HomeSaluteBiotecnologie e GeneticaCome i batteri usano CRISPR per uccidere i virus

Come i batteri usano CRISPR per uccidere i virus

(Batteri-Immagine Credit Public Domain).

Negli ultimi anni, CRISPR ha conquistato i titoli dei giornali per aver aiutato a curare pazienti con condizioni diverse come cecità e anemia falciforme. Tuttavia, molto prima che gli esseri umani cooptassero CRISPR per combattere le malattie genetiche, i batteri utilizzavano CRISPR come sistema immunitario per combattere i virus.

Nei batteri, CRISPR (Clustered Regularly Interspaced Short Palindromic Repeats) funziona rubando piccoli pezzi di DNA dai virus infettanti e immagazzinando quei pezzi nei geni dei batteri. Questi frammenti di DNA, chiamati distanziatori, vengono quindi copiati per formare piccoli tag, che si attaccano alle proteine ​​che fluttuano intorno fino a trovare un pezzo di DNA corrispondente. Quando trovano una corrispondenza, la riconoscono come un virus e la tagliano.

- Advertisement -

Ora, un articolo pubblicato su Current Biology dai ricercatori del  Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università della Pennsylvania, mostra che il rischio di autoimmunità gioca un ruolo chiave nel plasmare il modo in cui CRISPR memorizza le informazioni virali, guidando quanti distanziatori i batteri conservano nei loro geni e come lunghi sono quei distanziatori. 

Idealmente, i distanziatori dovrebbero corrispondere solo al DNA appartenente al virus, ma esiste una piccola possibilità statistica che il distanziatore corrisponda a un altro pezzo di DNA nei batteri stessi. Ciò potrebbe significare la morte per una risposta autoimmune. 

Vedi anche:CRISPR incontra Pac-Man: il nuovo strumento taglia e incolla DNA

“Il sistema immunitario adattativo nei vertebrati può produrre malattie autoimmuni molto serie e pericolose, ma le persone non hanno considerato attentamente questa possibilità anche per i batteri”, afferma  Vijay Balasubramanian, ricercatore principale e Professore di fisica Cathy e Marc Lasry presso la School of Arts & Sciences.

- Advertisement -

Bilanciare questo rischio può mettere i batteri in una sorta di legame evolutivo. Avere più distanziatori significa che possono memorizzare più informazioni e respingere più tipi di virus, ma aumenta anche la probabilità che uno dei distanziatori possa corrispondere al DNA dei batteri e innescare una risposta autoimmune.

Balasubramanian, insieme ai coautori Hanrong Chen del Genome Institute di Singapore e Andreas Mayer dell’University College London, si è reso conto che i batteri potevano aggirare questo problema avendo distanziatori più lunghi. Simile a come una password più lunga potrebbe essere più difficile da decifrare, è meno probabile che un distanziatore più lungo corrisponda al DNA dei batteri stessi. Ciò significa che i batteri con distanziatori più lunghi sarebbero in grado di avere più distanziatori in generale senza il rischio di innescare una risposta autoimmune. 

Con questa idea nella mente, i ricercatori hanno costruito un modello matematico per calcolare il rapporto tra la lunghezza del distanziatore e il numero totale di distanziatori che i batteri dovrebbero essere in grado di immagazzinare senza rischiare una risposta autoimmune.

Una volta elaborato il modello matematico, hanno verificato se la loro previsione era vera nei batteri osservando il DNA CRISPR di migliaia di specie e confrontando la lunghezza del distanziatore con il numero di distanziatori immagazzinati.

I ricercatori hanno trovato una relazione coerente e stretta tra la lunghezza del distanziatore e il numero di distanziatori. 

Afferma Balasubramanian: “Questo è un quadro teorico molto semplice. C’è il rischio di autoimmunità, ma è bello avere più memoria immunitaria e devi bilanciare queste due considerazioni. È solo molto, molto raro che qualcosa di così semplice corrisponda ai dati”.

Balasubramanian afferma che il successo del modello mostra che questa struttura di semplici compromessi matematici potrebbe applicarsi a sistemi più complessi, come il sistema immunitario dei vertebrati, compreso l’uomo.

“Solo facendo quel tipo di ragionamento statistico puoi fare molti progressi”, dice. “Quindi forse possiamo tornare all’immunità dei vertebrati e usare le stesse tecniche”.

Questo studio è anche tra i primi a descrivere l’importanza della risposta autoimmune nei batteri. Balasubramanian e i suoi collaboratori sperano che gli studi futuri di CRISPR considerino il rischio di autoimmunità.

Per quanto riguarda il lavoro futuro, il ricercatore mira a esplorare il modo in cui CRISPR memorizza le informazioni in risposta all’evoluzione dei virus. E mentre un modello statistico dell’evoluzione dei geni batterici potrebbe sembrare molto lontano dalla vita quotidiana, Balasubramanian afferma che questo lavoro pone le basi per una comprensione più ampia dell’immunità, in modi che potrebbero consentire una visione più approfondita di virus come l’influenza stagionale o il nuovo SARS-CoV -2 e varianti.
Dice Balasubramanian: “Questi sono tutti pezzi di un puzzle più grande”.

Fonte: Università della Pennsylvania

 

ULTIMI ARTICOLI

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...

Cibo giapponese da aggiungere alla dieta

(Cibo giapponese-Zuppa di miso-Immagine: gli alimenti fermentati come il miso sono noti per essere benefici per la salute del microbioma.Credito Scitechdaily). Il cibo giapponese è...

Cucinare al barbecue: grigliare provoca il cancro?

(Barbecue-Immagine Credit Public Domain). Quali sono le conseguenze sulla salute, in particolare legate al cancro, del barbecue che griglia carne su una fiamma viva? Il barbecue...

Toxoplasmosi: nuovo farmaco prende di mira la forma cistica del parassita

(Toxoplasmosi-Immagine Credit Public Domain). I risultati di un nuovo studio dell'Università del Kentucky College of Medicine pubblicato sul Journal of Biological Chemistry il 28 maggio,...

Cancro gastrico: studio rivela come si forma

(Cancro gastrico-Immagine:astratto grafico. Credito: Gastroenterologia (2022). DOI: 10.1053/j.gastro.2022.06.021). Uno studio pubblicato di recente rivela nuove intuizioni su come si sviluppa il cancro gastrico e suggerisce un trattamento preventivo. Eunyoung Choi,...