Home Salute Tumori Cancro: immunoterapia con cellule T CAR determina un eccezionale recupero del paziente

Cancro: immunoterapia con cellule T CAR determina un eccezionale recupero del paziente

Immagine: Public Domain.

In uno studio clinico che ha valutato una nuova opzione di immunoterapia per il trattamento del cancro, un bambino con rabdomiosarcoma, una forma di cancro muscolare che si era diffuso al midollo osseo, non ha mostrato alcun cancro rilevabile a seguito del trattamento con cellule T CAR che sono state progettate per colpire la proteina HER2 sulla superficie delle cellule tumorali.

La ricerca, condotta da ricercatori del Baylor College of Medicine, dell’Ospedale pediatrico del Texas e dell’Ospedale metodista di Houston, è stata recentemente pubblicata sulla rivista Nature Communications.

- Advertisement -

“Questo bambino è stato considerato ad alto rischio perché il cancro che lo aveva colpito non aveva risposto alla chemioterapia standard. Di conseguenza, questo bambino era candidato a ricevere la nuova promettente terapia con cellule T CAR, una forma personalizzata di immunoterapia che reindirizza le cellule T immunitarie del paziente a riconoscere e combattere il tumore, ha dichiarato il primo e corrispondente autore dello studio il Dr. Meenakshi Hegde, assistente Professore di ematologia-oncologia pediatrica presso il Baylor College of Medicine e Texas Children’s.

“Sebbene il bambino abbia avuto una risposta duratura alle cellule T HER2-CAR senza che sia stato rilevato alcun tumore, il cancro è tornato sei mesi dopo che abbiamo interrotto le infusioni di cellule T. Fortunatamente, il bambino ha ottenuto una seconda remissione dopo il ritrattamento con cellule T CAR-HER2”, spiega Hegde. “Considerando le diverse sfide nel trattare con successo i tumori solidi usando le cellule T CAR, raggiungere questa eccezionale risposta anti-tumorale è molto incoraggiante”.

Al momento di questo rapporto, il bambino è in pausa dal trattamento con cellule T e rimane sano e privo di cancro.

Nuovi approfondimenti su come si è verificata questa ripresa eccezionale

- Advertisement -

La risposta anti-tumorale sostenuta in questo bambino ha fornito ai ricercatori importanti spunti su come il cancro è stato eliminato. Le cellule T CAR sono state sviluppate per riconoscere e attaccare le cellule tumorali HER2 +. Sebbene non tutte le cellule tumorali esprimessero HER2 sulla superficie cellulare, il tumore è stato eliminato nella sua interezza e questo ha portato i ricercatori ad interrogarsi su come le cellule cancerose HER2 negative sono state sradicate.

Abbiamo trovato prove che suggeriscono che, a seguito dell’infusione di cellule T CAR specifiche per HER2, il sistema immunitario del paziente è stato reclutato per agire contro il tumore, il che potrebbe aiutare a spiegare la risposta completa e duratura“, ha detto Hegde. “Abbiamo in programma di condurre esperimenti più dettagliati in un gruppo più ampio di pazienti trattati con cellule T CAR HER2 per comprendere meglio il coinvolgimento del sistema immunitario del paziente nell’eliminazione del cancro”.

“È stato incredibile vedere il rimodellamento del compartimento delle cellule T del paziente e lo sviluppo di anticorpi diretti contro le proteine ​​implicate nella sopravvivenza del tumore e nelle metastasi durante il corso del trattamento in questo bambino. I meccanismi di attivazione immunitaria e i target tumorali associati spiegati durante la risposta acquisita, potrebbero favorire lo sviluppo di nuovi approcci per combattere i tumori difficili da trattare “, ha affermato il Dott. Sujith Joseph, scienziato senior presso il Centro per la terapia cellulare e genica del Baylor, che ha condotto una valutazione approfondita della risposta immunitaria del paziente.

“Questo studio dimostra che le cellule T CAR potrebbero forse agire come vaccini esponendo le proteine ​​tumorali al sistema immunitario del paziente. Con più comprensione e ulteriore perfezionamento del loro design, le cellule T CAR potrebbero essere efficaci contro alcune incurabili neoplasie“, ha detto l’autore senior dello studio il Dr. Nabil Ahmed, Professore associato di pediatria e immunologia presso il Baylor e il Texas Children’s Hospital.

Circa il 75 percento delle cellule tumorali in questo paziente mostrava una proteina sulla superficie chiamata HER2. I ricercatori hanno riprogrammato le cellule T per colpire la proteina HER2 ingegnerizzandole geneticamente per esprimere le molecole CAR che riconoscono le cellule tumorali che esprimono HER2 (HER2 +).

In un precedente studio clinico, lo studio HEROS, i ricercatori hanno scoperto che le cellule T CAR dirette alle cellule tumorali HER2 + avevano un profilo di sicurezza favorevole. Questo trattamento con cellule T CAR di prima generazione ha prodotto benefici clinici in un piccolo sottogruppo di pazienti, ma non ha sradicato i loro tumori.

“Dallo studio HEROS, abbiamo appreso che le cellule T HER2-CAR si espandevano, ma non persistevano nei pazienti, il che potrebbe in parte spiegare la mancanza di risposte antitumorali”, ha affermato Hegde, che fa anche parte del Dan L Duncan Comprehensive del Baylor Cancer Center.

Per superare questa limitazione, Hegde e i suoi colleghi hanno aggiunto successive infusioni di cellule T HER2-CAR insieme a chemioterapia a basse dosi per eliminare le normali cellule T come strategia per migliorare l’espansione e la persistenza delle cellule T HER2-CAR infuse in uno studio che hanno chiamato HEROS 2.0.

La chemioterapia somministrata prima del trasferimento delle cellule T HER2-CAR ha eliminato le cellule immunitarie esistenti del paziente, creando uno spazio per l’espansione delle cellule T CAR ingegnerizzate nel paziente.

Fonte: Nature

ULTIMI ARTICOLI

Glaucoma: invertita la perdita della vista legata all’età

ll glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio troppo elevata. Secondo l’OMS ne sono affette circa 55 milioni di persone...

Vaccino COVID 19 in Italia da Gennaio

Le prime dosi del vaccino COVID 19 di Pfizer-BioNTech sono in viaggio verso l’Europa tramite voli cargo dagli Stati Uniti. I voli charter della...

Vaccino COVID 19: Pfizer fa domanda per approvazione

Pfizer e BioNTech hanno chiesto l'approvazione del loro vaccino contro il coronavirus COVID 19 all'EMA. Le aziende farmaceutiche hanno già richiesto l'autorizzazione negli Stati Uniti...

Vaccino COVID 19: a che punto siamo?

Vaccino COVID 19: a che punto siamo? I ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare vaccini sicuri ed efficaci contro SARS-CoV-2, il...

Cancro: accorciamento dei telomeri protegge dal rischio

Cancro/telomeri.Immagine:Telomeri umani (verdi) alle estremità dei cromosomi (blu). Credito: Rockefeller University. L'accorciamento dei telomeri protegge dalla rischio di sviluppare il cancro, secondo uno studio dei ricercatori...