HomeSaluteSistema ImmunitarioCome i vaccini possono rafforzare la risposta immunitaria oltre una specifica malattia

Come i vaccini possono rafforzare la risposta immunitaria oltre una specifica malattia

(Vaccini-Immagine Credit Public Domain).

Secondo Christine Stabell Benn, Professore all’Università della Danimarca meridionale, i vaccini vivi possono avere effetti sulla salute oltre la semplice protezione da una specifica malattia e possono persino aiutarci a combattere altre infezioni come quella da Covid-19.

Pensiamo spesso ai vaccini che ci proteggono da una specifica malattia, addestrando il sistema immunitario a riconoscere una particolare minaccia e a rispondere rapidamente se mai siamo esposti a quella minaccia. Questo è il sistema immunitario adattativo al lavoro.

- Advertisement -

Tuttavia, i vaccini possono anche influenzare la risposta del nostro sistema immunitario ad altre malattie allenando il nostro sistema immunitario innato, la prima linea di difesa contro un’ampia gamma di infezioni.

Il Prof. Benn ha studiato gli effetti dei vaccini per l’infanzia nei paesi a basso reddito per oltre 20 anni. Ha guidato il Progetto CHILIC” che ha condotto sperimentazioni cliniche testando la politica dell’OMS sui vaccini e l’integrazione di vitamina A in Guinea-Bissau, e sta studiando l’effetto del vaccino BCG (tubercolosi) e della poliomielite orale su Covid-19.

Che effetto hanno i vaccini sul sistema immunitario?

 Christine Stabell Benn: La nostra attuale comprensione storicamente si è concentrata esclusivamente su ciò che accade in termini di memoria specifica che viene generata.

- Advertisement -

L’idea generale sui vaccini è che hai un sistema immunitario adattativo che ha memoria. Al sistema immunitario innato non è mai stato attribuito alcun tipo di memoria. Ma in realtà, questa è stata una visione semplicistica del sistema immunitario innato.

Quello che stiamo imparando di recente è che succede molto di più quando viene somministrato un vaccino. Il lavoro è iniziato con osservazioni epidemiologiche a livello di popolazione, cioè studiando l’effetto dei vaccini sulla salute generale e scoprendo che in questa equazione manca qualcosa. Otteniamo effetti sulla mortalità complessiva che non possiamo affatto spiegare basandoci solo sull’effetto protettivo specifico del vaccino contro la malattia.

Quali tipi di vaccini hanno questo effetto?

 Christine Stabell Benn: Tutti i vaccini vivi attenuati (creati da una forma indebolita di un agente patogeno) che abbiamo studiato hanno questi effetti benefici non specifici. In realtà creano una lieve infezione nel corpo e penso che sia la chiave del loro successo. Abbiamo esaminato il BCG (un vaccino per la tubercolosi), il vaccino contro il morbillo – anche sotto forma di vaccino contro il morbillo-parotite-rosolia (MMR) – il vaccino orale contro la poliomielite e il vaccino contro il vaiolo.

Quali effetti aggiuntivi sono stati osservati da questi vaccini?

 Christine Stabell Benn: Uno dei risultati più grandi dello studio CHILIC è stato uno studio in cui i bambini di basso peso alla nascita sono stati randomizzati a (ricevere) BCG o nessun BCG. Ciò era eticamente giustificabile dal fatto che i bambini di basso peso alla nascita normalmente non ricevevano il vaccino BCG alla nascita che è posticipato fino a quando non hanno guadagnato più peso. Nelle prime quattro settimane di vita, abbiamo visto che la mortalità complessiva è stata ridotta di un terzo nei bambini vaccinati con BCG. Ciò era dovuto a una riduzione del rischio di setticemia e infezioni respiratorie. Quindi non aveva niente a che fare con la tubercolosi, che non uccide i bambini nel primo mese di vita.

Per comprendere meglio i meccanismi immunologici, abbiamo somministrato ai volontari olandesi un vaccino BCG o un placebo. Quattro settimane dopo, li abbiamo sfidati con un vaccino contro la febbre gialla e questo è un vaccino vivo piuttosto duro. Imita un’infezione e puoi misurare il virus nel sangue il quinto giorno dopo aver ricevuto il vaccino. Abbiamo potuto dimostrare che c’era meno virus della febbre gialla nel sangue di coloro che avevano ricevuto BCG quattro settimane prima. Quindi abbiamo qui una prova di principio che un vaccino batterico può alterare il modo in cui gestisci una successiva sfida virale.

Vedi anche:Vaccini: quanto funzionano dipende dai tuoi geni

Quali implicazioni ha questo sulle politiche in cui i vaccini vivi vengono gradualmente eliminati, come il vaccino orale contro la poliomielite?

 Christine Stabell Benn: Noi, e anche altri ricercatori abbiamo scritto molte lettere e pubblicazioni su questo tema di grande preoccupazione. Possiamo dimostrare che in Guinea Bissau ogni dose di vaccino orale contro la poliomielite è associata a una riduzione della mortalità infantile di circa il 20%”.

