Come una specifica proteina regola la crescita del tumore

0
65

I checkpoint immunitari sono proteine ​​di superficie che le cellule tumorali usano per eludere la risposta immunitaria. Queste proteine ​​di superficie sono fondamentali per la crescita delle cellule tumorali e i farmaci mirati ad esse ​​hanno rivoluzionato la gestione dei pazienti con una vasta gamma di tumori.

Trovare un meccanismo per degradare questi checkpoint immunitari può consentire al sistema immunitario di uccidere le cellule tumorali.

I ricercatori della BUSM (Boston University School of Medicine) hanno scoperto che la proteina c-Cbl ha la capacità di degradare la proteina checkpoint PD-1, una proteina presente sulle cellule T che impedisce a queste celluel di attaccare altre cellule del corpo. Manipolare la capacità di c-Cbl di regolare l’espressione di PD-1 può essere utile nel trattamento di alcuni tumori tra cui melanoma, tumore della vescica, dei reni, del seno.

Le cellule tumorali spesso aumentano la loro espressione per “ingannare” il sistema immunitario ed evitare di essere rilevate come estranee o dannose e quindi evitare di essere attaccate o distrutte. Manipolare la capacità di c-Cbl di regolare l’espressione di PD-1 può essere incredibilmente utile nel trattamento di questi tumori.

I ricercatori hanno esaminato l’effetto di c-Cbl sulle cellule immunitarie su modelli sperimentali privi di una copia del gene c-Cbl. Le cellule tumorali sono state impiantate in questi modelli e la crescita dei tumori è stata confrontata tra modelli privi del gene e modelli non modificati che sono serviti da controlli. I ricercatori hanno scoperto che la crescita del tumore era maggiore nel modello geneticamente modificato.

Secondo i ricercatori, in un prossimo futuro si potranno sviluppare terapie che inibiscono la crescita tumorale attivando la proteina c-Cbl.

“I farmaci destinati a PD-1 sono attualmente disponibili per uso clinico, ma solo una piccola parte dei malati di cancro risponde a questi farmaci. Questa tendenza suggerisce la necessità di agenti che lavorano contemporaneamente su più di un meccanismo che provoca il cancro. L’attivazione di c-Cbl degraderà diverse proteine ​​che contribuiscono alla formazione del tumore consentendo agli effetti delle sue azioni di andare oltre i soli farmaci PD-1 “, ha spiegato l’autore corrispondente Vipul Chitalia, MD, Ph.D. , Professore associato di medicina presso la BUSM.

Questi risultati appaiono online sulla rivista Scientific Reports.

Fonte, Nature