Home Salute Intestino e stomaco Come il microbioma della madre influenza il neurosviluppo fetale

Come il microbioma della madre influenza il neurosviluppo fetale

Immagine: Public Domaian.

“Durante la gravidanza nei topi, i miliardi di batteri e altri microbi che vivono nell’intestino di una madre regolano i metaboliti chiave, piccole molecole che sono importanti per lo sviluppo sano del cervello fetale”, riportano i biologi della UCLA il 23 settembre sulla rivista Nature.

Anche se il microbiota intestinale materno è stato associato ad anomalie nella funzione cerebrale e nel comportamento della prole, spesso in risposta a fattori come l’infezione, una dieta ricca di grassi o lo stress durante la gravidanza, gli scienziati non sapevano fino ad ora se influenzasse lo sviluppo del cervello durante periodi prenatali e in assenza di tali sfide ambientali.

- Advertisement -

Per testare l’impatto che il microbiata intestinale ha sui metaboliti e altre sostanze biochimiche che circolano nel sangue materno e nutrono il cervello fetale in rapido sviluppo, i ricercatori hanno allevato topi che sono stati trattati con antibiotici per uccidere i batteri intestinali.

L’esaurimento del microbioma intestinale materno ha interrotto lo sviluppo del cervello fetale “, ha detto l’autore principale dello studio, Helen Vuong, una studiosa post-dottorato nel laboratorio di Elaine Hsiao dell’UCLA.

“L’esaurimento del microbioma intestinale materno ha alterato i geni attivati ​​nel cervello della prole in via di sviluppo, inclusi molti geni coinvolti nella formazione di nuovi assoni all’interno dei neuroni”, ha detto Vuong. Gli assoni sono minuscole fibre che collegano le cellule cerebrali e consentono loro di comunicare.

“In particolare, gli assoni che collegano il talamo del cervello alla sua corteccia erano ridotti in numero e in lunghezza”, hanno riferito i ricercatori.

- Advertisement -

“Questi assoni sono particolarmente importanti per la capacità di percepire l’ambiente”, ha spiegato Vuong. “Coerentemente con questo, la prole di madri prive di un microbiota intestinale ha avuto menomazioni in particolari comportamenti sensoriali”.

“I risultati indicano che il microbiota intestinale materno può promuovere uno sviluppo sano del cervello fetale regolando i metaboliti che entrano nel cervello fetale stesso”, ha aggiunto Vuong.

Vedi anche:Articolo di revisione: la fibra alimentare nell’era della scienza del microbioma

“Quando abbiamo misurato i tipi e i livelli di molecole nel sangue materno, nel sangue fetale e nel cervello fetale, abbiamo scoperto che particolari metaboliti erano comunemente diminuiti o mancanti quando la madre era priva di un microbiota intestinale durante la gravidanza”, ha detto.

I biologi hanno quindi fatto crescere i neuroni in presenza di questi metaboliti chiave. Hanno anche introdotto questi metaboliti nei topi gravidi impoveriti di microbioma.

Quando i neuroni sono cresciuti in presenza di questi metaboliti, hanno sviluppato assoni più lunghi e un numero maggiore di assoni“, ha detto Vuong. “E quando abbiamo integrato i topi gravidi con metaboliti chiave che erano diminuiti o mancanti quando il microbiata era esaurito, i livelli di quei metaboliti sono stati ripristinati nel cervello fetale e sono state prevenute le menomazioni nello sviluppo degli assoni e nel comportamento della prole. Il microbiota intestinale ha l’incredibile capacità di regolare molte sostanze biochimiche non solo nella madre incinta, ma anche nel feto in via di sviluppo e nel cervello fetale“, ha spigato Vuong. “I nostri risultati evidenziano anche metaboliti selezionati che promuovono la crescita degli assoni”.

I risultati suggeriscono che le interazioni tra il microbiota e il sistema nervoso iniziano nella vita prenatale attraverso l’influenza del microbiota intestinale materno sul cervello fetale, almeno nei topi.

“L’applicabilità dei risultati agli esseri umani non è ancora chiara”, ha affermato l’autore senior dello studio, Elaine Hsiao, Professore di biologia e fisiologia integrativa e di microbiologia, immunologia e genetica molecolare presso la UCLA College.

“Non sappiamo se e come i risultati possano applicarsi agli esseri umani”, ha detto Hsiao, che è anche Professore associato di malattie digestive presso la David Geffen School of Medicine della UCLA. “Tuttavia, ci sono molti disturbi dello sviluppo neurologico che si ritiene siano causati da fattori di rischio sia genetici che ambientali sperimentati durante la gravidanza. Il nostro studio suggerisce che anche il microbiota intestinale materno durante la gravidanza dovrebbe essere considerato e ulteriormente studiato come un fattore che potrebbe potenzialmente influenzare non solo la salute della madre, ma anche la salute della prole in via di sviluppo “.

Hsiao, Vuong e colleghi hanno riferito nel 2019 che la serotonina e i farmaci che prendono di mira la serotonina, come gli antidepressivi, possono avere un effetto importante sul microbiota intestinale. Nel 2018, Hsiao e il suo team hanno stabilito un nesso causale tra suscettibilità alle crisi epilettiche e microbiota intestinale e hanno identificato batteri intestinali specifici che svolgono un ruolo essenziale negli effetti antiepilettici della dieta chetogenica.

Fonte: Nature

ULTIMI ARTICOLI

La dieta mediterranea aiuta a ridurre gli effetti dello stress

Immagine:dieta mediterranea. Credit: Public Domain. Gli animali alimentati con una dieta in stile mediterraneo hanno mostrato una maggiore resistenza allo stress e un migliore recupero dopo...

Fibrosi e sclerodermia: importante passo avanti nel trattamento

Immagine: tessuto polmonare normale (a sinistra) e fibrosi polmonare indotta da bleomicina in un modello murino di fibrosi (a destra). Credito: Medical University of South...

Esercizio e cervello: ecco come l’attività fisica cambia la sua stessa struttura

Immagine: Public Domain. L'esercizio fisico regolare cambia la struttura dei tessuti del nostro corpo in modi ovvi, come ridurre le dimensioni delle riserve di grasso...

Emiliano Toso suona il pianoforte in sala operatoria durante un intervento

La scienza incontra l'arte: per la prima volta il biologo molecolare e musicista compositore Emiliano Toso suona il pianoforte nella sala operatoria dell’Ospedale Salesi...

Diversi farmaci per l’epatite C possono inibire la proteasi principale SARS-CoV-2

Immagine: SARS-CoV-2. Public Domain. Esperimenti condotti da ricercatori presso l'Oak Ridge National Laboratory del Dipartimento dell'Energia hanno determinato che diversi farmaci per l'epatite C possono...