HomeReniCalcoli renali: idrogel rimuove piccoli frammenti

Calcoli renali: idrogel rimuove piccoli frammenti

(Calcoli renali/Idrogel-Immagine:mediNiK in uso: l’idrogel con frammenti di calcolo renale incapsulati dopo la rimozione dal rene. Credito: Purenum GmbH).

I calcoli renali vengono spesso rimossi tramite una procedura endoscopica. Se un calcolo è troppo grande, gli urologi lo rompono in pezzi usando un laser. I pezzi più grandi possono essere rimossi con uno strumento da presa, ma questo non è possibile per i frammenti più piccoli che invece rimangono nel rene nella speranza che lascino il corpo naturalmente.

In futuro, i medici saranno in grado di rimuovere anche il più piccolo frammento di calcolo dal rene durante l’endoscopia, utilizzando un idrogel. Questo sistema a 2 componenti biocompatibile è stato sviluppato da Purenum GmbH, uno spin-off del Fraunhofer Institute for Manufacturing Technology and Advanced Materials IFAM.

- Advertisement -

I calcoli renali sono una condizione comune in tutto il mondo. Secondo la compagnia di assicurazione sanitaria tedesca AOK, il dieci percento dei tedeschi sperimenterà un calcolo renale ad un certo punto della vita. La dimensione dei calcoli varia: nel peggiore dei casi, possono essere grandi come una noce. I fattori di rischio che possono portare alla formazione di un calcolo renale includono una dieta squilibrata, una mancanza di esercizio fisico e un’assunzione insufficiente di liquidi.

I calcoli renali possono essere trattati con farmaci o con terapie minimamente invasive; poiché le possibilità tecniche continuano ad evolversi, gli urologi stanno optando sempre più frequentemente per le procedure endoscopiche. L’endoscopio viene inserito nel rene attraverso le vie urinarie per localizzare i calcoli e rimuoverli in modo mirato. Se il calcolo renale è più grande di cinque millimetri, cioè più grande del tratto urinario naturale, deve essere rotto in pezzi usando un laser. Questi pezzi hanno dimensioni variabili: quelli più grandi possono essere rimossi con uno strumento da presa, ma quelli più piccoli sono troppo piccoli per essere afferrati. Nel giro di pochi mesi, i frammenti che rimangono nel rene possono trasformarsi in un grosso calcolo e causare nuovamente complicazioni.

Purenum GmbH ha deciso di affrontare questo problema. Manfred Peschka e il Prof. Ingo Grunwald hanno fondato l’azienda come spin-off di Fraunhofer IFAM a Brema nel dicembre 2017. Partecipando al programma di finanziamento GO-Bio per startup biotecnologiche offerto dal Ministero Federale Tedesco dell’Istruzione e della Ricerca (BMBF), i ricercatori sono stati in grado di assicurarsi i finanziamenti necessari per avviare con successo la loro azienda.

L’idrogel biocompatibile incapsula i frammenti di calcoli renali in pochi secondi

- Advertisement -

Il prodotto che i due ricercatori hanno sviluppato per combattere i minuscoli frammenti di calcoli è un idrogel realizzato con materiali biocompatibili. È costituito da due componenti liquidi che sono stati colorati di blu e giallo per garantire un buon contrasto cromatico. Ciò consente al chirurgo di controllare l’erogazione in modo estremamente preciso. La componente blu viene applicata prima, poi scorre e bagna i frammenti di calcoli. Successivamente viene aggiunta la componente gialla. L’applicazione è estremamente semplice in quanto i due componenti non devono essere miscelati. In pochi secondi, l’aggiunta del componente giallo produce un gel sufficientemente solido da contenere i piccoli frammenti di calcoli all’interno. È anche abbastanza elastico da poter essere afferrato con uno strumento da presa e tirato attraverso canali stretti (come un endoscopio). Ciò consente al chirurgo di estrarre facilmente il gel contenente i frammenti di calcolo dal rene tramite l’endoscopio. Dopo l’operazione, può essere sciolto facilmente per analizzare i frammenti. “Intendiamo lanciare il gel sul mercato tedesco nel secondo trimestre di quest’anno con il nome mediNiK-basic”, spiega Manfred Peschka, CEO di Purenum GmbH.

Vedi anche:Energia acustica per frammentare i calcoli renali

Rimozione del 100% di frammenti di calcoli renali possibile con mediNiK

“Il termine ‘senza pietre’ non è definito con precisione, ci sono varie definizioni. E non sono stati condotti studi sistematici tra i pazienti per fornire informazioni sulla dimensione dei calcoli recuperati durante le operazioni”, afferma il Prof. Ingo Grunwald, CTO a Purenum. Continua: “A tal fine, stiamo attualmente conducendo uno studio in cinque diverse località. Una volta completato, questo studio sosterrà la nostra promessa che, con mediNiK, possiamo rimuovere più piccoli frammenti di calcoli di quanto sarebbe possibile senza l’uso del nostro idrogel.” Il prodotto sta attirando anche l’interesse internazionale, con Purenum GmbH che riceve richieste da tutto il mondo. “Al momento non ci sono prodotti comparabili in circolazione: mediNiK è una prima mondiale nel campo dell’urologia“, afferma il Prof. Ingo Grunwald, biologo.

Adesivo per sostituire viti e piastrine

Le attività di ricerca di Purenum GmbH vanno oltre mediNiK: nel progetto “mediGLUE” finanziato da BMBF, i due ricercatori e i loro colleghi stanno esaminando formulazioni adesive che potrebbero essere adatte per l’adesione di frammenti ossei. Le fratture ossee complicate intorno alle articolazioni provocano piccoli frammenti ossei che attualmente non possono essere riparati. La visione alla base di questo progetto di ricerca è che, un giorno, sarà possibile incorporare anche questi piccoli frammenti nel processo di guarigione. L’obiettivo è ripristinare il pieno movimento dell’articolazione una volta che la frattura è completamente guarita. Guardando più avanti, c’è anche la possibilità di utilizzare un adesivo su ossa grandi in sostituzione di placche, viti e chiodi. Ciò eliminerebbe la necessità di eseguire una seconda operazione per rimuovere il materiale di osteosintesi.

Fonte:Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...