Cancro alla prostata: i cibi fritti aumentano il rischio

cancro alla prostata,cibi fritti

 Mangiare cibi  fritti, almeno una volta alla settimana, è legato ad un rischio elevato di cancro alla prostata, secondo un nuovo studio americano. I ricercatori  suggeriscono che l’olio o il grasso  di cottura dei cibi fritti,  rilasciano potenzialmente composti cancerogeni .

I ricercatori,del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, hanno pubblicato i loro risultati sul numero on line del 17 gennaio  della rivista La prostata . Studi precedenti hanno già dimostrato i legami tra il cancro alla prostata e gli alimenti sottoposti a temperature elevate, come la carne alla griglia, ma gli autori ritengono che il  loro è il primo studio a esaminare i potenziali collegamenti tra cibi fritti e tumoire alla prostats. L’autore della ricerca, Janet L. Stanford, co-direttore del Programma del Centro Hutchinson sulla  Ricerca sul Cancro alla prostata, ha detto in una dichiarazione rilasciata questa settimana: “Il legame tra il cancro alla prostata e  cibi fritti sembra essere limitato al massimo livello di consumo – definito nel nostro studio come più di una volta alla settimana – il che suggerisce che il consumo regolare di cibi fritti conferisce particolare rischio per lo sviluppo del cancro  alla prostata”.

 C’è già la prova che il consumo di cibi fritti è legato ad altri tumori, vale a dire a tumori del seno, del polmone, del pancreas, testa e collo, e tumori esofagei. Per il loro studio, Stanford e colleghi hanno esaminato i dati su 1.549 uomini con diagnosi di cancro alla prostata e 1.492 uomini di pari età sani che vivono nella zona di Seattle.  I ricercatori hanno scoperto che gli uomini che hanno mangiato patatine fritte, pollo fritto, pesce fritto e / o ciambelle, almeno una volta alla settimana, hanno un rischio elevato di cancro alla prostata tra il 30 e il 37%.  Anche quando altri fattori che potrebbero influenzare il rischio sono stati presi in considerazione, come l’età, storia familiare di cancro alla prostata, razza, indice di massa corporea e la storia lo screening PSA, i collegamenti sono rimasti gli  stessi. Stanford suggerisce che alte temperature necessarie  per friggere, sviluppano composti potenzialmente cancerogeni che  possono formarsi  negli alimenti. Questi composti tossici, che aumentano quando  l’olio viene riutilizzato e riscaldato, includono acrilammide, amine eterocicliche, gli idrocarburi policiclici aromatici, aldeidi e acroleina acrilammide e  si trovano  in alimenti ricchi di carboidrati, come patatine fritte e nella carne, quando l’olio raggiunge temperature elevate. I cibi fritti sono anche noti per contenere i più alti livelli di prodotti finali della glicazione avanzata (AGE), un gruppo di composti legati alla  infiammazione   cronica  e allo stress   da ossidazione, le condizioni che sono associate con il cancro. 

Un petto di pollo fritto in olio per circa 20 minuti, avrà circa 9 volte più AGEs di uno che viene fatto bollire per un’ora, dicono i ricercatori.Gli autori suggeriscono che  il legame tra cancro alla prostata e cibo fritto in olio potrebbe essere anche  un’indicazione di un legame tra la malattia e il consumo di fast food. 

 Fonte: http://www.medicalnewstoday.com/articles/255582.php


Altri articoli su cancro alla prostata, cibi fritti