Cosa mangiare per ridurre il rischio di cancro intestinale

cancro all'intestino

L’Australia ha uno dei più alti tassi di cancro intestinale al mondo. Nel 2017, il carcinoma intestinale è stato il secondo tipo di cancro più comune in Australia e i tassi sono in aumento nelle persone sotto i 50 anni.

Fino al 35% dei tumori in tutto il mondo potrebbero essere causati da fattori dello stile di vita come la dieta e il fumo. Quindi, come possiamo ridurre il rischio di cancro all’intestino?

Cosa mangiare

Sulla base delle prove attuali, una dieta ricca di fibre è importante per ridurre il rischio di cancro intestinale. La fibra può essere divisa in 2 tipi: fibra insolubile e fibra solubile. Le fibre solubili hanno la capacità di assorbire acqua e sono fermentate, almeno in parte, dalla microflora intestinale. Se assunte poco prima del pasto, possono contribuire a controllare i livelli di colesterolo nel sangue e ridurre l’assorbimento degli zuccheri introdotti con la dieta. Le fibre insolubili hanno, invece, la capacità di assorbire poca acqua e sono utilizzate solo in piccolissima parte dalla microflora intestinale e favoriscono l’aumento del volume delle feci.

Cereali e cereali integrali sono una fonte di fibre ideale. Le linee guida australiane suggeriscono 30 gr di fibra al giorno per gli adulti, ma meno del 20% degli adulti australiani raggiunge questo obiettivo.

La crusca di frumento è una delle fonti più ricche di fibre e, in uno studio australiano su persone ad alto rischio di cancro intestinale, 25 gr di crusca di frumento al giorno hanno ridotto le escrescenze precancerose.

Non è chiaro come la fibra possa ridurre il rischio di cancro intestinale, ma i possibili meccanismi includono la riduzione del tempo necessario al cibo per passare attraverso l’intestino (e quindi l’esposizione a potenziali agenti cancerogeni) o un effetto benefico sui batteri intestinali.

Una volta diagnosticato il carcinoma intestinale, una dieta ricca di fibre è stata associata a una migliore sopravvivenza.

Si ritiene inoltre che latte e prodotti lattiero-caseari riducano il rischio di cancro intestinale. Le prove dimostrano che il latte è classificato come “probabilmente protettivo” nelle attuali linee guida australiane sul cancro intestinale, con il beneficio che la protezione aumenta con l’assunzione di quantità maggiori.

Vedi anche, Composto della lumaca di mare australiana riduce il rischio di cancro.

I pesci grassi possono anche avere alcuni elementi protettivi. Nelle persone con condizioni ereditarie che le rendono inclini a sviluppare molte escrescenze precancerose (polipi) nell’intestino, uno studio in cui un gruppo ha ricevuto un supplemento giornaliero di un acido grasso polinsaturo omega 3 (presente nell’olio di pesce) e un gruppo ha ricevuto un placebo, ha scoperto che questo integratore era associato a una ridotta crescita del polipo. Non è noto se questo sia vero anche per le persone a rischio medio di cancro intestinale, che è la maggior parte della popolazione.

E mentre solo uno studio osservazionale (nel senso che mostra solo una correlazione e non che l’uno abbia causato l’altro), uno studio sui pazienti con carcinoma intestinale ha mostrato che una migliore sopravvivenza era associata al consumo quotidiano di caffè.

Cosa evitare

È meglio evitare grandi quantità di carne. Le autorità internazionali per il cancro affermano che esistono prove convincenti di una relazione tra un’elevata assunzione di carne rossa derivata da muscoli di mammiferi come manzo, vitello, agnello, maiale e capra e carne trasformata come prosciutto, pancetta e salsicce e il cancro intestinale.

Le carni trasformate hanno subito una tecnica di conservazione come il fumo, la salatura o l’aggiunta di conservanti chimici che sono associati alla produzione di composti che possono essere cancerogeni.

Le evidenze suggeriscono anche una relazionedose-risposta”, con il rischio di cancro che aumenta con l’aumento dell’assunzione di carne, in particolare le carni lavorate. Le attuali linee guida australiane suggeriscono di ridurre al minimo l’assunzione di carni trasformate e di mangiare solo quantità moderate di carne rossa.

Cos’altro fare per ridurre il rischio di cancro all’intestino?

La chiave per ridurre il rischio di cancro sta nel condurre uno stile di vita sano in generale. È importante un’adeguata attività fisica ed evitare l’eccesso di grasso nell’area della pancia. Altri comportamenti scorretti nello stile di vita, come il consumo di molti alimenti trasformati, sono stati associati ad un aumentato rischio di cancro.

E per gli australiani di età superiore ai 50 anni, la partecipazione al programma nazionale di screening del cancro intestinale è uno dei modi più efficaci e basati sull’evidenza, per ridurre il rischio.

Fonte, Medicalxpress