COVID-19 minaccia l’intero sistema nervoso

Immagine: Public Domain.

Riepilogo: circa il 50% dei pazienti ricoverati in Ospedale per COVID-19 presenta sintomi neurologici tra cui mal di testa, vertigini, disturbi dell’olfatto e del gusto e ictus, secondo un nuovo studio. Il coronavirus può colpire l’intero sistema nervoso, inclusi cervello, midollo spinale e muscoli. I sintomi neurologici di COVID-19 possono comparire prima della febbre e della tosse comunemente associati all’infezione.

Fonte: Northwestern University

“Una nuova revisione dei sintomi neurologici dei pazienti COVID-19 nella letteratura scientifica attuale rivela che la malattia rappresenta una minaccia globale per l’intero sistema nervoso”, riferisce uno studio pubblicato questa settimana su Annals of Neurology.

Circa la metà dei pazienti COVID 19 ospedalizzati presenta manifestazioni neurologiche che includono mal di testa, vertigini, riduzione della vigilanza, difficoltà di concentrazione, disturbi dell’olfatto e del gusto, convulsioni, ictus, debolezza e dolore muscolare.

È importante che l’opinione pubblica e i medici siano consapevoli di ciò, perché un’infezione da SARS-COV-2 può presentare inizialmente sintomi neurologici, prima che si verifichino febbre, tosse o problemi respiratori”, ha affermato l’autore principale della recensione, il DR. Igor Koralnik, Professore di neurologia alla Feinberg School of Medicine della Northwestern University.

La revisione descrive le diverse condizioni neurologiche che possono verificarsi nei pazienti COVID-19 e come diagnosticarle, nonché i probabili meccanismi patogeni.

“Questa comprensione è la chiave per dirigere la gestione e il trattamento clinici appropriati”, ha affermato Koralnik.

La malattia può colpire l’intero sistema nervoso, inclusi cervello, midollo spinale, nervi e muscoli.” Ci sono molti modi in cui COVID-19 può causare disfunzione neurologica”, ha detto il ricercatore. Poiché questa malattia può colpire più organi (polmone, rene, cuore), il cervello può anche soffrire di mancanza di ossigenazione o di disturbi della coagulazione che possono portare a ictus ischemici o emorragici. Inoltre, il virus può causare l’infezione diretta del cervello e delle meningi. Infine, la reazione del sistema immunitario all’infezione può causare infiammazioni che possono danneggiare il cervello e i nervi.

Vedi anche: Stato mentale alterato e ictus, i sintomi neurologici associati a COVID 19

Koralnik e colleghi hanno formato un team di ricerca Neuro-COVID e avviato un’analisi retrospettiva di tutti i pazienti COVID-19 ricoverati presso la Northwestern Medicine per determinare la frequenza e il tipo di complicanze neurologiche, nonché la risposta al trattamento.

Poiché la conoscenza degli esiti a lungo termine delle manifestazioni neurologiche di COVID-19 è limitata, Koralnik seguirà anche alcuni di quei pazienti prospetticamente nella sua nuova clinica ambulatoriale Neuro-COVID per determinare se i problemi neurologici sono temporanei o permanenti.

“Questi studi forniranno le basi su come diagnosticare, gestire e trattare le numerose manifestazioni neurologiche di COVID-19”, ha affermato Koralnik.

Fonte: Neuroscience