Home Salute Cervello e sistema nervoso Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un “casco leggero” nel luglio 2019. Credito:RON BROWN.

La terapia della luce può aiutare a sollevare l’umore, guarire le ferite e rafforzare il sistema immunitario. Può anche migliorare i sintomi del morbo di Parkinson? Una prova unica nel suo genere, prevista per il prossimo autunno in Francia, mira a scoprirlo.

 In sette pazienti, un cavo in fibra ottica impiantato nel cervello fornirà impulsi di luce nel vicino infrarosso (NIR) direttamente alla substantia nigra, una regione profonda nel cervello che degenera nella malattia di Parkinson. Il team, guidato dal neurochirurgo Alim-Louis Benabid del Clinatec Institute, una partnership tra diversi istituti di ricerca finanziati dal governo e l’industria, spera che la luce protegga quelle cellule dalla morte.

Lo studio è uno dei tanti realizzato per esplorare come i malati di Parkinson potrebbero trarre beneficio dalla luce. La neuropsicologa Dawn Bowers dell’Università della Florida College of Medicine, sta reclutando pazienti per una sperimentazione in cui la NIR verrà trasmessa nel cranio invece che consegnata con un impianto.

Piccoli test su persone con Parkinson e modelli animali della malattia hanno già suggerito benefici da questo trattamento, ma alcuni ricercatori sono scettici. Nessuno ha mostrato esattamente come la luce possa proteggere i neuroni chiave o perché dovrebbe avere alcun effetto sulle cellule sepolte in profondità nel cervello che non vedono mai la luce del giorno. “Molti o tutti i risultati incoraggianti osservati finora nelle persone potrebbero essere il risultato dell’effetto placebo”, dicono gli scettici. Poiché non ci sono biomarcatori che si correlano bene con i cambiamenti nei sintomi del Parkinson, “dipendiamo dall’osservazione del comportamento”, afferma il neurobiologo David Sulzer dell’Irving Medical Center della Columbia University, editore della rivista npj Parkinson’s Disease. “Non è facile proteggersi dagli effetti del placebo”.

Molti ricercatori indicano una terapia del Parkinson chiamata stimolazione cerebrale profonda (DBS), in cui l’elettricità di una frequenza specifica viene applicata alle regioni del cervello colpite. Inventata da Benabid più di 30 anni fa, la DBS è diventata un approccio standard per il trattamento di tremori e altri sintomi motori gravi nei pazienti con Parkinson, anche se la sua modalità d’azione non è del tutto chiara. “Anche l’effetto curativo ben documentato della terapia laser a basso livello su altri tessuti è incoraggiante”, afferma Michael Hamblin, ricercatore presso il Wellman Center for Photomedicine del Massachusetts General Hospital. In alcuni paesi, i medici usano regolarmente i laser per trattare il dolore o accelerare la guarigione delle ferite.

Dieci anni fa, John Mitrofanis, un neurologo dell’Università di Sydney, fu ispirato a provare la luce nel Parkinson dopo che un collega gli rivelò che la luce nella gamma NIR proteggeva le cellule della retina dalle tossine. In uno studio del 2012, lui e colleghi hanno mostrato in un modello murino di Parkinson che la luce NIR nelle teste dei topi proteggeva le cellule produttrici di dopamina nella substantia nigra da una neurotossina.

Mitrofanis,  trascorse un anno a studiare la stimolazione cerebrale profonda con Benabid. “Dobbiamo sviluppare un dispositivo luminoso che si avvicini all’area”, ricorda Mitrofanis. I ricercatori hanno ipotizzato che la luce che splende dall’esterno del cranio non sarebbe penetrata abbastanza in profondità da fare la differenza negli animali più grandi.

Nel 2017, insieme alla ricercatrice Cécile Moro, i ricercatori hanno iniettato a 20 macachi una neurotossina nota per causare i sintomi del Parkinson. In nove macachi, hanno anche somministrato NIR all’area del mesencefalo attraverso un dispositivo impiantato. Mitrofanis ricorda come si comportò la prima scimmia trattata con NIR dopo un periodo di recupero di 3 settimane: “Si muoveva come se non avesse mai avuto i sintomi del Parkinson”. Nel complesso, le scimmie trattate con NIR hanno sviluppato meno sintomi rispetto al gruppo non trattato e hanno trattenuto dal 20% al 60% in più delle cellule cerebrali prese di mira dalla neurotossina.

