Carne di ‘laboratorio’ sulle piastre americane

carne di laboratorio

Venerdì le autorità statunitensi hanno concordato come regolamentare i ‘prodotti alimentari coltivati ​​da cellule animali’, aprendo la strada alla cosiddetta “carne di laboratorio” sulle piastre americane.

‘ll Dipartimento dell’Agricoltura e la Food and Drug Administration hanno concordato di condividere la regolamentazione dei prodotti alimentari colturali’, hanno detto le autorità statunitensi in una dichiarazione congiunta, in seguito ad un incontro pubblico in ottobre.

Mentre i dettagli tecnici devono ancora essere confermati, la FDA supervisionerebbe la raccolta e la differenziazione delle cellule, quando le cellule staminali si svilupperanno in cellule specializzate, mentre l’USDA supervisionerebbe la produzione e l’etichettatura dei prodotti alimentari.

“Questo quadro normativo sfrutterà sia l’esperienza della FDA che regola la tecnologia della coltura cellulare e i biosistemi viventi, sia l’esperienza dell’USDA nella regolamentazione dei prodotti di bestiame e pollame per il consumo umano”, si legge nella dichiarazione, aggiungendo che le agenzie non vedono la necessità di una legislazione in materia.

La questione se approvare prodotti alimentari coltivati ​​con cellule non è mai realmente sorta negli Stati Uniti. Infatti, esistono già diverse startup di “laboratorio di carne”, ma i costi di produzione sono molto alti e nessuno ha un prodotto che è ancora pronto per la vendita.

La società californiana Just, nota per la sua maionese senza uova, ha detto in precedenza che prevede di vendere carne coltivata entro la fine di quest’anno e ha dichiarato all’AFP che non vede l’ora di lavorare con le agenzie.

Altri, come Memphis Meats e Mosa Meat, nei Paesi Bassi, stanno lavorando per ridurre i costi di produzione, con il sostegno dell’industria agroalimentare.

I sostenitori della “carne di laboratorio” ritengono che evitare la macellazione degli animali ridurrà sia la sofferenza che le emissioni di gas serra ed è un’opzione sostenibile per nutrire le popolazioni in crescita affamate di proteine.

“I consumatori americani meritano una vasta gamma di scelte salutari, umane e sostenibili”, ha affermato Jessica Almy, responsabile politica del Good Food Institute, ma sono in disaccordo con le organizzazioni agricole sul fatto che tali prodotti possano effettivamente essere definiti “carne”.

Le autorità non hanno rilasciato alcuna dichiarazione al riguardo, ma l’Associazione dei bovari degli Stati Uniti ha accolto favorevolmente la notizia.

“L’USDA supervisionerà l’etichettatura, motivo per cui siamo estasiati perché la FDA non richiede l’approvazione dell’etichetta pre-mercato … prima che i prodotti raggiungano gli scaffali”, ha detto la portavoce Lia Biondo.

Fonte, Medicalxpress

Altri articoli su carne di laboratorio