HomeSaluteVirus e parassitiCOVID 19: dieta antinfiammatoria previene l'infezione

COVID 19: dieta antinfiammatoria previene l’infezione

Una recente revisione della ricerca pubblicata sulla rivista Diseases ha dimostrato che le diete antinfiammatorie possono essere utili per prevenire l’infezione da SARS-CoV-2 o ridurre la gravità della malattia da coronavirus COVID-19.

La pandemia di COVID-19 ha messo a dura prova i sistemi socioeconomici e sanitari di molti paesi, con oltre 248 milioni di infezioni e oltre 5 milioni di decessi registrati fino ad oggi.

Sebbene COVID-19 rimanga asintomatica o leggermente sintomatico nella maggior parte delle persone infette, può causare gravi conseguenze potenzialmente letali nelle persone suscettibili, compresi gli anziani, i pazienti immunocompromessi e quelli con comorbidità.

- Advertisement -

La caratteristica principale della COVID-19 grave è l’iperinfiammazione caratterizzata da un’eccessiva secrezione di citochine e chemochine. Come evidenziato in letteratura, l’interferone gamma, l’interleuchina (IL) -1, -6 e -18 e il fattore di necrosi tumorale (TNF) sono le principali citochine coinvolte nelle condizioni immunopatologiche correlate al COVID-19. Tale iperattivazione del sistema immunitario è nota collettivamente cometempesta di citochine” che successivamente porta all’apoptosi delle cellule immunitarie, alla clearance virale ritardata, alla rottura della barriera alveolare e al danno polmonare.

(COVID 19 e dieta-Immagine Credit Public Domain).

È ben documentato in letteratura che una dieta sana è importante per il corretto funzionamento del sistema immunitario. Al contrario, le persone con uno scarso stato nutrizionale sembrano avere un sistema immunitario indebolito, il che le rende più suscettibili alle infezioni virali. Data la fisiopatologia di COVID-19, si prevede che le diete antinfiammatorie riducano il carico immunopatologico della malattia.

Nell’attuale articolo di revisione, gli scienziati hanno discusso l’impatto degli approcci nutrizionali antinfiammatori nella prevenzione e nella gestione dell’infezione da SARS-CoV-2.

Disegno dello studio

- Advertisement -

Gli scienziati hanno incluso tutti gli articoli che hanno studiato l’impatto dei micro/macronutrienti dietetici sull’iperinfiammazione correlata a COVID-19. Hanno selezionato in modo specifico studi clinici, studi randomizzati controllati, meta-analisi e articoli di revisione pubblicati tra gennaio 2020 e giugno 2021.

Dopo aver escluso studi non umani, articoli prestampati e articoli non inglesi, hanno finalmente selezionato e discusso 17 studi nell’attuale revisione.

Vedi anche:Vaccini COVID 19 sicuri nei casi di storia di allergie

Osservazioni importanti

Gli studi selezionati nella revisione hanno riferito che i pazienti COVID-19 con carenza di nutrienti impiegano più tempo per riprendersi. Inoltre, la maggior parte dei pazienti ospedalizzati sembrava avere almeno una carenza di nutrienti. Come interventi nutrizionali per la gestione di COVID-19, gli studi si sono concentrati principalmente su alcuni componenti dietetici antinfiammatori critici, tra cui le vitamine C e D, lo zinco e gli acidi grassi omega-3, nonché la dieta mediterranea.

Dieta mediterranea

La dieta mediterranea, composta da frutta e verdura, legumi, pesce e olio d’oliva, è nota per avere potenti proprietà antinfiammatorie, immunomodulanti, antiossidanti e antitrombotiche. È ben documentato che la dieta mediterranea è altamente efficace nella gestione delle malattie cardiovascolari, polmonari e metaboliche.

