HomeSaluteTumoriIl cancro al seno si diffonde di notte

Il cancro al seno si diffonde di notte

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain).

Il cancro al seno è una delle forme più comuni di cancro, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Ogni anno, circa 2,3 milioni di persone nel mondo contraggono la malattia. Se i medici rilevano il cancro al seno abbastanza presto, le pazienti di solito rispondono bene al trattamento. Tuttavia, le cose diventano molto più difficili se il cancro ha già metastatizzato.

La metastasi si verifica quando le cellule tumorali circolanti si staccano dal tumore originale, viaggiano attraverso il corpo attraverso i vasi sanguigni e formano nuovi tumori in altri organi.

- Advertisement -

Ad oggi, la ricerca sul cancro non ha prestato molta attenzione alla questione di quando i tumori perdono cellule metastatiche. I ricercatori in precedenza presumevano che i tumori rilasciassero continuamente tali cellule. Tuttavia, un nuovo studio condotto da ricercatori dell’ETH di Zurigo, dell’Ospedale universitario di Basilea e dell’Università di Basilea è ora giunto a una conclusione sorprendente: le cellule tumorali circolanti che successivamente formano metastasi si spostano principalmente durante la fase del sonno degli individui colpiti.

I risultati dello studio sono stati appena pubblicati sulla rivista Nature.

Gli ormoni regolati dal ritmo circadiano controllano le metastasi

Quando la persona malata dorme, il tumore si risveglia”, riassume il leader dello studio Nicola Aceto, Professore di oncologia molecolare all’ETH di Zurigo. Durante il loro studio, che includeva 30 donne malate di cancro e modelli murini, i ricercatori hanno scoperto che il tumore genera più cellule circolanti quando l’organismo dorme. Anche le cellule che lasciano il tumore di notte si dividono più rapidamente e quindi hanno un maggiore potenziale di formare metastasi, rispetto alle cellule circolanti che lasciano il tumore durante il giorno.

- Advertisement -

Vedi anche:Cancro al seno: perché le metastasi si diffondono alle ossa

“La nostra ricerca mostra che la fuga delle cellule tumorali circolanti dal tumore originale è controllata da ormoni come la melatonina, che determinano i nostri ritmi del giorno e della notte”, afferma Zoi Diamantopoulou, autrice principale dello studio e ricercatrice post-dottorato all’ETH di Zurigo.

Adeguamento delle terapie al tumore

Inoltre, lo studio indica che il tempo in cui vengono prelevati campioni di tumore o di sangue per la diagnosi può influenzare i risultati degli oncologi. È stata una scoperta casuale in questo senso che ha messo i ricercatori sulla strada giusta per la prima volta: “Alcuni dei miei colleghi lavorano la mattina presto o la sera tardi; a volte analizzano anche il sangue a orari insoliti”, afferma Aceto. Gli scienziati sono rimasti sorpresi di scoprire che i campioni prelevati in diversi momenti della giornata avevano livelli molto diversi di cellule tumorali circolanti.

Un altro indizio era il numero sorprendentemente alto di cellule cancerose trovate per unità di sangue nei topi rispetto agli esseri umani. Il motivo era che, essendo animali notturni, i topi dormono durante il giorno, periodo in cui gli scienziati raccolgono la maggior parte dei loro campioni.

“A nostro avviso, questi risultati possono indicare la necessità per gli operatori sanitari di registrare sistematicamente il momento in cui eseguono le biopsie“, afferma Aceto. “Questo può aiutare a rendere i dati veramente comparabili”.

Il prossimo passo dei ricercatori sarà capire come questi risultati possono essere incorporati nei trattamenti antitumorali esistenti per ottimizzare le terapie.

 Nell’ambito di ulteriori studi con i pazienti, il Professor Nicola Aceto dell’ETH vuole indagare se diversi tipi di cancro si comportano in modo simile al cancro al seno e se le terapie esistenti possono avere più successo se i pazienti vengono trattati in momenti diversi.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...