Dalla biomimetica nuovi approcci terapeutici per la cura della malattia renale cronica

biomimetica,malattia renale cronica

Immagine: ( Malattia renale cronica)- La biomimetica offre un approccio innovativo alla risoluzione dei problemi umani imitando strategie presenti in natura, come ad esempio quelle utilizzate dagli  ibernatori come gli orsi. Credit Georg Rauer.

Dalla biomimetica potrebbero presto arrivare nuovi apoprocci terapeutici per la cura della malattia renale cronica, secondo un nuovo studio condotto dalla University of Medicine di Vienna.

Il campo della biomimetica offre un approccio innovativo alla risoluzione dei problemi umani imitando le strategie presenti in natura. La ricerca medica potrebbe anche trarre beneficio dalla biomimetica, in quanto un gruppo di esperti internazionali di vari settori, tra cui un veterinario della fauna selvatica e gli ecologi della fauna selvatica del Vetmeduni di Vienna, sottolineano l’esempio della malattia renale cronica. Nelle ricerche future, i rcercatori intendono studiare i meccanismi che proteggono i muscoli, gli organi e le ossa di certi animali in condizioni estreme come il letargo.

La ricerca è stata pubblicata da Nature Reviews.

Attraverso alcune modificazioni genetiche, il processo di evoluzione ha portato a una grande varietà di adattamenti a diversi ambienti nel regno animale. Molte specie hanno sviluppato meccanismi affascinanti che forniscono resistenza alle malattie o aiutano a proteggere le loro cellule dall’invecchiamento e dallo stress ossidativo in condizioni estreme. Avrebbe quindi senso indagare su questi meccanismi in altre specie e adattare le conoscenze acquisite allo sviluppo di nuove strategie nel campo della medicina umana.

( Vedi anche:Scoperto un gene che contribuisce allo sviluppo della malattia renale).

Una maggiore attenzione alla biomimetica, il campo di ricerca che studia questo approccio, potrebbe portare ad una svolta medica nel trattamento della malattia renale cronica. Una collaborazione internazionale e interdisciplinare di ricerca, tra cui scienziati dell’Istituto di ricerca sull’ecologia della fauna selvatica, ha ora fornito una prima panoramica dei meccanismi animali che potrebbero essere utili per lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici per questa malattia diffusa a livello globale.

Soluzioni ricercate per la malattia renale cronica

Adattamenti fisici che sono di interesse per la biomimetica includono l‘eccezionale longevità dei ratti talpa nudi, per esempio o la capacità di sopravvivere a condizioni estreme come il letargo. “La biomimetica tenta di copiare strategie che sono già state provate e perfezionate per natura in migliaia di anni”, spiega Johanna Painer del Dipartimento di Biologia ed Evoluzione Integrativa. Painer, in una collaborazione internazionale con esperti di vari settori, ricerca quali di questi elementi del regno animale potrebbero essere applicati alla salute umana. “Stiamo confrontando esempi di medicina umana e veterinaria e di biologia per conoscere più rapidamente lo sviluppo di alcuni problemi e poi ridurli al minimo in futuro”, afferma la ricercatrice.

Uno di questi problemi per i quali si possono trovare soluzioni nel regno animale è la malattia renale cronica.

Questa malattia, che sta diventando sempre più diffusa in tutto il mondo, è associata a molte complicazioni, come le malattie cardiovascolari, l’osteoporosi, la degenerazione muscolare e l’invecchiamento precoce. Ma la malattia renale è anche un problema nel regno animale. Felini domestici e gatti selvatici sono abbastanza frequentemente colpiti da malattia renale cronica. “Una possibile causa è l’elevato consumo di carne e le conseguenti variazioni dei batteri nell’intestino”, afferma Painer. Altri animali, come il comune pipistrello vampiro o ibernario come l’orso, hanno sviluppato meccanismi che li proteggono dalla malattia.

Studi futuri dovrebbero interessarsi ai meccanismi che, da un lato, causano la malattia negli animali e, dall’altro, sono responsabili di determinati effetti protettivi. “Gli studi sui felidi possono fornire informazioni sui legami tra consumo di carne rossa, microbiota intestinale e patologie renali. Gli studi sugli orsi in letargo potrebbero aiutare a identificare nuove strategie per trattare e prevenire complicazioni come deperimento muscolare, ulcere da pressione, trombosi e osteoporosi durante periodi più lunghi di allettamento “, conclude Painer. Nuove possibilità di conservazione degli organi possono anche essere trovate.

Il vantaggio offerto dalla biomimetica sta nella sua natura interdisciplinare. La collaborazione tra nefrologi –  specialisti in malattie renali e ipertensione – ed esperti provenienti da altri campi, come la medicina veterinaria, la zoologia, la biologia molecolare, l’antropologia e l’ecologia, potrebbe introdurre un nuovo approccio per migliorare la salute umana e aiutare a trovare nuovi strategie di trattamento per la malattia renale cronica. “La collaborazione tra varie discipline crea un effetto sinergico che può portare alla scoperta di molti nuovi approcci terapeutici: dovremmo fare un maggiore uso di tale collaborazione in futuro”, afferma Painer.

Fonte: University of Veterinary Medicine, Vienna


Altri articoli su biomimetica, malattia renale cronica