La dieta ad alto contenuto di fruttosio danneggia i mitocondri epatici

fruttosio,mitocondri epatici

I ricercatori del Joslin Diabetes Center hanno scoperto che alti livelli di fruttosio nella dieta inibiscono la capacità del fegato di metabolizzare correttamente il grasso.

Questo effetto è specifico per il fruttosio, mentre livelli altrettanto elevati di glucosio nella dieta migliorano effettivamente la funzione brucia grassi del fegato. Questo spiega perché il fruttosio ha un impatto sulla salute negativo rispetto al glucosio, anche se hanno lo stesso contenuto calorico.

“Questo è uno di una serie di studi che abbiamo svolto riguardo al ruolo di alti livelli di fruttosio nella dieta in termini di insulino-resistenza e sindrome metabolica”, affermano C. Ronald Kahn, Chief Academic Officer di Joslin e Mary K. Iacocca, Professore di Medicina presso la Harvard Medical School e autore principale dello studio pubblicato su Cell Metabolism.
“Il fruttosio fa accumulare grasso nel fegato. Si comporta quasi come aggiungere più grassi alla dieta. Questo contrasta con l’effetto dell’ aggiunta di glucosio alla dieta che promuove la capacità del fegato di bruciare i grassi e quindi in realtà favorisce un metabolismo più sano”.

“L’apporto più importante di questo studio è che conferma che l’alto contenuto di fruttosio nella dieta fa male non perchè ha più calorie, ma perché ha effetti sul metabolismo del fegato e peggiora la combustione dei grassi”, afferma il Dott. Kahn.Di conseguenza, l’aggiunta di fruttosio alla dieta fa immagazzinare più grasso nel fegato e questo è dannoso per il fegato e per il metabolismo di tutto il corpo”. “Sorprendentemente, quando si cambia lo zucchero nella dieta e dal fruttosio si passa al glucosio, anche se sono entrambi ugualmente calorici, il glucosio non ha questo effetto“.

“In questo articolo volevamo capire a livello meccanicistico come ciò potesse essere possibile”.

Vedi anche, Malattia del fegato grasso, svelato un mistero.

In una serie di studi sugli animali, i ricercatori Joslin hanno confrontato gli effetti sul metabolismo di sei diverse diete: cibo normale, cibo ad alto contenuto di fruttosio, cibo ad alto contenuto di glucosio, una dieta ricca di grassi, una dieta ricca di grassi ad alto contenuto di fruttosio e un’altra dieta ricca di grassi, ma con alti livelli di glucosio.

I ricercatori hanno analizzato diversi marcatori noti del fegato grasso per determinare gli effetti di ogni dieta. Ad esempio, hanno esaminato i livelli di acilcarnitine nelle cellule del fegato. Le acilcarnitine sono prodotte quando il fegato brucia i grassi. Alti livelli di acilcarnitine sono un brutto segno, dal momento che significa che c’è molto grasso nel fegato che viene bruciato. Le acilcarnitine erano più alte negli animali nutriti con la dieta ricca di grassi e ricca di fruttosio, mentre erano più bassi nella dieta ricca di grassi e glucosio rispetto alla semplice dieta ricca di grassi, Questi risultati riflettono i precedenti risultati osservativi e indicano che il glucosio svolgeva un’azione di combustione dei grassi in questi animali.

  Lo studio ha anche monitorato l’attività di un enzima critico per bruciare i grassi noto come CPT1a. Nel caso di CPT1a, più alti sono i livelli, meglio indicano che i mitocondri svolgono correttamente i loro compiti brucia grassi. Tuttavia, nella dieta ricca di grassi e di fruttosio i ricercatori hanno scoperto che i livelli di CPT1a erano bassi e la loro attività era molto bassa, il che significa che i mitocondri non possono funzionare correttamente.

Fonte, EurekAlert

 


Altri articoli su fruttosio, mitocondri epatici