Vedi anche:Parkinson e immunità innata

Mitrofanis ha anche avviato una collaborazione con Catherine Hamilton, un medico in pensione in Tasmania che aveva curato il proprio ginocchio artritico avvolgendolo con diodi emettitori di luce (LED). In uno studio su sei pazienti affetti da Parkinson pubblicato lo scorso anno, Hamilton, Mitrofanis e altri hanno riferito che indossare un casco foderato di LED ha migliorato l’espressione facciale, l’elaborazione uditiva, l’impegno nella conversazione, la qualità del sonno e la motivazione, sebbene non abbia avuto molto effetto su sintomi motori. “Se perdo una applicazione, c’è un cambiamento graduale in me”, dice Alan Minson, un malato di Parkinson che vive a Longford, in Australia, che ha iniziato a usare un casco nel luglio 2019. “I brutti sogni tornano, il mio livello di tolleranza va giù e il mio letargo sale”. Ann Liebert dell’Università di Sydney sta progettando uno studio su 120 pazienti che utilizzano un casco più sofisticato. In uno sforzo simile, Bowers randomizzerà 24 pazienti a NIR applicato esternamente o simulerà la luce e osserverà i benefici comportamentali e motori.

Bowers cercherà anche segni che, come alcuni hanno proposto, la luce stimoli i mitocondri produttori di energia delle cellule cerebrali. Esperimenti in provetta hanno dimostrato che la luce può innescare l’enzima citocromo C ossidasi, che è presente sulle membrane mitocondriali, per aumentare la produzione di energia cellulare, che a sua volta potrebbe aumentare il flusso sanguigno e stimolare le cellule a sfornare diverse proteine ​​neuroprotettive e fattori di crescita. “Ma non sono convinto che un dispositivo transcranico possa penetrare abbastanza in profondità da mostrare miglioramenti sostanziali”, afferma Bowers. 

Lo studio seguirà per 4 anni 14 pazienti con Parkinson allo stadio iniziale, sette dei quali saranno trattati periodicamente con impulsi di luce a 670 nanometri inviati al cervello tramite un sottile cavo a diodi laser. Gli altri sette pazienti non saranno operati; un comitato di revisione etica ha deciso di non sottoporli a un intervento chirurgico senza possibilità di beneficio. “L’obiettivo principale è dimostrare che l’impianto è sicuro”, dice Benabid, ma i ricercatori valuteranno anche la progressione della malattia. “Deve fare una grande differenza”, dice. “Non c’è motivo per fare un ampio intervento chirurgico per un lieve miglioramento”.

I ricercatori intendono utilizzare metodi di imaging comuni per quantificare il numero di cellule che producono dopamina nei pazienti. Ma un effetto protettivo può essere difficile da rilevare. “Il problema principale con tutti gli studi di neuroprotezione nella malattia di Parkinson è che la diagnosi sembra verificarsi dopo che più del 50% delle cellule produttrici di dopamina sono scomparse”, dice Sulzer. A meno che il miglioramento non sia enorme, “il segnale potrebbe essere troppo piccolo per essere rilevato”.

Il team cercherà anche benefici clinici. Ma poiché i ricercatori classificano i sintomi del Parkinson osservando i pazienti che svolgono compiti specifici, le valutazioni sono in gran parte soggettive e i sintomi variano nel tempo. Poiché il gruppo di controllo non subirà un intervento chirurgico, sarà particolarmente difficile escludere gli effetti placebo.

Eppure Sulzer sta dando a studi come quello di Benabid il beneficio del dubbio. L’assenza di un meccanismo chiaro non è un motivo per sospendere la terapia, dice. “Ci sono molte cose che non capiamo”, dice Sulzer. “Sono scettico e penso anche che sia un’area di ricerca intrigante”.

Fonte: Science

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...