Anche il dolore puo’ portare alla morte

Il dolore può causare un’infiammazione che può uccidere, secondo una nuova ricerca della Rice University.

Lo studio “Grief, Depressive Symptoms and Infammation in the Spousally Bereaved” che apparirà in una prossima edizione di Psychoneuroendocrinology, esamina l’impatto che il dolore ha sulla salute umana. Lo studio si basa su precedenti ricerche del laboratorio di Chris Fagundes, un assistente Professore di scienze psicologiche presso la Rice University e autore principale dello studio, che ha indagato i fattori di rischio per l’infiammazione.

I ricercatori hanno condotto interviste e hanno esaminato il sangue di 99 persone i cui coniugi erano morti di recente. Hanno confrontato le persone che mostravano sintomi di dolore elevato – come il dolore per i defunti, la difficoltà a muoversi, il senso che la vita non ha significato e l’incapacità di accettare la realtà della perdita – a coloro che non mostravano quei comportamenti. I ricercatori hanno scoperto che vedove e vedovi con elevati sintomi di dolore hanno sofferto fino al 17% di livelli più elevati di infiammazione corporea. E le persone nel terzo superiore di quel gruppo avevano un livello di infiammazione più alto del 53,4% rispetto al terzo inferiore del gruppo che mostrava quei sintomi.

“Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’infiammazione contribuisce a quasi tutte le malattie nell’età adulta“, ha detto Fagundes. “Sappiamo anche che la depressione è legata a livelli più elevati di infiammazione e coloro che perdono un coniuge sono notevolmente più a rischio di depressione maggiore, infarto, ictus e mortalità prematura. Tuttavia, questo è il primo studio che conferma che il dolore – indipendentemente dai livelli di sintomi depressivi delle persone – può promuovere l’infiammazione che a sua volta può causare esiti negativi per la salute “.

( Vedi anche:Gli acidi grassi possono combattere l’nfiammazione cronica).

“Questa scoperta è un’importante rivelazione nello studio di come i comportamenti e le attività umane influiscono sui livelli di infiammazione nel corpo”, ha detto Fagundes, “e si aggiunge a un crescente corpo di evidenza su come il lutto possa influire sulla salute”. Il suo lavoro iniziale ha spiegato perché coloro che sono rimasti vedovi hanno un rischio maggiore di problemi cardiovascolari, sintomi corporei e mortalità prematura.

“Questo lavoro mostra che le persone che sono in lutto sono a più alto rischio”, ha detto Fagundes. “Ora che conosciamo questi due risultati chiave, possiamo progettare interventi mirati a questo fattore di rischio attraverso approcci comportamentali o farmacologici”.

Co-autori dello studio sono Ryan Brown e Michelle Chen, studenti laureati in Scienze psicologiche all Rice; Kyle Murdock, un assistente Professore di salute bio-comportamentale presso la Pennsylvania State University e ex ricercatore postdottorato nel laboratorio di Fagundes alla Rice; Levi Saucedo, un ricercatore alla Rice; Angie LeRoy, ricercatrice post-dottorato alla Rice; Lydia Wu, Prof. di scienze psicologiche alla Rice; Luz Garcini, ricercatore post-dottorato presso la Rice; Anoushka Shahane, dottorando alla Rice; Faiza Baameur, un borsista postdottorato di farmacologia alla Vanderbilt University e Cobi Heijnen, ricercatore presso l’MD Anderson Cancer Center di Houston.

Fonte: Psychoneuroendocrinology