Home Alimentazione & Benessere Dieta vegetale riduce il rischio di malattie cardiache

Dieta vegetale riduce il rischio di malattie cardiache

Una dieta vegetale può essere la chiave per ridurre il rischio di malattie cardiache. I ricercatori della Penn State University hanno stabilito che le diete con aminoacidi solforati ridotti – che si trovano negli alimenti ricchi di proteine, come carne, latticini, noci e soia – erano associate a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari.

Il team ha anche scoperto che l’americano medio consuma quasi 2 volte e 1/2 più amminoacidi solforati rispetto al fabbisogno medio stimato.

Gli aminoacidi sono i mattoni delle proteine. Una sottocategoria, chiamata amminoacidi solforati, tra cui metionina e cisteina, svolge vari ruoli nel metabolismo e nella salute.

- Advertisement -

“Per decenni si è capito che le diete vegetali che limitano gli aminoacidi solforati erano benefiche per la longevità negli animali“, ha detto John Richie, Professore di scienze della salute pubblica al Penn State College of Medicine. “Questo studio fornisce la prima prova epidemiologica che un eccessivo apporto alimentare di aminoacidi solforati può essere correlato agli esiti di malattie croniche negli esseri umani”.

Richie ha guidato un team che ha esaminato le diete e i biomarcatori del sangue di oltre 11.000 partecipanti ad uno studio nazionale e ha scoperto che i partecipanti che mangiavano cibi contenenti meno aminoacidi solforati tendevano ad avere un rischio ridotto di malattie cardiometaboliche in base al loro esame del sangue.

Il team ha valutato i dati del Terzo National Examination and Nutritional Health Survey. I ricercatori hanno individuato un punteggio composito di rischio di malattia cardiometabolica basato sui livelli di alcuni biomarcatori nel sangue dei partecipanti dopo un digiuno di 10-16 ore, inclusi colesterolo, trigliceridi, glucosio e insulina.

Vedi anche:Dieta: carne e latticini e rischio di cancro

- Advertisement -

Questi biomarcatori sono indicativi del rischio di malattia di un individuo, proprio come i livelli di colesterolo alto sono un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari”, ha detto Richie. “Molti di questi livelli possono essere influenzati dalle abitudini alimentari a lungo termine di una persona“.

I nutrizionisti hanno raccolto informazioni sulle diete dei partecipanti 24 ore su 24. L’assunzione di nutrienti è stata quindi calcolata utilizzando il database dei nutrienti del sondaggio del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti.

Dopo aver tenuto conto del peso corporeo, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione media di aminoacidi solforati era quasi due volte e mezzo superiore al fabbisogno medio stimato nei partecipantiXiang Gao, Professore associato e Direttore del laboratorio di epidemiologia nutrizionale presso la Penn State University e coautore dello studio, pubblicato il 3 febbraio 2020 su Lancet EClinical Medicine, ha suggerito che ciò potrebbe essere dovuto alle tendenze nella dieta media di un persona che vive negli Stati Uniti.

“Molte persone negli Stati Uniti consumano una dieta ricca di carne e latticini”, ha detto Gao. “Pertanto, non sorprende che molti stiano superando il fabbisogno medio se si considera che questi alimenti contengono quantità maggiori di aminoacidi solforati”.

I ricercatori hanno scoperto che una maggiore assunzione di aminoacidi solforati era associata a un punteggio di rischio cardiometabolico composito più alto dopo aver tenuto conto di potenziali fattori di confondimento come età, sesso e storia di diabete e ipertensione. Hanno anche scoperto che un’elevata assunzione di aminoacidi solforati era associata a ogni tipo di cibo ad eccezione di cereali, verdura e frutta.

“Le carni e altri cibi ad alto contenuto proteico hanno generalmente più alto contenuto di aminoacidi solforati”, ha detto Zhen Dong, autore principale dello studio. “Le persone che seguono una dieta vegetale consumano quantità inferiori di aminoacidi solforati. Questi risultati supportano alcuni degli effetti benefici sulla salute osservati in coloro che seguono diete a base vegetale”.

Dong ha affermato che questo studio ha valutato l’assunzione alimentare e i fattori di rischio di malattie cardiometaboliche solo in un determinato momento, ma l’associazione tra l’aumento dell’assunzione di aminoacidi solforati e il rischio di malattie cardiometaboliche era comunque forte. Ha riferito che questi dati supportano uno studio prospettico longitudinale che valuta l’assunzione di aminoacidi solforati e gli esiti sulla salute nel tempo.

“In questo studio abbiamo visto un’associazione tra alcune abitudini alimentari e livelli più elevati di biomarcatori del sangue che mettono una persona a rischio di malattie cardiometaboliche”, ha detto Richie. “Uno studio longitudinale ci permetterebbe di analizzare se le persone che mangiano in un certo modo finiscono per sviluppare le malattie per cui questi biomarcatori indicano un rischio”.

Fonte:PennState Healthnews

ULTIMI ARTICOLI

Dieta vegetale riduce il rischio di malattie cardiache

Una dieta vegetale può essere la chiave per ridurre il rischio di malattie cardiache. I ricercatori della Penn State University hanno stabilito che le...

Vaccino COVID 19: come interagisce con il corpo?

(Immagine:Vaccino COVID 19-Credit Public Domain). Ormai, tutti hanno visto innumerevoli immagini di persone che hanno ricevuto il vaccino COVID-19. Ma una volta iniettato nella parte superiore...

Invecchiamento: nuova terapia genica da CRISPR / Cas9

(Invecchiamento-Immagine : la terapia genica mirata a Kat7 estende la durata della vita nei topi naturalmente anziani e nella progeria-Credito: IOZ). Nell'invecchiamento un fattore fondamentale...

SARS-CoV-2 smascherato da un modello matematico

(SARS-CoV-2-Immagine Credit Public Domain). SARS-CoV-2 è stato smascherato da un modello matematico che suggerisce strategie di trattamento ottimali. Ottenere il controllo di COVID-19 richiederà più...

Latticini: in futuro saranno prodotti anche dal lievito

(Latticini-Immagine Credit Public Domain). I latticini in futuro saranno prodotti anche dal lievito grazie ad una straordinaria tecnologia che potrebbe rivoluzionare il settore lattiero-caseario. Il nuovo...