HomeSaluteTumoriCancro al seno: il trattamento ormonale riduce il rischio di recidive

Cancro al seno: il trattamento ormonale riduce il rischio di recidive

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain).

Per studiare il beneficio a lungo termine del trattamento per la riduzione degli ormoni, i ricercatori del Karolinska Institutet hanno effettuato un follow-up di 20 anni su donne in premenopausa con cancro al seno.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Clinical Oncology, indica che il trattamento ormonalevfornisce protezione anche dopo un periodo più lungo e che diverse pazienti sembrano beneficiare di diversi trattamenti ormonali.

- Advertisement -

I trattamenti ormonali, chiamati anche trattamenti endocrini, sono stati a lungo utilizzati dopo la chirurgia del tumore per ridurre il rischio di diffusione delle cellule del cancro al seno, ma non è chiaro per quanto tempo il trattamento fornisca protezione.  Molti tumori hanno un rischio di recidiva a breve termine, di solito entro pochi anni. Tuttavia, per i pazienti con carcinoma mammario indotto da ormoni, il rischio di recidiva spesso si estende per diversi decenni.

Circa l’80% di tutte le persone con diagnosi di cancro al seno ha un cancro al seno positivo per il recettore degli estrogeni guidato dagli ormoni, il che significa che gli estrogeni stimolano le cellule a dividersi in modo che il tumore cresca. Poiché a molte donne viene diagnosticato un cancro al seno in età relativamente giovane, è molto importante conoscere l’efficacia a lungo termine del trattamento. 

Ridotto rischio di malattia metastatica a distanza  

Sulla base del precedente studio clinico STO-5, condotto tra il 1990 e il 1997, i ricercatori del Karolinska Institutet hanno ora studiato il beneficio del trattamento a lungo termine del trattamento ormonale in 584 donne in premenopausa con carcinoma mammario positivo al recettore degli estrogeni guidato dagli ormoni. Lo studio include anche un gruppo di controllo che non aveva ricevuto alcun trattamento ormonale.

“Abbiamo potuto vedere che dopo 20 anni il rischio di sviluppare una malattia metastatica a distanza, cioè la diffusione ad altri organi, era diminuito tra le donne che avevano ricevuto un trattamento ormonale con i farmaci Tamoxifene o Goserelin o una combinazione di entrambi, rispetto a quelle che non avevano ricevuto alcun trattamento ormonale”, afferma la prima autrice dello studio Annelie Johansson, borsista post-dottorato presso il Dipartimento di Oncologia-Patologia, Karolinska Institutet.

- Advertisement -

Vedi anche:Il cancro al seno si diffonde di notte

Possibile prevedere il rischio futuro

I ricercatori, negli ultimi anni, hanno anche analizzato i tumori delle pazienti del precedente studio STO-5 utilizzando la tecnologia moderna. Ad esempio, i ricercatori hanno studiato vari marcatori del cancro al seno, come il recettore degli estrogeni e il recettore del progesterone, e l’espressione genica del tumore utilizzando una firma del rischio genico.

La firma misura l’attività di 70 diversi geni, che vengono calcolati in punti di rischio. Ciò consente di prevedere il futuro sviluppo delle cellule tumorali in una fase iniziale e quindi di classificare i pazienti rispettivamente in basso e alto rischio genomico.

“I tumori nelle pazienti ad alto rischio genomico hanno spesso un tasso di crescita del cancro più elevato. Pertanto, queste pazienti hanno un rischio più precoce di ricaduta laddove è necessario un trattamento più aggressivo, come con la Goserelina, che riduce rapidamente ed efficacemente i livelli di estrogeni. D’altra parte, le pazienti con una malattia meno aggressiva possono avere un rischio a lungo termine di recidiva. In questi casi, il Tamoxifene sembra offrire una protezione migliore”, afferma Annelie Johansson.

Sebbene lo studio sia relativamente piccolo, mette in evidenza l’importanza di trattamenti individualizzati contro il cancro al seno guidato dagli ormoni. Per alcune pazienti può essere necessario un trattamento più aggressivo per la sopravvivenza, mentre un trattamento più blando può essere sufficiente per altre, riducendo gli effetti collaterali e garantendo una migliore qualità della vita. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi prima che possano essere implementati importanti cambiamenti nelle raccomandazioni terapeutiche.

“Per comprendere ulteriormente il rischio a lungo termine, i benefici del trattamento e le differenze relative all’età, applicheremo ora metodi di apprendimento automatico per l’analisi delle immagini dei tumori al seno per studiare ulteriormente le differenze tra i tumori”, afferma Linda Lindström, leader del gruppo di ricerca presso lo stesso dipartimento e autore corrispondente dello studio.

Fonte: Istituto Karolinska

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...