HomeSaluteTumoriCancro al seno: nuovo biosensore per diagnosi precoce

Cancro al seno: nuovo biosensore per diagnosi precoce

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain).

Un team di ricercatori spagnoli ha sviluppato, a livello di laboratorio, un prototipo di un nuovo biosensore per aiutare a rilevare il cancro al seno nelle sue prime fasi. Uno dei coordinatori del team è Ramón Martínez Máñez, Professore all’Universitat Politècnica de València (UPV) e Direttore scientifico del Networking Biomedical Research Center in Bioengineering, Biomaterials and Nanomedicine (CIBER BBN). L’altro coordinatore è Ana Lluch, oncologa valenciana, co-coordinatrice del Breast Cancer Biology Research Group dell’Istituto di ricerca sulla salute INCLIVA dell’Hospital Clínic de València e membro del Networking Biomedical Research Center in Cancer (CIBERONC).

Il loro lavoro è stato pubblicato sulla rivista ACS Sensors.

- Advertisement -

Secondo gli ultimi dati raccolti dal Sistema europeo di informazione sul cancro (ECIS), nel 2020 in Spagna sono stati diagnosticati 34.088 nuovi casi di cancro al seno. Questo tipo di tumore era quindi il più frequente tra le donne in questo paese. Attualmente, la mammografia è la tecnica standard più utilizzata per la diagnosi, ma presenta alcune limitazioni, come l’esposizione alle radiazioni e una minore sensibilità e specificità nelle giovani donne con tessuto mammario denso. “Pertanto, sono necessari nuovi strumenti diagnostici per aiutare nella diagnosi precoce del cancro al seno. Il nostro biosensore segue queste linee“, spiega Ana Lluch. Lo sviluppo di questo biosensore rientra nel campo noto come biopsia liquida che aiuta a rilevare la presenza di cancro attraverso un esame del sangue. Il biosensore mesoporoso sviluppato dal team UPV-INCLIVA è facile da usare, a basso costo e fornisce risultati in un tempo molto breve, tra i 30 e i 60 minuti, da un campione di plasma del paziente. Il biosensore è composto da un nanomateriale -un’allumina nanoporosa- che facilita la rilevazione nel plasma del microRNA miR-99a-5p, associato al cancro al seno. Fino ad ora, questo è stato fatto utilizzando tecniche complesse e dispendiose in termini di tempo, il che significa che questo sistema non poteva essere utilizzato come strumento diagnostico in ambito clinico.

Vedi anche:Cancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

Martínez Máñez spiega come funziona il loro sistema diagnostico alternativo: i nanopori del biosensore sono caricati con un colorante -rodamina B- e sigillati con un oligonucleotide. Quando interagiscono con il campione di plasma, se le porte dei pori non rilevano la presenza del microRNA, rimangono chiuse; al contrario, in presenza di miR-99a-5p, le porte dei pori si aprono e il colorante viene rilasciato. Il cambiamento nel rilascio di colorante può essere correlato a pazienti sani o con cancro al seno“, riassume Martínez Máñez. Allo sviluppo di questo biosensore hanno partecipato anche il personale dell’IIS La Fe Institute for Health Research, dove sono stati effettuati i test per la validazione dei nuovi biosensori e il Networking Biomedical Research Center in Cancer (CIBERONC).

“Il prossimo passo del nostro lavoro sarà la convalida del nostro sistema in un gruppo più ampio di pazienti”, conclude Ramón Martínez Máñez.

- Advertisement -

Fonte:ACS Sensors

ULTIMI ARTICOLI

Cancro al seno: nuovo biosensore per diagnosi precoce

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Un team di ricercatori spagnoli ha sviluppato, a livello di laboratorio, un prototipo di un nuovo biosensore per aiutare...

COVID-19 alla fine diventerà solo un fastidio stagionale?

Entro il prossimo decennio, il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 responsabile della COVID-19 potrebbe diventare poco più che un fastidio, causando nient'altro che comuni tosse e...

Steatosi epatica: le cellule immunitarie la promuovono

(Steatosi epatica: Immagine Credit Public Domain). Un particolare tipo di cellula dendritica è responsabile del danno tissutale che si verifica nelle steatosi epatica non alcolica...

Ictus: illuminante trattamento da nano-fotosintesi

(Ictus-Immagine: fette di cervello di topi che hanno ricevuto terapia nano-fotosintetica (a destra) hanno meno neuroni danneggiati, mostrati in verde, rispetto ai topi di...

Cancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Uno studio condotto da scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute ha identificato un marker tumorale che può...