Come il cancro manipola il sistema immunitario

cancro

Un nuovo studio rivela come il cancro manipola il nostro sistema immunitario per diventare più difficile da trattare.

Molti fattori influenzano l’esito del trattamento del cancro, come la dimensione e la posizione del tumore, la disponibilità di trattamenti efficaci e i tempi di intervento. Alcuni tumori sono così aggressivi che il risultato è scarso, anche dopo diagnosi precoce e chemioterapia. I ricercatori hanno focalizzato la loro attenzione sul tentativo di capire cosa rende alcuni tipi di cancro meno curabili di altri. Ora, i ricercatori del Children’s Hospital di Los Angeles rivelano un meccanismo attraverso il quale alcuni tumori ingigantiscono le cellule sane per proteggersi.

Yves DeClerck, del Children’s Center for Cancer and Blood Diseases e del Saban Research Institute del Children’s Hospital di Los Angeles, ha dedicato la sua carriera alla comprensione di come le cellule tumorali interagiscono con il tessuto normale circostante per sfuggire agli effetti della terapia. La ricerca ha dimostrato che i tumori con alti livelli di una proteina denominata inibitore dell’attivatore del plasminogeno 1 (PAI-1) sono più aggressivi e associati a esiti peggiori.

Vedi anche, Un semplice esame del sangue può diagnosticare il cancro.

Nel nuovo studio, pubblicato il 20 novembre sulla rivista Cell Reports, il team di DeClerck ha dimostrato che le cellule tumorali usano PAI-1 per ingannare il sistema immunitario del corpo nel sostenere il cancro.

DeClerck e il suo team, guidati dal ricercatore postdottorato Marta Kubala, hanno caratterizzato una relazione tra tumori e sistema immunitario. “In questo studio, ci siamo concentrati sul ruolo delle cellule immunitarie chiamate macrofagi e su come  PAI-1 influisce sulla loro attività“, spiega Kubala. Come attori importanti nel sistema immunitario, i macrofagi trovano e distruggono le cellule cancerose o invasori stranieri come i batteri. I macrofagi sono normalmente considerati anticancro, ma il team di DeClerck ha dimostrato che PAI-1 spinge i macrofagi in uno stato alternativo e pro-cancro (chiamato M2) reclutando giocatori comuni nel sistema immunitario – IL-6 e STAT3 – segnalando efficacemente ai macrofagi di supportare piuttosto che attaccare le cellule tumorali.

“Un macrofago può essere un amico o un nemico delle cellule tumorali”, spiega DeClerck, che è anche un Professore di pediatria presso la Keck School of Medicine della University of Southern California. “Il cancro comunica con i macrofagi che cambiano il loro comportamento e sostengono il tumore”. Nel modificare la funzione del tessuto sano circostante, il cancro è maggiormente in grado di sopravvivere e diffondersi.

Il team di DeClerck mostra anche che le cellule tumorali possono usare PAI-1 per promuovere il movimento di questi macrofagi M2 pro-cancro nei tumori, dove proteggono il cancro e riparano qualsiasi danno che la chemioterapia possa aver causato. 

DeClerck e il suo team hanno scoperto quello che sembra essere un meccanismo molto comune utilizzato da molti tumori per comandare parte del sistema immunitario del corpo. Per studiare in che misura questa comunicazione cellulare potrebbe avere un impatto sul trattamento del cancro, il team di DeClerck ha studiato il Cancer Genome Atlas del National Institute of Health, una raccolta di informazioni genetiche da oltre 11.000 campioni di pazienti e ha scoperto che molti diversi tumori hanno questa relazione. 

“Abbiamo esaminato i dati dei pazienti provenienti da neuroblastoma e tumori del seno, della prostata, del colon e del polmone. Ogni volta che vediamo livelli più elevati di PAI-1, abbiamo prove della presenza di macrofagi M2 pro-cancro”, dice DeClerck.

Questa nuova comprensione del modo in cui PAI-1 comunica con i macrofagi per cambiare la loro attività ha il potenziale per modificare il nostro approccio al trattamento del cancro poiché questi risultati sono applicabili alla maggior parte dei tipi di cancro. 

“È chiaro che il microambiente tumorale, comprese le cellule del sistema immunitario, sono cruciali nello sviluppo del cancro”, spiega Kubala.

Mentre i tumori variano ampiamente in termini di posizione, trattamento e tassi di sopravvivenza, la loro manipolazione dei macrofagi rappresenta un filo comune, che è importante per elaborare trattamenti migliori per i tumori aggressivi. “Il target PAI-1 potrebbe essere utile nel trattamento del cancro”, dice DeClerck, “ma molto altro lavoro deve essere fatto”. Egli avverte che non è semplice eliminare PAI-1, che è anche fatto in tessuto sano ed è una parte importante del processo di coagulazione del sangue. Questi risultati, che rivelano un percorso completo di comunicazione tra tumori e macrofagi, gettano le basi per una strada promettente di ricerca.

Fonte, EurekAlert

Altri articoli su cancro