Home Salute Cuore e circolazione Nuovo farmaco previene i coaguli senza aumentare il rischio di sanguinamento

Nuovo farmaco previene i coaguli senza aumentare il rischio di sanguinamento

Immagine: Public Domain.

I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago hanno sviluppato un nuovo farmaco che previene i coaguli di sangue senza causare un aumentato rischio di sanguinamento, un effetto collaterale comune di tutti i farmaci antipiastrinici attualmente disponibili.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine descrive il farmaco e i suoi meccanismi di consegna e mostra che il farmaco è anche un trattamento efficace per l’infarto nei modelli animali.

- Advertisement -

Xiaoping Du, Professore alla UIC di farmacologia e medicina rigenerativa presso il College of Medicine, ha guidato la ricerca.

Vedi anche:Dal veleno di serpente un farmaco antipiastrinico

Sfortunatamente, i farmaci antiaggreganti attuali impediscono la coagulazione del sangue che causa infarto e ictus, ma interrompono anche la capacità delle piastrine di bloccare il sanguinamento se un vaso sanguigno si rompe. In alcuni casi, un’emorragia grave può essere pericolosa per la vita. La magia di questo nuovo farmaco è che previene i coaguli, ma non rende le persone inclini al sanguinamento, cosa che altri farmaci non sono riusciti a fare“, dice Xiaoping Du, Professore alla UIC dip. di farmacologia e medicina rigenerativa

In uno studio precedente, Du e i suoi colleghi hanno identificato un meccanismo di segnalazione che è importante nel processo di coagulazione del sangue, ma non è necessario per la capacità delle piastrine di aderire a una ferita e prevenire il sanguinamento. Sulla base di questa scoperta, i ricercatori hanno derivato un peptide per colpire il meccanismo di segnalazione e hanno progettato una nanoparticella che ha trasportato con successo il peptide nelle piastrine.

- Advertisement -

La nanoparticelle che trasporta il peptide, chiamata M3mP6, è stata quindi testata nei topi come possibile trattamento per gli attacchi di cuore.

Du ha spiegato che un attacco di cuore può causare insufficienza cardiaca e morte dal danno iniziale causato dal coagulo che blocca il flusso sanguigno e riduce l’apporto di ossigeno. Questa condizione è in genere trattata con una procedura chiamata angioplastica e uno stent per aprire l’arteria, combinata con farmaci antiaggreganti piastrinici per impedire la coagulazione. “Tuttavia, il sangue fresco che scorre nel tessuto cardiaco danneggiato a seguito della riapertura dell’arteria può scatenare un’infiammazione, causando perdite e coaguli nei piccoli vasi sanguigni e ulteriori danni al cuore”, ha detto Du.

“In questo caso abbiamo una lesione da riperfusione e questo è il secondo modo in cui un attacco di cuore può portare a insufficienza cardiaca o morte”, ha detto Du. “Speravamo che questo nuovo farmaco non causasse perdite dei vasi sanguigni e che avrebbe contribuito a limitare le lesioni da riperfusione e ridurre la possibilità di insufficienza cardiaca e morte e la nostra ipotesi si è dimostrata corretta. Abbiamo visto risultati molto promettenti dal nostro studio”.

Nello studio, tra i topi che hanno ricevuto il trattamento, somministrato per iniezione, sono stati ridotti i danni al cuore, la coagulazione e l’infiammazione. C’era anche una migliore funzione cardiaca e una migliore sopravvivenza.

“È molto emozionante vedere risultati così promettenti in laboratorio e speriamo di poter testare questo farmaco presto sull’uomo”, ha detto Du.

Fonte: Università dell’Illinois 

ULTIMI ARTICOLI

Dieta: carne e latticini e rischio di cancro

Dieta e cancro-Immagine Public Domain. Un team internazionale di ricercatori ha identificato un legame molecolare diretto tra le diete a base di carne e latticini...

Anche una dieta sana può proteggere da COVID 19

COVID 19 e Dieta: Immagine Credit Public Domain. La pandemia COVID-19 continua a diffondersi a livello globale, con oltre 62,26 milioni di persone infette. Con la...

Cellule T progettate per combattere la senescenza

Senescenza cellulare-Immagine: Public Domain. La senescenza è un segno distintivo dell'invecchiamento cellulare e contribuisce a molte malattie. Un nuovo metodo che consente alle cellule immunitarie di...

COVID 19 grave: carenza di interferone la causa

Immagine COVID 19 grave. Credito Public Domain. Capire cosa contribuisce allo sviluppo di COVID 19 grave sarebbe di grande beneficio clinico. L'analisi delle persone in...

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...