HomeSaluteTumoriCancro del pancreas: scoperte nuove molecole coinvolte

Cancro del pancreas: scoperte nuove molecole coinvolte

(Cancro del pancreas-Immagine:Astratto grafico. Credito: Gastro Hep Advances (2022). https://doi.org/10.1016/j.gastha.2022.02.007).

Kathleen Del Giorno, assistente Professore di biologia cellulare e dello sviluppo, il suo laboratorio e i suoi collaboratori al Salk Institute, hanno scoperto alcune delle specifiche molecole di segnalazione coinvolte nella progressione del cancro del pancreas. Queste molecole, chiamate eicosanoidi, svolgono un ruolo nell’infiammazione e sono note per avere un ruolo nel cancro. Secondo Del Giorno, quel ruolo non era stato completamente valutato nel cancro del pancreas, fino ad ora.

Del Giorno e i suoi colleghi, tra cui Vikas Gubbala, il primo autore dell’articolo e tecnico di laboratorio presso il Salk Institute, hanno utilizzato tecnologie scientifiche di base avanzate, inclusa la spettrometria di massa, la tecnologia per misurare il peso e la carica delle molecole, il sequenziamento dell’RNA e le tecniche di studio dei tessuti chiamate istopatologia. La combinazione di queste tecniche li ha aiutati a identificare quali eicosanoidi sono rilevanti per la progressione del cancro del pancreas e quali tipi cellulari producono questi segnali. Collettivamente, questi dati forniscono una road map per quali percorsi prendere di mira e possono aiutare a identificare nuove strategie diagnostiche.

- Advertisement -

Nei tumori con un basso tasso di sopravvivenza a cinque anni come il cancro del pancreas, la scoperta dei primi segni di formazione e progressione del tumore può essere fondamentale nello sviluppo di nuove terapie per curarlo.

Vedi anche:Cancro del pancreas: nuovo trattamento favorisce l’immunoterapia

“Il cancro al pancreas è la terza causa di decessi per cancro negli Stati Uniti e sta per diventare la seconda”, ha affermato Del Giorno. “Ciò è in gran parte dovuto al ritardo con cui siamo attualmente in grado di diagnosticare i tumori del pancreas, nonché al suo microambiente unico che porta alla resistenza al trattamento”.

Il crosstalk cellulare all’interno del microambiente tumorale può alterare significativamente la progressione del tumore“, ha aggiunto la ricercatrice. Gli eicosanoidi possono dire molto su come avviene questa diafonia e possono portare a nuove scoperte sulla differenza tra le fasi iniziali e tardive dello sviluppo del tumore del pancreas.

- Advertisement -

A breve termine, Del Giorno spera di saperne di più su come gli eicosanoidi specifici giocano nella progressione del cancro. Questo può portare a scoperte che consentono il target farmacologico di quei meccanismi per il trattamento del cancro del pancreas.

Fonte: Gastro Hep Advances 

 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...