Avatar dei pazienti utilizzati per testare i farmaci per la fibrosi cistica

Fibrosi cistica

Immagine, un organoide polmonare è in effetti l’avatar di un paziente che può essere utilizzato per verificare la sua risposta a determinati farmaci modulatori del CFTR. Immagine: centro di ricerca miCF.

I ricercatori dell’UNSW stanno conducendo un approccio rivoluzionario alla gestione del trattamento della fibrosi cistica utilizzando i mini-organi o gli avatar del polmone e dell’intestino derivati ​​dai pazienti, per testare come risponderanno agli ultimi farmaci.

A tal fine hanno sviluppato mini avatar intestinali e polmonari che potrebbero trasformare il modo in cui i medici trattano le persone con fibrosi cistica (FC), la più comune malattia genetica.
Solo 50 anni fa, i bambini con FC non vivevano oltre il loro quinto compleanno. Oggi, farmaci rivoluzionari come i modulatori CFTR hanno trasformato le prospettive per i pazienti affetti da fibrosi cistica.
Focus genetico
Invece di trattare i sintomi, i modulatori CFTR trattano le proteine ​​disfunzionali CFTR che sono collegate a più di 2000 diverse mutazioni nel gene CFTR. Poiché ce ne sono molte, è impossibile usare i modulatori CFTR come soluzione unica per tutte. Mentre i modulatori approvati Orkambi, Symdeko e Kalydeco prendono di mira le mutazioni più comuni di CFTR a beneficio di circa il 60% dei pazienti con FC, non tutti i pazienti mostrano un miglioramento clinico. Inoltre, il restante 40 percento della popolazione CF che ha rare mutazioni CFTR non ha accesso al trattamento. A complicare il problema c’è il fatto che i modulatori comportano un costo enorme per il sistema sanitario, con un costo cumulativo nell’arco della vita di circa $ 250.000 per paziente all’anno.

Nuovo approccio

Sono queste le sfide che gli specialisti della CF devono affrontare:  non essendo in grado di indirizzare i farmaci alle mutazioni specifiche di CFTR degli individui e i costi proibitivi dei modulatori di CFTR che hanno portato alla collaborazione con i ricercatori UNSW.
Insieme i ricercatori hanno testato i mini-organi derivati ​​dalle cellule staminali dei pazienti contro vari modulatori CFTR in un laboratorio centralizzato, il Centro di ricerca sulla fibrosi cistica molecolare e integrativa (miCF). Utilizzando recenti scoperte nella biologia delle cellule staminali, i ricercatori hanno isolato le cellule direttamente dal tessuto respiratorio o intestinale e ne hanno incoraggiato l’espansione su larga scala per creare mini-organi (organoidi). Poiché questi organoidi sono stati creati dalle cellule dei pazienti con FC, sono effettivamente un avatar per quella persona. In altre parole, se il farmaco funziona sul proprio avatar, probabilmente funzionerà sul paziente.
Questi organoidi sono crioconservati nella biobanca miCF e possono essere testati contro nuovi farmaci in futuro. Poiché il lavoro viene svolto in una posizione centralizzata che serve tutta l’Australia, il centro di ricerca miCF garantisce anche che il programma avatar sia conveniente, in quanto non è possibile preparare le cellule avatar in ogni centro CF o laboratorio.
Una rete Nazionale,  la Biobanca miCF, è stata istituita dai ricercatori dell’UNSW all’inizio del 2019. Si affida a una rete nazionale di medici, scienziati e istituzioni specialisti nella fibrosi cistica  che collaborano con il Centro di ricerca miCF per coordinare l’approvvigionamento di tessuti da 11 cliniche CF in tutta l’Australia.

Altri articoli su Fibrosi cistica