Nuovo potenziale approccio per il trattamento del diabete di tipo 2

diabete di tipo 2

Immagine, un’isoletta pancreatica con cellule beta che producono insulina (in rosso) e cellule beta che mostrano segni di fallimento (in giallo e verde). Credito: Lo Lab.

L’ adipsina proteica, che viene prodotta nel grasso corporeo, aiuta a proteggere le cellule che secernono insulina chiamate cellule beta pancreatiche dalla distruzione nel diabete di tipo 2, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori di Weill Cornell Medicine e NewYork-Presbyterian. Tra gli adulti di mezza età, livelli più elevati di proteine ​​nel sangue erano anche associati alla protezione dal diabete di tipo 2.

Lo studio, pubblicato il 7 novembre su Nature Medicine, potrebbe avere implicazioni per il futuro sviluppo di terapie per il diabete di tipo 2 che prendono di mira e proteggono le cellule beta.

“Un grosso problema associato al diabete di tipo 2 è che le cellule beta smettono di funzionare correttamente e svaniscono”, ha detto l’autore senior Dr. James C. Lo, assistente Professore di medicina e di farmacologia presso Weill Cornell Medicine e cardiologo presso NewYork-Presbyterian / Weill Cornell Medical Center. Circa 30 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il diabete e fino al 95% di questi individui ha la forma di tipo 2 della malattia, in cui il corpo smette di rispondere all’insulina e le cellule beta del pancreas smettono lentamente di produrne abbastanza.

“Alcuni dei farmaci attualmente disponibili che colpiscono le cellule beta hanno effetti collaterali, come abbassare troppo i livelli di glucosio nel sangue”, ha detto il Dott. Lo. Inoltre, non esistono trattamenti comprovati per prevenire la perdita di cellule beta. Le persone con diabete di tipo 2 le cui cellule beta non funzionano correttamente devono iniettarsi insulina per mantenere stabili i livelli di glucosio nel sangue”.

Il team, che comprendeva ricercatori nei laboratori del Dr. Mingming Hao, Noah Dephoure e il Dr. Lukas Dow della Weill Cornell Medicine, sapevano che l’adipsina aveva un ruolo nello stimolare le cellule beta a secernere insulina e teorizzava che la proteina poteva essere una potenziale terapia per il diabete di tipo 2.

Per esplorare questa teoria, gli scienziati hanno prima condotto uno studio in cui hanno aumentato i livelli di adipsina nei topi con diabete di tipo 2. Hanno scoperto che l’adipsina ha avuto un effetto positivo a lungo termine sul diabete, migliorando la glicemia e aumentando i livelli di insulina, contribuendo nel contempo alla prevenzione della morte delle cellule beta. “I nostri risultati sui topi hanno mostrato che più adipsina nel sangue si traduce in un migliore controllo del diabete”, ha detto il Dott. Lo.

Il Dr. Lo e i suoi collaboratori della Icahn School of Medicine di Mount Sinai hanno anche studiato le cellule beta umane nei loro laboratori e hanno determinato che l’adipsina attiva una molecola chiamata C3a, che protegge e supporta la funzione delle cellule beta. Hanno inoltre scoperto che la molecola C3a sopprime un enzima chiamato Dusp26 che può danneggiare le cellule beta e farle morire.

I ricercatori hanno quindi bloccato direttamente l’attività DUSP26 nelle cellule beta umane e hanno scoperto che questo trattamento proteggeva le cellule beta dalla morte. Allo stesso modo, quando hanno soppresso l’attività DUSP26 nei topi, le cellule beta sono diventate più sane, il che significa che potevano secernere meglio l’insulina.

“Spero che entrambe le terapie dirette con adipsina o DUSP26 possano impedire ai pazienti diabetici di tipo 2 di sviluppare insufficienza di cellule beta e richiedere iniezioni di insulina per il loro trattamento”, ha detto l’autore principale dello studio Dr. Nicolás Gómez-Banoy, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio del Dr. Lo.

Vedi anche, Il digiuno intermittente può proteggere dal diabete di tipo 2.

Per comprendere meglio come l’adipsina potrebbero influenzare la salute delle persone nella comunità, il team ha collaborato con i ricercatori della Harvard Medical School e del Massachusetts General Hospital per valutare 5570 persone iscritte allo studio sul cuore di Framingham, uno studio cardiovascolare in corso, condotto in Massachusetts.

Gli scienziati hanno scoperto che le persone con livelli più alti di adipsina nel sangue avevano una minore possibilità di sviluppare il diabete in futuro rispetto alle persone con livelli più bassi. Le persone con il più alto livello di adipsina hanno avuto una riduzione del 50% nell’incidenza del diabete rispetto alle persone con il più basso livello di adipsina.

Inoltre, i livelli di adipsina erano correlati con la quantità di grasso sottocutaneo, che viene immagazzinato appena sotto la pelle, piuttosto che grasso viscerale, immagazzinato nell’addome. “La maggior parte delle persone pensa che il grasso sia associato a qualcosa di brutto, ma è più complicato di così”, ha affermato il Dott. Lo, che è anche membro del Weill Center for Metabolic Health e del Cardiovascular Research Institute presso Weill Cornell Medicine. Il grasso sottocutaneo è più benigno o addirittura protettivo rispetto al grasso viscerale”.

Sono necessari ulteriori studi per determinare se un livello più elevato di adipsina protegge dallo sviluppo del diabete e se l’aumento dei livelli di adipsina riduce il rischio di sviluppare il diabete in determinate popolazioni.

Il Dottor Lo e il suo team di ricerca stanno attualmente studiando se il target e l’inibizione della produzione di DUSP26 nelle cellule beta possano essere una possibile strada per lo sviluppo di nuovi farmaci per il trattamento del diabete di tipo 2.

Fonte, Nature


Altri articoli su diabete di tipo 2