Composto della lumaca di mare australiana riduce il rischio di cancro

lumaca australiana

La straordinaria capacità di una piccola lumaca di mare australiana di produrre un composto viola, colorato per proteggere le sue uova, si sta dimostrando ancora più notevole per il suo potenziale in un nuovo farmaco anti-cancro.

I ricercatori della Flinders University, della Southern Cross University e della Monash University in Australia, hanno isolato un composto nelle secrezioni delle ghiandole dalla lumaca di mare bianca australiana (Dicathasis orbita) che ha non solo qualità antibatteriche e antinfiammatorie, ma importanti proprietà anticancro.

Vedi anche, La chiave per la cura del diabete nel veleno di lumaca cono marina.

“Dopo un decennio di lavoro, abbiamo trovato un composto attivo derivato dalla sostanza prodotta dalla ghiandola del mollusco che potrebbe essere usato come prevenzione nel carcinoma intestinale“, afferma la Professoressa Catherine Abbott della Flinders University. “Siamo molto entusiasti di questi ultimi risultati e speriamo di attirare investimenti da un’azienda farmaceutica per lavorare su un nuovo farmaco per ridurre lo sviluppo di tumori del colon-retto“.

Utilizzando la più recente tecnologia di spettrometria di massa, il team di ricerca è stato in grado di individuare il composto attivo principale.

Il cancro del colon-retto è la seconda causa principale di 9,6 milioni di decessi per cancro ogni anno, con l’Organizzazione mondiale della sanità che ha registrato 862.000 decessi nel 2018.

“I composti naturali delle piante e degli animali marini e terrestri sono preziose fonti di medicinali attuali e futuri per la salute umana”, afferma il Professor Kirsten Benkendorff, scienziato della Southern Cross University, che sta anche studiando il potenziale per replicare il composto antinfiammatorio delle lumache.

“In quest’ultima ricerca non solo abbiamo dimostrato che un composto specifico di lumaca può prevenire la formazione di tumori in un modello di tumore del colon, ma siamo anche stati in grado di utilizzare una tecnologia sofisticata per tracciare il metabolismo del composto all’interno del corpo“, afferma il Professor Benkendorff. “Questo è molto importante per lo sviluppo di farmaci perché aiuta a dimostrare l’assenza di effetti collaterali potenzialmente tossici”.

Oltre a rintracciare il composto attivo all’interno del corpo per confermare che raggiunge il colon dove esplica l’effetto antitumorale, il composto della lumaca proviene da una classe di composti chiamati “indoli” che si trovano comunemente sia in medicinali vegetali naturali che alcuni prodotti farmaceutici.

“Siamo stati in grado di utilizzare il fatto che il composto presente nella lumaca contiene bromo come un’impronta digitale unica per tracciare come questi tipi di composti vengono metabolizzati all’interno del corpo e identificare alcuni metaboliti potenzialmente tossici dagli estratti grezzi che non sono stati trovati nel composto di lumaca puro”, aggiunge il Professor Benkendorff.

“Questa ricerca è molto importante per comprendere la sicurezza di questi tipi di composti naturali per la medicina umana”.

Immagine, l’effetto terapeutico anticancro dell’estratto di ghiandola ipobranchiale della Dicathais orbita è promettente nel resistere alle cellule tumorali del colon-retto. Credito, Flinders University.

Fonte, Nature