HomeSaluteChemioterapia: un farmaco potrebbe proteggere le donne dall'infertilità

Chemioterapia: un farmaco potrebbe proteggere le donne dall’infertilità

Un farmaco esistente potrà un giorno proteggere le donne dalla infertilità che segue comunemente i trattamenti del cancro, secondo un nuovo studio.

Le donne che vengono trattate per il cancro con radiazioni o alcuni farmaci chemioterapici, diventano sterili. Secondo uno studio del Weill Cornell Medicine del 2006, quasi il 40 per cento di tutte le donne sopravvissute al cancro al seno, perdono la funzione normale delle loro ovaie e spesso diventano infertili.

Le donne sono nate con una riserva di ovociti o ovuli immaturi, ma questi ovociti sono tra le cellule più sensibili del corpo e possono essere eliminate dai trattamenti contro il cancro.

- Advertisement -

Lo studio attuale, pubblicato nella rivista Genetics, è stato diretto da John Schimenti, Professore della Cornell University presso i Dipartimenti di Scienze Biomediche e Biologia Molecolare e Genetica. Lo studio si basa sulla sua ricerca del 2014 che ha identificato una proteina chiamata CHK2 che si attiva quando gli ovociti sono danneggiati dalle radiazioni.

CHK2 funziona in un percorso che elimina gli ovociti con un danno del DNA, una funzione naturale per proteggere i neonati da mutazioni genetiche. Quando i ricercatori hanno irradiato i topi che non dispongono del gene CHK2, gli ovociti sono sopravvissuti, riparato il danno al DNA e  dato origine a cuccioli sani.

Il nuovo studio ha indagato se questo percorso CHK2 poteva essere inibito chimicamente.

“Risulta che ci sono farmaci inibitori di CHK2 che sono stati sviluppati proprio per il trattamento del cancro , ma sono risultati poco efficaci per il trattamento del cancro”, ha dichiarato Schimenti, autore senior dell’ articolo. Vera Rinaldi, ricercatrice del laboratorio di Schimenti e primo autore dell’ articolo, dice: ” Somministrando ai topi il farmaco inibitore, essenzialmente abbiamo eliminato il gene che codifica per la proteina CHK2″.

- Advertisement -

Inibendo questo percorso di controllo, gli ovociti non sono stati uccisi in seguito alle radiazioni e sono rimasti fertili, consentendo la nascita di cuccioli normali.

“L’unica preoccupazione,” ha dichiarato Schimenti, “è che, anche se questi ovociti irradiati hanno portato alla nascita di cuccioli di topi sani, è possibile immaginare mutazioni che si manifesteranno in una generazione o due, perché stiamo aggirando il ruolo evolutivamente importante di un meccanismo di controllo genetico di qualità. Questo rischio deve essere studiato mediante sequenziamento genomico “.

 

” Poichè gli esseri umani e i topi hanno fisiologie diverse, c’è molto da fare per determinare dosaggi sicuri ed efficaci per le persone del farmaco, ma è chiaro che abbiamo la prova del principio di questo approccio”, ha detto Schimenti.

Fonte: News Cornell

ULTIMI ARTICOLI

Melanoma: un peptide ritarda la crescita

(Melanoma-Immagini in fase time-lapse di cellule di melanoma B16F10-Nex2 trattate con Rb4 e Scr-Rb4. (A) I pannelli sono campi rappresentativi delle cellule B16F10-Nex2 dopo il...

Mounjaro approvato per il controllo della glicemia nel diabete di tipo 2

(Mounjaro-Immagine Credit Public Domain). "L'iniezione di Mounjaro (tirzepatide) è stata approvata come aggiunta alla dieta e all'esercizio fisico per migliorare il controllo della glicemia negli...

Prevenire l’aterosclerosi, causa di malattie cardiache

(Aterosclerosi-Immagine Credit Istituto La Jolla per l'immunologia). Prevenire l'aterosclerosi, la causa alla base delle malattie cardiache, significa che gli scienziati devono capire come le cellule...

Monkeypox diventa globale: perché gli scienziati sono in allerta

(Monkeypox-Immagine Credit Agenzia per la sicurezza sanitaria/biblioteca scientifica del Regno Unito). Gli scienziati stanno cercando di capire perché Monkeypox, un parente meno letale del vaiolo,...

Compresse di iodio potrebbero aiutare in caso di guerra nucleare?

(Iodio-Immagine Credit Public Domain). Il mondo è cambiato il 24 febbraio 2022. L'attacco della Russia all'Ucraina ha segnato la più grande guerra che l'Europa abbia...