Per quanto riguarda la gestione della COVID-19, gli studi hanno dimostrato che la dieta riduce efficacemente la durata della degenza ospedaliera e il tasso di mortalità nei pazienti COVID-19 di età superiore ai 65 anni. Inoltre, è noto che la dieta riduce il rischio di infezione da SARS-CoV-2 e le complicanze a breve e lungo termine associate a COVID-19.

Vitamina D

Le proprietà antivirali, antinfiammatorie e immunitarie della vitamina D sono ben documentate in letteratura. Inoltre, la vitamina D riduce la produzione di mediatori proinfiammatori riducendo al minimo la produzione di T-helper 1.

Nei pazienti gravemente malati di COVID-19, è stato dimostrato che l’integrazione di vitamina D riduce la durata della degenza in unità di terapia intensiva (ICU). Inoltre, gli studi hanno dimostrato che i pazienti COVID-19 con carenza di vitamina D tendono ad avere tassi di mortalità più elevati e che l’integrazione di vitamina D può ridurre gli esiti immunologici a lungo termine di COVID-19, come l’aumento prolungato di IL-6 e livelli di interferone-gamma. .

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per concludere qualsiasi beneficio terapeutico della vitamina D contro COVID-19, la maggior parte degli studi indica che l’entità dei benefici terapeutici dipende dal precedente stato di vitamina D del paziente. Pertanto, un’adeguata assunzione di vitamina D è generalmente raccomandata per prevenire la carenza. La dose dietetica raccomandata di vitamina D è di 600-800 UI/giorno.          

Vitamina C

La proprietà antiossidante della vitamina C è ben documentata. Agisce come cofattore in molte vie biosintetiche e facilita la produzione di anticorpi. Inoltre, è noto che l’assunzione alimentare di 1 g di vitamina C al giorno riduce la produzione di citochine proinfiammatorie (IL-6, TNF e proteina C-reattiva) e aumenta la produzione di citochine antinfiammatorie (IL-10).

Nei pazienti COVID-19, l’infusione endovenosa di vitamina C ad alte dosi ha dimostrato di ridurre la durata della degenza in terapia intensiva e il tasso di mortalità. Riduce anche la progressione dei sintomi della COVID-19. Attualmente è in corso uno studio interventistico di fase 2 per studiare l’impatto della supplementazione di vitamina C nei pazienti COVID-19. La dose giornaliera raccomandata di vitamina C per gli adulti è di 90 mg/giorno. Sebbene l’uso a breve termine della vitamina C sia sicuro, l’assunzione prolungata di vitamina C ad alte dosi potrebbe indurre condizioni di salute avverse, come la formazione di calcoli renali di ossalato.

Acidi grassi polinsaturi Omega-3

Gli acidi grassi omega-3 come l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA) mostrano la capacità di inibire la produzione di citochine proinfiammatorie e di produrre mediatori lipidici pro-risolvibili meno infiammatori, tra cui prostaglandine, trombossani, protectine e resolvine.

Nell’infezione da SARS-CoV-2, gli acidi grassi omega-3 potrebbero svolgere un ruolo benefico regolando la fluidità della zattera lipidica e successivamente interrompendo la formazione del complesso spike – enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2). Attualmente è in corso una sperimentazione clinica per studiare l’impatto dell’assunzione di EPA sui pazienti con infezione da SARS-CoV-2.  

Zinco

Lo zinco è un minerale fondamentale richiesto per le cellule immunitarie e il corretto funzionamento del T-helper e cellule T citotossiche. Nei pazienti COVID-19, è stato dimostrato che l’integrazione di zinco mostra una potenziale risposta antinfiammatoria. Inoltre, è stato dimostrato che il minerale riduce l’intensità dei sintomi nei pazienti con infezione da SARS-CoV-2. 

Le funzioni terapeutiche o preventive di un approccio nutritivo saranno probabilmente chiarite. Fino ad allora, il pubblico dovrebbe concentrarsi sull’immunizzazione attraverso la vaccinazione e dare la priorità a uno stato nutrizionale appropriato e incoraggiare uno stile di vita attivo.

Fonte:Disease

 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...