico ha migliorato significativamente rispettivamente la proliferazione cellulare e la crescita delle lesioni endometriosiche.

I risultati suggeriscono che alcune comunità del microbioma e/o i loro metaboliti possono contribuire alla progressione dell’endometriosi e che la modifica della composizione di queste comunità potrebbe aiutare a controllare la condizione nelle pazienti umani. “Stiamo attualmente indagando su questa possibilità”, ha detto Kommagani.

- Advertisement -

Vedi anche:Endometriosi: creato un profilo molecolare unico e dettagliato per cure migliori

I risultati hanno anche suggerito che lo studio dei metaboliti del microbioma nei campioni di feci umane potrebbe essere utilizzato come strumento diagnostico. “L’endometriosi viene tipicamente diagnosticata con gli ultrasuoni ed è necessaria una procedura invasiva per caratterizzare bene la lesione”, ha detto Kommagani. “Stiamo studiando se i metaboliti del microbioma nei campioni di feci umane potrebbero essere un utile strumento diagnostico e anche se alcuni di questi metaboliti potrebbero essere utilizzati come strategia di trattamento”.

Spiegano gli autori:

L’endometriosi è una condizione patologica dell’apparato riproduttivo femminile caratterizzata dall’esistenza di tessuto simile all’endometrio in sede ectopica, che colpisce il 10% delle donne di età compresa tra 15 e 49 anni negli Stati Uniti. Tuttavia, attualmente non esiste un metodo non invasivo affidabile per rilevare la presenza di endometriosi senza intervento chirurgico e molte donne trovano la terapia ormonale e la chirurgia inefficaci nell’evitare le recidive. C’è una mancanza di conoscenza sull’eziologia e sui fattori che contribuiscono allo sviluppo dell’endometriosi. Un numero crescente di prove recenti suggerisce un’associazione tra microbiota intestinale e fisiopatologia dell’endometriosi. Tuttavia, l’impatto diretto del microbiota e dei metaboliti derivati ​​dal microbiota sulla progressione della malattia dell’endometriosi è in gran parte sconosciuto. Per comprendere il ruolo causale del microbiota intestinale e dell’endometriosi, abbiamo implementato un nuovo modello utilizzando topi con impoverimento del microbiota (MD) indotto da antibiotici per studiare la progressione della malattia dell’endometriosi. È interessante notare che abbiamo scoperto che i topi MD hanno mostrato una ridotta crescita delle lesioni endometriosiche e il trapianto del microbiota intestinale mediante sonda gastrica orale di feci da topi con endometriosi ha salvato la crescita delle lesioni endometriosiche. Inoltre, utilizzando topi donatori privi di germi, abbiamo indicato che il microbiota uterino è superfluo per la crescita delle lesioni endometriosiche nei topi. Inoltre, abbiamo dimostrato che il microbiota intestinale modula le popolazioni di cellule immunitarie nel peritoneo dei topi portatori di lesioni. Infine, abbiamo trovato una nuova firma di metaboliti derivati ​​dal microbiota che erano significativamente alterati nelle feci di topi con endometriosi. Inoltre, abbiamo trovato uno dei metaboliti alterati, l’acido chinico ha promosso la sopravvivenza delle cellule epiteliali endometriosiche in vitro e la crescita delle lesioni in vivo, suggerendo il potenziale di promozione della malattia dei metaboliti derivati ​​dal microbiota. In sintesi, questi dati suggeriscono che il microbiota intestinale e il metaboloma derivato dal microbiota contribuiscono alla crescita delle lesioni nei topi, probabilmente attraverso adattamenti delle cellule immunitarie. Di importanza traslazionale, questi risultati aiuteranno nella progettazione della diagnostica non invasiva utilizzando i metaboliti nelle feci per la diagnosi di endometriosi”.

Le donne con endometriosi tendono anche ad avere problemi intestinali, come la colite o la sindrome infiammatoria intestinale. “Siamo interessati a determinare se i cambiamenti nel microbioma intestinale potrebbero influenzare le condizioni intestinali e la possibilità di controllarli modificando il microbioma o i loro metaboliti”, ha detto Kommagani.

Fonte:Cell Death Discovery

ULTIMI ARTICOLI

Diete rompicapo: perché una dieta ricca di grassi potrebbe ridurre la capacità del cervello di regolare il consumo di cibo

Dieta-Immagine Credit Public Domain- I ricercatori suggeriscono che la regolazione delle calorie a breve termine è controllata dagli astrociti nel cervello. Una dieta ricca di...

Epatite cronica D: confermata l’efficacia di Bulevirtide

Epatite cronica D-Immagine Credit Public Domain- Nel 2020, Bulevirtide (BLV) è stato approvato in modo condizionale per il trattamento dell'epatite cronica delta (CHD), un'infiammazione del...

Depressione e microbioma intestinale: spiegato il collegamento

Depressione/intestino-Immagine: illustrazione dei batteri nell'intestino umano. Credito: Darryl Leja, National Human Genome Research Institute, National Institutes of Health. In esperimenti con topi e umani, un team...

Potente microscopio 3D Gigapixel cattura la vita con dettagli sbalorditivi

Microscopio 3D Gigapixel-Immagine Credit Nature- Dalla DUKE UNIVERSITY, 20 MARZO 2023 Un nuovo tipo di microscopio che unisce i video di dozzine di fotocamere più piccole può...

Cosa rende la malaria un nemico così astuto

Il Plasmodium falciparum, il parassita che causa la forma più mortale di malaria negli esseri umani, è un maestro evasore e ha schivato tutti...