HomePrimo pianoInfiammazione cronica: bassi livelli di vitamina D potrebbero essere la causa

Infiammazione cronica: bassi livelli di vitamina D potrebbero essere la causa

(Infiammazione-Immagine Credit Public Domain).

L’infiammazione è una parte essenziale del processo di guarigione del corpo. Ma quando persiste, può contribuire a un’ampia gamma di malattie complesse tra cui il diabete di tipo 2, le malattie cardiache e le malattie autoimmuni.

Ora, la prima ricerca genetica al mondo dell’Università del South Australia mostra un legame diretto tra bassi livelli di vitamina D e alti livelli di infiammazione, fornendo un importante biomarcatore per identificare le persone a più alto rischio o gravità di malattie croniche con una componente infiammatoria.

- Advertisement -

Lo studio ha esaminato i dati genetici di 294.970 partecipanti alla biobanca britannica, utilizzando la randomizzazione mendeliana per mostrare l’associazione tra vitamina D e livelli di proteina C-reattiva, un indicatore di infiammazione.

Il ricercatore capo, il Dottor Ang Zhou di UniSA, afferma che i risultati suggeriscono che l’aumento della vitamina D nelle persone con una carenza può ridurre l’infiammazione cronica.

“L’infiammazione è il modo in cui il tuo corpo protegge i tuoi tessuti se sei stato ferito o hai un’infezione”, dice il Dottor Zhou. “Alti livelli di proteina C-reattiva sono generati dal fegato in risposta all’infiammazione, quindi quando il tuo corpo sta vivendo un’infiammazione cronica, mostra anche livelli più elevati di proteina C-reattiva. Questo studio ha esaminato la vitamina D e le proteine ​​C-reattive e ha trovato una relazione unidirezionale tra bassi livelli di vitamina D e alti livelli di proteina C-reattiva, espressa come infiammazione. Aumentare la vitamina D nelle persone con carenze può ridurre l’infiammazione cronica, aiutandole a evitare una serie di malattie correlate”.

Vedi anche:L’infiammazione accelera l’invecchiamento del sistema ematopoietico

- Advertisement -

Sostenuto dal National Health and Medical Research Council e pubblicato sull’International Journal of Epidemiology, lo studio solleva anche la possibilità che avere adeguate concentrazioni di vitamina D possa mitigare le complicanze derivanti dall’obesità e ridurre il rischio o la gravità di malattie croniche con una componente infiammatoria, come come malattie cardiovascolari, diabete e malattie autoimmuni.

La Prof.ssa Elina Hyppönen, ricercatrice senior e Direttrice dell’Australian Center for Precision Health dell’UniSA, afferma che questi risultati sono importanti e forniscono una spiegazione per alcune delle controversie nelle associazioni segnalate sulla vitamina D.

“Abbiamo ripetutamente visto prove di benefici per la salute dall’aumento delle concentrazioni di vitamina D in individui con livelli molto bassi, mentre per altri sembra esserci poco o nessun beneficio”, afferma il prof Hypponen.

“Questi risultati evidenziano l’importanza di evitare la carenza clinica di vitamina D e forniscono ulteriori prove degli effetti ad ampio raggio della vitamina D”.

Fonte:International Journal of Epidemiology

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...