Altri ricercatori hanno effettuato confronti consecutivi tra il vaccino antipolio orale e il vaccino antipolio inattivato. Entrambi gli studi hanno riscontrato migliori risultati sulla salute in coloro che hanno ricevuto il vaccino antipolio orale.

Il vaccino contro la poliomielite orale, in circostanze molto rare – 1 su 2,7 milioni di dosi di OPV – può portare a casi di paralisi associata al vaccino contro la poliomielite. Questo è uno dei motivi per cui il mondo si sta allontanando dal vaccino antipolio orale. L’altro è la preoccupazione che possa mutare e diventare di nuovo poliomielite selvaggia.

La mia preoccupazione, e la preoccupazione di altre persone, è che una volta che smetteremo di usare il vaccino antipolio orale, vedremo la mortalità ricominciare ad aumentare o almeno la sorprendente diminuzione della mortalità per tutte le cause nei paesi a basso reddito nell’ultimo decennio, si fermerà.

Pensi che i vaccini vivi, come il BCG, possano aumentare la nostra protezione contro Covid-19?

 Christine Stabell Benn:ci sono due ipotesi. Una riguarda la somministrazione di BCG ora e vedere se può prevenire il Covid nei successivi 6-12 mesi. L’altra ipotesi, che è stata pubblicata in parecchi articoli, sostiene che esiste un’associazione tra i paesi con il programma di vaccinazione infantile BCG e il Covid-19 meno grave.

Non sono convintoadella seconda ipotesi. Voglio dire, sarebbe meraviglioso se un vaccino somministrato alla nascita potesse effettivamente fornire una protezione così a lungo termine. La qualità dei dati è semplicemente troppo scarsa per confermare questa ipotesi.

Stiamo conducendo due prove con il vaccino BCG in Danimarca, per la protezione a breve termine contro Covid-19 con operatori sanitari e una popolazione anziana.

Vedi anche:Tecnologia mRNA: oltre i vaccini, si indaga sul futuro

Stiamo anche conducendo uno studio randomizzato in Guinea-Bissau, dove stiamo esaminando il vaccino antipolio orale. Mi piacerebbe testarlo anche in Danimarca, ma non ci è più permesso usarlo qui. (Da quando l’Europa è stata dichiarata libera dalla poliomielite nel 2002, la maggior parte dei paesi dell’UE  è passata all’utilizzo del vaccino antipolio inattivato, che non contiene virus vivi.) Lo stiamo usando a Bissau per gli adulti sopra i 50 anni (e monitoriamo se il coronavirus viene rilevato ) per vedere se mitiga l’impatto della Covid-19.

L’idea qui (con queste prove) è che il loro sistema immunitario innato sarà così reattivo che combatterà completamente contro Covid o, se la prendi, avrai una risposta molto rapida che diminuirà la gravità dell’infezione.

Ci sono altre implicazioni della tua ricerca sull’attuale ricerca di un vaccino contro il coronavirus?

 Christine Stabell Benn: Abbiamo visto questi effetti benefici non specifici per i vaccini vivi, ma abbiamo costantemente visto che i vaccini non vivi (come molti dei candidati all’avanguardia per un vaccino contro il coronavirus) non hanno questi effetti.

Occorre risalire al sistema immunitario e a cosa fanno i vaccini. Abbiamo ora dimostrato con il gruppo di Mihai Netea (alla Radboud University nei Paesi Bassi) che i vaccini vivi possono allenare il sistema immunitario e abbiamo anche dimostrato ora per quattro vaccini non vivi che inducono tolleranza nel sistema immunitario innato.

Il risultato netto è che se prendi una donna olandese e la vaccini con DTP (un vaccino non vivo), e tre mesi dopo, prendi le sue cellule (del sistema immunitario) in una capsula di Petri e le sfidi con vari stimolanti, allora le cellule sono più pigre. Quindi, puoi allenare il sistema immunitario innato ma puoi anche indirizzarlo in modo errato, e non sappiamo ancora esattamente come ciò avvenga.

Il sistema per testare i vaccini è stato superato dalla nostra nuova comprensione di come funzionano (gli effetti non specifici) vaccini e di come funziona il sistema immunitario. Nelle prove di fase tre (avanzate) esaminiamo solo gli effetti specifici del vaccino e poi nei primi 14 giorni gli eventi avversi plausibili.

Potresti avere una donna che riceve questo vaccino e poi tre mesi dopo soccombe a una polmonite batterica, e nessuno al mondo lo considererebbe mai, con il sistema attuale, come un effetto collaterale.

Quello che sto cercando di sostenere in Danimarca è di lanciare un nuovo vaccino contro il coronavirus in modo randomizzato. Facciamolo in un modo in cui metà del gruppo target riceva il vaccino e l’altra metà non lo riceva e possiamo fare un follow-up a lungo termine, perché questo è l’unico modo per essere sicuri.

Questa ricerca è stata in parte finanziata dal Consiglio europeo della ricerca dell’UE.

Scritto da Ian Le Guillou

Fonte:Technology

 

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...