Stato mentale alterato e ictus, i sintomi neurologici associati a COVID 19

Immagine: Public Domain.

Riepilogo: stato mentale alterato e ictus sono i sintomi neurologici più comuni associati all’infezione dal virus SARS-CoV-2 che causa COVID 19.

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Cincinnati e quattro istituzioni italiane che hanno esaminato i sintomi neurologici in pazienti con COVID-19, può far luce sull’impatto del virus sul sistema nervoso centrale.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Radiology, rivelano che lo stato mentale alterato e l’ictus  sono i sintomi neurologici più comuni nei pazienti COVID-19.

“Gli studi hanno descritto lo spettro delle caratteristiche di imaging toracico di COVID-19, ma solo pochi studi clinici hanno descritto i risultati di neuroimaging associati a COVID-19″, afferma l’autore principale dello studio Abdelkader Mahammedi, MD, assistente Professore di radiologia presso la UC e un neuroradiologo della UC Health . “Ad oggi, questo è il più grande e primo studio della letteratura che caratterizza i sintomi neurologici e le caratteristiche di neuroimaging nei pazienti COVID-19. Questi modelli scoperti di recente potrebbero aiutare i medici a riconoscere meglio e prima le associazioni con COVID-19 e probabilmente fornire interventi precoci”. I ricercatori hanno studiato i sintomi neurologici e i risultati di imaging in pazienti di tre importanti istituzioni in Italia: Università di Brescia, Università Orientale del Piemonte a Novara e Università di Sassari. L’Italia è stata il secondo epicentro della diffusione di COVID-19 che ha provocato oltre 30.000 morti nel mondo.

Vedi anche: The Lancet: l’Idrossiclorochina può causare aritmia cardiaca e morte nei pazienti COVID 19

Lo studio ha incluso immagini di 725 pazienti ospedalizzati con infezione da COVID-19 confermata tra il 29 febbraio e il 4 aprile. Di questi, 108 (15%) presentavano gravi sintomi neurologici e sono stati sottoposti a imaging cerebrale o della colonna vertebrale. La maggior parte dei pazienti (99%) erano stati sottoposti a scansioni TC del cervello, mentre il 16% presentava imaging TC della testa e del collo e il 18% era stato sottoposto ad una RM del cervello.

I ricercatori hanno scoperto che il 59% dei pazienti ha riportato uno stato mentale alterato e il 31% ha manifestato ictus, i sintomi neurologici più comuni. I pazienti hanno anche manifestato mal di testa (12%), convulsioni (9%) e vertigini (4%), tra gli altri sintomi. “Di questi 108 pazienti, il 31 o il 29%, non avevano una storia medica nota. Dei pazienti di età compresa tra 16 e 62 anni, 10 hanno avuto ictus e due avevano sanguinamenti cerebrali “, afferma Mahammedi. “Settantuno, o il 66%, di questi pazienti non ha avuto risultati da una TC cerebrale e di questi 7 (35%) hanno mostrato anomalie cerebrali”.

Abdelkader Mahammedi aggiunge che lo stato mentale alterato era più comune negli adulti più anziani. I risultati dello studio mostrano che le caratteristiche di neuroimaging dei pazienti con COVID-19 variano e che uno stato mentale alterato e ictus sono le condizioni prevalenti nei pazienti. Tuttavia Mahammedi afferma che questo studio rivela che ci sono altre condizioni da cercare. “Questa ricerca ha sicuramente bisogno di ulteriori approfondimenti”, afferma il ricercatore. “Attualmente, abbiamo una scarsa comprensione dei sintomi neurologici nei pazienti COVID-19, sia che questi derivino dalla malattia critica o che derivino dall’invasione diretta del sistema nervoso centrale da parte di SARS-CoV-2. Speriamo che ulteriori studi su questo argomento possano aiutare a scoprire indizi e fornire migliori interventi per i pazienti”.

Fonte: Neurosciencenews