Rilevato il segnale di allerta precoce della psicosi

psicosi

Immagine: cervelli di persone a rischio di psicosi mostrano uno schema che può aiutare a prevedere se andranno a sviluppare la schizofrenia a tutti gli effetti, secondo un nuovo studio condotto da Yale. Credit: Yale University.

Cervelli di persone a rischio di psicosi mostrano uno schema che può aiutare a prevedere se andranno a sviluppare la schizofrenia a tutti gli effetti, secondo un nuovo studio condotto dalla Yale. I risultati dello studio potrebbero aiutare i medici a iniziare terapie di intervento precoce per quelle persone che hanno maggiori probabilità di sviluppare questo disturbo disabilitante.

Utilizzando immagini fMRI di persone che presentano caratteristiche che indicano un alto rischio di psicosi, il team della Yale ha notato un aumento della connettività funzionale nel circuito cerebello-talamo-corticale, una vasta rete coinvolta nel coordinamento di una serie di funzioni cerebrali.

Lo studio è stato riportato il 21 settembre dalla rivista Nature Communications.

I più alti gradi di connettività funzionale di questa rete sono stati trovati in coloro che in seguito hanno sviluppato la psicosi.

In un secondo esperimento, i ricercatori hanno confermato che questo schema di iperconnettività era presente tra coloro che avevano già una diagnosi di schizofrenia, ma non in quelli con altri disturbi psichiatrici.

( Vedi anche:L’estratto di cannabis aiuta a ripristinare la funzione cerebrale nella psicosi).

“La speranza è che questo biomarcatore possa essere utilizzato nello screening di secondo livello dopo l’identificazione di altri fattori di rischio per la schizofrenia“, ha detto Tyrone Cannon, Professore di psicologia e psichiatria e autore senior dell’ articolo.

L’intervento precoce nei pazienti con psicosi è stato collegato a risultati migliori nella schizofrenia che è caratterizzata da allucinazioni e disturbi del pensiero e in genere colpisce per la prima volta le persone tra la tarda adolescenza e i venti anni.

Secondo Cannon, la iperconnettività suggerisce che la rete cerebrale interessata può riflettere maggiori errori nel funzionamento integrativo del cervello, come il mistificare la convergenza di informazioni provenienti da diverse regioni del cervello. In alternativa, il modello può riflettere la compensazione di tali errori che si ritiene siano alla base del pensiero disorganizzato che è una caratteristica della psicosi.

Fonte: Nature

Altri articoli su psicosi