HomePrimo pianoCancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano la variazione radiografica della dimensione massima delle metastasi cerebrali dopo l’inizio della terapia con Trastuzumab/Deruxtecan rispetto alla misurazione di base. Le linee tratteggiate rosse indicano le soglie per la risposta e la progressione in base ai criteri RANO-BM. Credito:Nature).

Uno studio austriaco condotto da MedUni Vienna, ha mostrato ch natura (2022).e le metastasi cerebrali attive nei pazienti con cancro al seno sono parzialmente o addirittura completamente regredite da una nuova classe di farmaci. Si tratta di un coniugato chimico di un anticorpo e di un farmaco chemioterapico che, secondo i risultati attuali, apre una strada completamente nuova nella ricerca oncologica e nella terapia mirata.

 I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Medicine e sono considerati rivoluzionari nel trattamento delle metastasi cerebrali, una temuta complicanza del cancro al seno.

- Advertisement -

Lo studio ha incluso 14 donne e un uomo con cancro al seno HER2-positivo e metastasi cerebrali, che erano in cura dalla Divisione di Oncologia di MedUni Vienna e dall’Ospedale Universitario di Vienna. Nello studio, il gruppo di ricerca austriaco guidato da Matthias Preusser e Rupert Bartsch (Division of Oncology inside the Department of Medicine I of MedUni Vienna and University Hospital Vienna) ha studiato l’agente Trastzumab Deruxtecan (T-Dxd) come possibile nuovo approccio terapeutico in casi in cui il cancro al seno si diffonde al cervello.

I risultati sono stati i seguenti: T-Dxd ha ridotto le metastasi nel 73,3% dei pazienti e le ha fatte scomparire completamente dalle scansioni cerebrali in due pazienti su 15 (13,3%). Oltre a questo risultato estremamente positivo, i ricercatori hanno anche scoperto che il farmaco è stato ben tollerato: non si è verificato alcun deterioramento della funzione cerebrale o della qualità della vita dei partecipanti durante il periodo di trattamento. Inoltre, T-Dxd è già approvato all’interno dell’UE e in altre parti del mondo: “Può quindi essere utilizzato immediatamente per il trattamento di pazienti affetti da cancro al seno con metastasi cerebrali in unità specializzate di oncologia in Austria e a livello internazionale”, sottolinea il leader dello studio Matthias Preuser.

Vedi anche:Il cancro al seno si diffonde di notte

Il 50% sviluppa metastasi cerebrali

- Advertisement -

Con oltre 5.000 nuovi casi all’anno, il cancro al seno è il tumore più comune nelle donne in Austria. Questo tipo di cancro colpisce anche meno dell’1% degli uomini. Il 15% delle pazienti con carcinoma mammario ha un carcinoma mammario HER2-positivo. In questa forma aggressiva di cancro, gli HER 2 (Human Epidermal Receptor) agiscono come siti di attracco per i fattori di crescita che guidano la cellula tumorale a dividersi e quindi a crescere e metastatizzare. Il cancro metastatizza al cervello fino al 50% dei pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo.

Coniugato nticorpo-farmaco chemioterapico 

T-Dxd è stato approvato dall’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) nel 2021 per il trattamento del carcinoma mammario HER2-positivo non resecabile o metastatico. È un coniugato chimico di un anticorpo contro HER2 (Trastuzumab) e un farmaco chemioterapico (Deruxtecan). Finora non era noto se il nuovo coniugato potesse essere efficace nelle metastasi cerebrali attive.

Sulla base dei recenti risultati dello studio, sono ora pianificate ulteriori indagini sulla nuova classe di farmaci: “I nostri risultati aprono strade completamente nuove per la ricerca clinica e il trattamento delle metastasi cerebrali nel cancro al seno e forse anche in altri tipi di cancro “, afferma Matthias Preusser, guardando al futuro della cura del cancro.

Fonte: Nature Medicine

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...