Sfruttare il microbioma per migliorare il recupero dall’ictus

0
51

Immagine, la plasticità neuronale post-ictus è aumentata dal trattamento con acidi grassi a catena corta. Credito: Sadler et al., JNeurosci 2019

L’integrazione di acidi grassi a catena corta può migliorare il recupero dall’ictus, secondo una ricerca sui topi recentemente pubblicata su JNeurosci. L’integrazione di acidi grassi a catena corta può essere un’aggiunta non invasiva alle terapie di riabilitazione dall’ ictus.

Il microbioma intestinale influenza la salute del cervello, incluso il modo in cui il cervello recupera dall’ictus.

Gli acidi grassi a catena corta, un prodotto di fermentazione dei batteri nelle nostre viscere, sono un componente chiave della salute dell’intestino, ma il loro ruolo nel recupero dell’ictus non è stato esplorato.

Il recupero dopo l’ictus è un processo multicellulare che comprende neuroni, cellule immunitarie residenti e cellule invasori del cervello. L’ictus altera il microbioma intestinale che a sua volta ha un impatto notevole sull’esito dell’ictus. Tuttavia, i meccanismi alla base dell’interazione intestino-cervello e le implicazioni per il recupero a lungo termine sono in gran parte sfuggenti. In questo studio, i ricercatori hanno testato l’ipotesi che gli acidi grassi a catena corta (SCFA), i principali metaboliti microbici bioattivi, siano l’anello mancante lungo l’asse intestino-cervello e potrebbero essere in grado di modulare il recupero dopo l’ictus sperimentale. L’integrazione di SCFA nell’acqua potabile dei topi maschi ha migliorato significativamente il recupero della funzione motoria dell’arto interessato, rispetto ai topi di controllo, Usando l’imaging di calcio ad ampio campo in vivo, i ricercatori hanno osservato che gli acidi grassi a catena corta hanno indotto un’aumentata connettività della corteccia contralesionale. Ciò è stato associato a cambiamenti dipendenti da SCFA nella densità della colonna vertebrale e della sinapsi. Il sequenziamento dell’RNA della corteccia del cervello anteriore ha indicato un potenziale coinvolgimento delle cellule della microglia nel contribuire al rimodellamento strutturale e funzionale. Ulteriori analisi hanno confermato un impatto sostanziale di SCFA sull’attivazione microgliale, che dipendeva dal reclutamento di cellule T nel cervello.

I risultati dello studio hanno determinato che gli SCFA derivati dal microbiota modulano il recupero post-ictus attraverso effetti sulle cellule immunitarie sistemiche e residenti nel cervello.

Vedi anche, Stroke 2019: ultime scoperte della ricerca sull’ ictus

Inoltre, i topi integrati con acidi grassi hanno espresso più geni correlati alla microglia, le cellule immunitarie del cervello. L’attività della microglia potrebbe essere responsabile dell’aumento delle spine dendritiche e del miglioramento dell’ictus.

Questa relazione indica che gli acidi grassi a catena corta possono fungere da messaggeri nella connessione intestino-cervello influenzando il modo in cui il cervello risponde alle lesioni.

Fonte, JNeurosci