HomeReniMalattia renale cronica: un enzima potrebbe aiutare milioni di persone

Malattia renale cronica: un enzima potrebbe aiutare milioni di persone

(Malattia renale cronica-Immagine

I ricercatori dell’Università del South Australia hanno identificato un enzima che può aiutare a frenare la malattia renale cronica che colpisce circa 700 milioni di persone in tutto il mondo.

“Questo enzima, NEDD4-2, è fondamentale per la salute dei reni”, afferma la Dr.ssa Jantina Manning, scienziata del Centro UniSA per la biologia del cancro, in un nuovo documento pubblicato questo mese su Cell Death & Disease. La ricercatrice all’inizio della carriera e i suoi colleghi, tra cui il Professor Sharad Kumar, scienziato dell’anno 2020 SA, hanno dimostrato in uno studio sugli animali la correlazione tra una dieta ricca di sale, bassi livelli di NEDD4-2 e malattia renale avanzata. Sebbene una dieta ricca di sale possa esacerbare alcune forme di malattia renale, fino ad ora, i ricercatori non si erano resi conto che NEDD4-2 svolge un ruolo nel promuovere questo danno renale indotto dal sale.

- Advertisement -

“Ora sappiamo che una dieta ricca di sodio e bassi livelli di NEDD4-2 promuovono la progressione della malattia renale, anche in assenza di ipertensione, che normalmente va di pari passo con l’aumento del sodio”, afferma il Dr. Manning. NEDD4-2 regola il percorso necessario per il riassorbimento del sodio nei reni per garantire il mantenimento dei corretti livelli di sale. Se la proteina NEDD4-2 viene ridotta o inibita, un maggiore assorbimento di sale può provocare danni ai reni. Anche le persone che seguono una dieta a basso contenuto di sale possono ottenere danni ai reni se hanno bassi livelli di NEDD4-2 a causa di variazioni genetiche o mutazioni nel gene.

Il Prof. Kumar afferma che l’obiettivo a lungo termine è sviluppare un farmaco in grado di aumentare i livelli di NEDD4-2 nelle persone con malattia renale cronica (CKD).

“Ora stiamo testando diverse strategie per assicurarci che questa proteina sia mantenuta a un livello normale per tutto il tempo per la salute generale dei reni”, dice il Prof Kumar. Nella nefropatia diabetica, una causa comune di malattie renali, i livelli di NEDD4-2 sono gravemente ridotti ed è così anche quando il sale non è un fattore che contribuisce“.

Vedi anche:Malattia renale cronica: approvato nuovo farmaco

- Advertisement -

Lo studio ha anche rivelato una scoperta sorprendente: che la malattia renale indotta da una dieta ricca di sale non è sempre dovuta all’ipertensione.

“In molti casi, la malattia renale è esacerbata dall’ipertensione, quindi abbiamo voluto indagare questo collegamento nel nostro studio. In effetti, abbiamo trovato l’esatto opposto: una dieta ricca di sale causava un’eccessiva perdita di acqua e bassa pressione sanguigna e questo significa che la malattia renale può verificarsi anche in persone che non hanno la pressione alta“, dice il Dr. Manning.

Un documento pubblicato da Lancet del 2020 ha stimato che circa 700 milioni di persone, ovvero il 10% della popolazione mondiale, soffrono di malattie renali croniche, con un aumento del 29% negli ultimi 30 anni. L’enorme picco di CKD è principalmente attribuito a un’epidemia di obesità globale negli ultimi decenni, che ha portato al diabete, una delle principali cause di malattia renale cronica insieme all’ipertensione.

Spiegano gli autori:

La progressione della malattia renale può essere influenzata dall’abbondanza di Na +. Un regolatore chiave dell’omeostasi di Na + è l’ubiquitina ligasi NEDD4-2 e la sua carenza porta a una maggiore attività di trasporto di Na + e a un danno renale progressivo sensibile al sale. Tuttavia, i meccanismi responsabili del danno indotto da Na + elevato rimangono poco conosciuti. Qui mostriamo che una dieta ricca di Na + ha compromesso la funzione renale nei topi carenti di Nedd4-2, indicativa della progressione verso la malattia renale allo stadio terminale. La lesione è stata caratterizzata da una maggiore dilatazione dei tubuli e accumulo di matrice extracellulare, insieme ad un’attivazione sostenuta del segnale Wnt / β-catenina e TGF-β. Inoltre, un basso contenuto di Na + nella dieta ha salvato da malattia renale i topi con deficit di Nedd4-2 e ha silenziato la segnalazione di Wnt / β-catenina e TGF-β. Il nostro studio rivela l’importante ruolo dell’ubiquitinazione dipendente da NEDD4-2 nell’omeostasi Na + e nella protezione dalla segnalazione aberrante Wnt / β-catenina / TGF-β nella malattia renale progressiva“.

“L’obesità e lo stile di vita sono due fattori principali alla base della malattia renale cronica, ma ci sono anche altre cose in gioco”, afferma il Dottor Manning. “Come le lesioni renali acute, i farmaci assunti per altre condizioni, l’ ipertensione e una predisposizione genetica possono”.

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...