Emergono nuovi bersagli terapeutici per la fibrosi renale

malattia renale cronica

Immagine, durante la progressione della fibrosi renale, obiettivo dei compartimenti di accoppiamento spaziale rapamycina-autofagia (TASCCs, mostrato in rosso e verde), aumentando la quantità di fattori secreti che favoriscono la fibrosi. Credito: Joe Bonventre, Brigham and Women’s Hospital.

La malattia renale cronica è una preoccupazione per la salute globale che colpisce circa il 10% della popolazione mondiale e aumenta in prevalenza. Un’ultima, comune via nella malattia renale cronica è la fibrosi. 

Proprio come la fibrosi – o la formazione di tessuto connettivo fibroso – può causare effetti devastanti nel polmone, nel fegato, nel cuore e altrove, la fibrosi dei reni può infine portare all’insufficienza renale allo stadio terminale. Negli ultimi anni, i ricercatori hanno scoperto che dopo una lesione renale acuta, i reni spesso non riescono a riparare completamente se stessi e le cellule renali possono rimanere bloccate durante il ciclo cellulare in uno stato in cui rilasciano fattori profibrotici.

Vedi anche,Scoperti i geni che predispongono alla malattia renale cronica.

 Un nuovo studio, pubblicato su Science Translational Medicine, si basa su questi risultati, identificando i fattori chiave coinvolti in questo arresto del ciclo cellulare e illuminandone le conseguenze. 

Sulla base di queste scoperte, il gruppo di ricerca, guidato dai ricercatori del  Brigham e Women’s Hospital, ha identificato anche una nuova struttura intracellulare e nuovi bersagli terapeutici per la fibrosi renale.

Ha detto l’autore corrispondente Joseph Bonventre, capo della divisione di Medicina Renale presso la Brigham University e un membro della facoltà dell’Harvard Stem Cell Institute, “Il nostro laboratorio ha studiato lesioni renali acute e croniche e fibrosi per molti anni e ora ci concentriamo sulla transizione dalla malattia renale acuta a quella cronica e su ciò che porta alla fibrosi nei reni“.

Bonventre e colleghi hanno studiato la transizione dalla malattia renale acuta a quella cronica nei topi, usando cellule epiteliali e conducendo analisi di espressione genica.

I ricercatori hanno scoperto che durante la progressione della fibrosi renale, un compartimento critico si è formato all’interno delle cellule renali. La presenza dell’obiettivo del compartimento di accoppiamento spaziale rapamicina-autofagia (TASCC) ha aumentato la quantità di fattori secreti che favoriscono la fibrosi (i TASCC si formano anche durante la fibrosi epatica). Inoltre, il team ha identificato un ruolo chiave di cyclin G1 (CG1), una proteina coinvolta nella regolazione dell’arresto del ciclo cellulare, per indurre anche la formazione di TASCCs. 

Il blocco della formazione di TASCC ha ridotto la gravità della progressione della malattia fibrotica renale nei modelli preclinici.

Il team ha anche studiato un gruppo di pazienti con malattia renale cronica che avevano sviluppato lesioni fibrotiche progressive. I ricercatori hanno scoperto che il tessuto renale di questi pazienti, rispetto ai controlli, aveva più cellule renali arrestate nella fase G2 / M del ciclo cellulare e che queste cellule contenevano TASCC. Le cellule contenenti TASCC sono state trovate anche in pazienti con danno renale acuto.

Gli autori concludono: “Abbiamo identificato un meccanismo di progressione della fibrosi che comporta l’induzione della formazione di TASCC promosso da CG1, che facilita la secrezione di fattore profibrotico nelle cellule nella fase G2-M del ciclo cellulare.Questo percorso può rappresentare un nuovo obiettivo terapeutico promettente “.

Fonte, Science Translational Medicine


Altri articoli su malattia renale cronica