COVID 19: SARS-CoV-2 può colpire di nuovo dopo la guarigione?

0
71

Il coronavirus SARS-CoV-2 si è ormai diffuso in tutto il mondo (COVID-19) toccando oltre 170 paesi e tutti i continenti, tranne l’Antartide. 

Una delle questioni su cui stanno indagando gli scienziati riguardo COVID-19 è capire se coloro che si sono ripresi potranno o meno contrarre di nuovo l’infezione in un secondo tempo. Le persone che sono guarite avranno l’immunità contro il virus?

Sono stati riportati casi di pazienti positivi al coronavirus per la seconda volta in Corea del Sud, Cina e Giappone.

Rapporti di reinfezione

Cina, Giappone e Corea del Sud hanno riportato pazienti che si sono dimostrati positivi due volte al coronavirus, suscitando preoccupazione per la sua potenziale diffusione anche nelle persone che si sono già riprese.

In Cina, paese d’origine del virus, ci sono stati più di 100 casi di pazienti dimessi e guariti che per la seconda volta sono risultati nuovamente positivi. In un caso, un uomo in Cina era morto a causa di COVID-19 dopo essere stato dimesso dall’Ospedale e dichiarato guarito. Soprattutto nella provincia del Guangdong, le autorità sanitarie hanno riferito che il 14 percento delle persone che si erano riprese avevano una reinfezione.

Anche il Giappone ha anche riportato la reinfezione in un paziente che si era ripreso dal nuovo coronavirus.

Il Professor Mark Harris, un esperto di virologia dell’Università di Leeds, ha affermato che la reinfezione è improbabile, ma ci sono alcune prove da precedenti studi per infezioni persistenti di coronavirus animali.

Sir Patrick Wallace, capo consigliere scientifico del governo del Regno Unito e il Professor Chris Whitty, capo consigliere medico, hanno rassicurato sul fatto che coloro che avevano avuto l’infezione avrebbero sviluppato una certa immunità ed è raro che una persona possa contrarre nuovamente l’infezione.

Le persone che sono infette e ospitano il virus rilasciano alti livelli del patogeno, ma la maggior parte non è probabilmente infettiva una volta iniziato il recupero.

Un nuovo studio in Germania cita che all’inizio dell’infezione i pazienti emettono alti livelli di coronavirus, il che aiuta a spiegare il suo modo rapido ed efficiente di diffondersi in tutto il mondo. Molti paesi sperimentano la vasta diffusione del virus, dove la maggior parte avviene attraverso la trasmissione locale. Ogni giorno in Europa vengono segnalati migliaia di nuovi casi, il nuovo epicentro dell’epidemia COVID-19.

Vedi anche: “Test, test, test”, la prescrizione dell’OMS contro COVID 19

Lo studio, pubblicato su un server di prestampa, che non è ancora stato sottoposto a peer review da esperti della salute, fa luce su quanto sia virulento il virus e sull’infezione di migliaia di persone. Finora, il virus ha infettato 196.640 persone e ucciso 7.894 pazienti.

Lo studio ha scoperto che le persone con infezioni lievi possono ancora ottenere risultati positivi con tamponi alla gola per giorni e persino settimane dopo la loro malattia. Coloro che sono solo lievemente malati non sono probabilmente infettivi da circa dieci giorni dopo l’insorgenza dei sintomi.

“Questo è un contributo molto importante per comprendere sia la storia naturale della malattia clinica di Covid-19 sia le implicazioni per la salute pubblica della diffusione virale”, ha affermato Michael Osterholm, Direttore del Center for Infectious Diseases Research and Policy dell’Università del Minnesota.

Fonte: NewsMedical