Antiossidanti e amminoacidi potrebbero giocare un ruolo nel trattamento della psicosi

psicosi

Un recente articolo scientifico ha rivelato che alcuni nutrienti presenti nel cibo possono aiutare a ridurre i sintomi della malattia psicotica, se utilizzati nelle prime fasi del trattamento.

La revisione sistematica, guidata dal Dr. Firth, Research Fellow presso il NICM Health Research Institute, Western Sydney University e honorary Research Fellow presso l’Università di Manchester, ha indagato se l’integrazione di nutrienti potesse fornire un efficace trattamento “add on” ai giovani con psicosi.

Il team ha riunito i dati di otto studi clinici indipendenti sull’integrazione di nutrienti in 457 giovani nelle prime fasi della malattia psicotica, come la schizofrenia.

La recensione è stata pubblicata su Early Intervention in Psychiatry.

I ricercatori hanno scoperto che alcuni supplementi di nutrienti, usati insieme al trattamento standard, possono migliorare la salute mentale nei giovani con psicosi più del solo trattamento standard.

Lo studio di Firth e colleghi è la prima valutazione degli studi sull’integrazione dei nutrienti nella “psicosi ” (FEP).

Il Dr. Firth ha dichiarato: “La supplementazione di sostanze nutritive nel trattamento della malattia mentale è qualcosa che può essere circondato sia dal cinismo che dal clamore. Abbiamo condotto questa revisione solo per vedere se ci sono ” prove reali ” che tali nutrienti possono effettivamente aiutare i giovani con psicosi. Certamente, vi è un’indicazione precoce che certi nutrienti possono essere utili, non per sostituire il trattamento standard, ma come un “trattamento aggiuntivo” per alcuni pazienti”.

( Vedi anche:Un composto della cannabis può trattare la psicosi).

Una delle sostanze nutritive esaminate è la taurina, un aminoacido che si trova in alimenti come molluschi e tacchini.

Uno studio clinico condotto a Melbourne in 121 giovani pazienti con psicosi ha rilevato che 4 grammi di taurina al giorno riducevano i sintomi psicotici in sole 12 settimane.

Alcuni integratori antiossidanti, come n-acetil cisteina e vitamina C, possono anche essere efficaci, in particolare per i pazienti con alti livelli di “stress ossidativo“.

Gli studi sugli integratori di omega-3 hanno mostrato che sebbene sembrano migliorare la salute del cervello nei giovani con psicosi, l’evidenza per la riduzione effettiva dei sintomi psicotici è in conflitto.

“Dobbiamo fare attenzione a replicare i risultati di questi studi iniziali prima di giungere a conclusioni definitive”, ha affermato il Dr. Firth.

Ora, il team punta a fare proprio questo: lanciare una nuova sperimentazione clinica in cui tutti i nutrienti potenzialmente benefici sono combinati in un unico integratore che sarà fornito ai giovani con psicosi.

Ha aggiunto il ricercatore: “I singoli nutrienti sembrano avere effetti moderati sulla salute mentale, nel migliore dei casi. Un intervento di nutrienti combinati, espressamente disegnato dalla base di prove nella psicosi, può quindi conferire effetti più ampi e benefici ai giovani con questa condizione. Testeremo il nuovo integratore a Sydney in Australia nel 2018, per saperne di più sul potenziale ruolo della nutrizione nella salute mentale”.

Fonte: Early Intervention in Psychiatry

Altri articoli su psicosi