HomeAlimentazione & BenessereDieta antinfiammatoria: migliore soluzione per la salute cognitiva

Dieta antinfiammatoria: migliore soluzione per la salute cognitiva

(Dieta antinfiammatoria-Immagine Credi Public Domain).

Man mano che le persone invecchiano, l’infiammazione all’interno del loro sistema immunitario aumenta, danneggiando le cellule. Un nuovo studio mostra che le persone che hanno seguito una dieta antinfiammatoria che include più frutta, verdura, fagioli e tè o caffè, hanno avuto un minor rischio di sviluppare demenza più avanti nella vita.

La ricerca è stata pubblicata nel numero online di Neurology del 10 novembre 2021.

- Advertisement -

“Potrebbero esserci alcuni potenti strumenti nutrizionali nella tua casa per combattere l’infiammazione che potrebbe contribuire all’invecchiamento cerebrale”, ha detto l’autore dello studio Nikolaos Scarmeas, MD, Ph.D., dell’Università Nazionale di Atene in Grecia e un borsista dell’Accademia americana di neurologia. “La dieta è un fattore di stile di vita che è possibile modificare e potrebbe svolgere un ruolo nella lotta all’infiammazione, uno dei percorsi biologici che contribuiscono al rischio di demenza e deterioramento cognitivo più avanti nella vita”.

Lo studio ha esaminato 1.059 persone in Grecia con un’età media di 73 anni che non avevano la demenza.

Ogni persona ha risposto a un questionario sulla frequenza alimentare comunemente utilizzato per determinare il potenziale infiammatorio della dieta di una persona. Il questionario ha cercato informazioni sui principali gruppi di alimenti consumati nel mese precedente, tra cui latticini, cereali, frutta, verdura, carne, pesce, legumi, tra cui fagioli, lenticchie e piselli, grassi aggiunti, bevande alcoliche, stimolanti e dolci. Un possibile punteggio infiammatorio alimentare può variare da -8,87 a 7,98, con punteggi più alti che indicano una dieta più infiammatoria, che include meno porzioni di frutta, verdura, fagioli e tè o caffè.

Scarmeas osserva che più nutrienti in tutti gli alimenti contribuiscono alla natura infiammatoria della dieta di una persona.

- Advertisement -

Vedi anche:COVID 19: dieta antinfiammatoria previene l’infezione

I ricercatori hanno diviso i partecipanti in tre gruppi uguali: quelli con i punteggi infiammatori dietetici più bassi, i punteggi medi e i punteggi più alti. Quelli del gruppo con i punteggi più bassi di -1,76 e inferiori, che indicano una dieta più antinfiammatoria, mangiavano in media a settimana 20 porzioni di frutta, 19 di verdura, quattro di fagioli o altri legumi e 11 di caffè o tè per settimana. Quelli del gruppo con i punteggi più alti, 0,21 e superiori, che indicano una dieta più infiammatoria, mangiavano in media a settimana nove porzioni di frutta, 10 di verdura, due di legumi e nove di caffè o tè.

I ricercatori hanno seguito ogni persona per una media di tre anni. Nel corso dello studio, 62 persone o il 6%, hanno sviluppato demenza. Le persone che hanno sviluppato la demenza hanno avuto punteggi medi di -0,06, rispetto ai punteggi medi di -0,70 per coloro che non hanno sviluppato la demenza.

Dopo aver aggiustato per età, sesso e istruzione, i ricercatori hanno scoperto che ogni aumento di un punto nel punteggio infiammatorio alimentare era associato a un aumento del 21% del rischio di demenza. Rispetto al terzo più basso dei partecipanti che hanno consumato la dieta meno infiammatoria, quelli nel terzo più alto avevano tre volte più probabilità di sviluppare la demenza.

I nostri risultati ci stanno avvicinando alla caratterizzazione e alla misurazione del potenziale infiammatorio delle diete delle persone”, ha affermato Scarmeas. “Ciò a sua volta potrebbe aiutare a fornire raccomandazioni dietetiche più personalizzate e precise e altre strategie per mantenere la salute cognitiva”.

Lo studio era di tipo osservazionale, non uno studio clinico. Non prova che seguire una dieta antinfiammatoria prevenga l’invecchiamento cerebrale e la demenza, mostra solo un’associazione.

Un’ulteriore limitazione è il breve tempo di follow-up di tre anni. Sono necessari studi più lunghi per confermare e replicare questi risultati.

Fonte:Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Dieta antinfiammatoria: migliore soluzione per la salute cognitiva

(Dieta antinfiammatoria-Immagine Credi Public Domain). Man mano che le persone invecchiano, l'infiammazione all'interno del loro sistema immunitario aumenta, danneggiando le cellule. Un nuovo studio mostra...

Mielina: nuova strategia per la rigenerazione

(Mielina-Immagine: riparazione alterata di lesioni croniche in mutanti del colesterolo neuronale (NcKO). I mutanti formano meno mielina (marrone) e la proliferazione degli oligodendrociti (verde) è...

Leucemia mieloide acuta: trovato “il proiettile magico”

(Leucemia mieloide acuta-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori hanno fatto un enorme passo avanti nella ricerca di una terapia mirata per la leucemia mieloide acuta. L'innovativa...

Depressione: nuovo target per farmaci ad azione rapida

(Depressione-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori di Vanderbilt hanno scoperto che la rapida azione antidepressiva della ketamina è dovuta a specifici effetti sinaptici. Questo rappresenta un...

Dolore: nuovo composto fornisce un innovativo sollievo

(Dolore-Immagine: la struttura del composto 194 (stick gialli) sovrapposta a una traccia elettrofisiologica che mostra correnti di sodio ridotte (linee gialle contro linee nere)...