Passo avanti nel trattamento del cancro al polmone


Gli scienziati delle Università di York e Texas hanno scoperto che un componente delle cellule tumorali, che agisce come un ‘ufficio postale cellulare’, potrebbe essere la chiave per prevenire la diffusione del cancro ai polmoni ad altre parti del corpo.

I risultati della ricerca potrebbero portare a nuove terapie mirate che colpiscono un particolare meccanismo di comunicazione nella cellula tumorale. Questa comunicazione innesca un cambiamento nella impalcatura del perimetro delle cellule, portando all’alterazione di una forma fissa collegata ad un organo, ad una meno stabile che può muoversi liberamente nel corpo.

( Vedi anche:Identificati nuovi bersagli terapeutici per il cancro del polmone a piccole cellule).

Questo ‘ufficio postale cellulare’ è l’apparato del Golgi noto per la sua capacità di confezionare proteine e trasportarle in altre parti della cellula o di consegnarle in zone all’esterno della cellula.

L’apparato del Golgi si trova in genere vicino al nucleo ed è formato da numerosi gruppi di cisterne appiattite, delimitate da membrane, impilate una sull’altra e circondate da tubuli e vescicole.

I ricercatori hanno scoperto che una proteina, chiamata PAQR11, all’interno dell’apparato del Golgi, riceve un segnale da un’altra proteina, chiamata Zeb1; la comunicazione tra le due proteine richiede il trasporto di vescicole all’interno dell’apparato del Golgi.

Questi sacchi, o vescicole, cambiano i loro percorsi di consegna e modificano sostanzialmente il perimetro delle cellule tumorali rendendo possibile alla cellula, di staccarsi dalla sua posizione fissa nel polmone e viaggiare in altre zone del corpo.

Il Dr. Daniel Ungar, del Dipartimento di Biologia dell’Università di York, ha detto: “Se pensiamo alle cellule del cancro come alla struttura di una tenda che è saldamente ancorata al terreno, essa  non può in teoria essere spostata fino a quando la sua architettura non viene in qualche modo alterata. Per spostare la tenda, dobbiamo riorganizzare i suoi contenuti e comprimere i suoi lati per estrarla dalla sua posizione. Un processo simile avviene quando il cancro metastatizza. I suoi bordi esterni vengono alterati in modo da non essere più ancorati “.

L’apparato del Golgi, che è il centro di consegna delle comunicazioni tra le proteine, da qui il nome di ‘ufficio postale cellulare’, riceve la comunicazione tra due proteine che segnala che il movimento delle vescicole intorno alla cellula deve essere cambiato. Questo cambiamento nella circolazione altera il perimetro della cellula tumorale e, in modo molto simile ai lati di una tenda in collasso, consente alla cellula tumorale di muoversi dal suo luogo di riposo originale, ovunque nel corpo.

Il Dr. Ungar ha aggiunto: “Ora che ci rendiamo conto di questo sistema, vi è la possibilità di sviluppare un farmaco che interferisce con la comunicazione e impedisce all’apparato del Golgi di facilitare la circolazione delle vescicole di membrana. La fase successiva di questo studio sarà cercare il modo in cui indirizzare questo processo senza interrompere le normali funzioni cellulari delle cellule non  cancerose “.

La ricerca è pubblicato nel Journal of Clinical Investigation.

Fonte: University of York