Nuova speranza di trattamento per il carcinoma mammario triplo negativo

cancro al seno triplo negativo

 Immagine: questo nanodispositivo di piccole dimensioni, inventato da uno scienziato metodista di Houston, trasporta l’immunoterapia direttamente nel carcinoma mammario triplo negativo. Credito: Metodista di Houston.

Gli scienziati metodisti di Houston hanno sviluppato un nanodispositivo per somministrare l’immunoterapia senza effetti collaterali per il trattamento del carcinoma mammario triplo negativo. Inserito direttamente nel tumore, questo dispositivo nanofluidico rende possibile erogare una dose unica a rilascio prolungato che eliminerebbe la necessità per i pazienti di sottoporsi a diversi trattamenti nel tempo.

Inventato da Alessandro Grattoni, Presidente del Dipartimento di Nanomedicina presso l’ Istituto di ricerca metodista di Houston, questo minuscolo dispositivo è più piccolo di un chicco di riso e, una volta inserito all’interno di un tumore, può erogare il farmaco a poco a poco, rilasciandolo gradualmente dal suo serbatoio.

VIDEO: Drs. Grattoni e Butler spiegano la ricerca: https: / vimeo. con / 292933967

“Con questa ricerca stiamo cercando di stabilire una nuova strategia per somministrare l’immunoterapia direttamente in un tumore invece di consegnarlo a tutto il corpo di un paziente“, ha detto Grattoni. “E stiamo cercando di capire se distribuirlo in questo modo può effettivamente essere più efficace e avere meno effetti collaterali rispetto all’immunoterapia convenzionale che oggi viene somministrata all’intero del corpo del paziente”.

Grattoni e il suo team non sono i soli a studiare modi per somministrare immunoterapeutici per via intratumorale. Ciò che distingue il loro approccio dagli altri, è l’uso del nanodispositivo impiantabile che può essere posizionato all’interno del tumore in modo molto accurato, con una sola, semplice procedura e con la capacità di sostenere l’erogazione dell’immunoterapia per un periodo prolungato di tempo.

Ha detto E. Brian Butler, Presidente del Dipartimento di Radioterapia Oncologica e co-autore dell’ articolo pubblicato di recente sul Journal of Controlled Release: “Questi carichi utili dell’immunoterapia creati dal Dr. Grattoni arrivano in un piccolo dispositivo metallico con nanocanali che rilasciano il farmaco a una velocità costante in modo controllato”.

Grattoni, che è anche l’autore corrispondente dell’articolo, afferma che fornendo dosi sostenute, l’impianto mantiene un livello attivo del farmaco per lunghi periodi di tempo. Ciò ridurrebbe la necessità di visite cliniche continue che di solito sono richieste per l’immunoterapia e altri trattamenti contro il cancro.

( Vedi anche:Nuovo trattamento per un tipo di cancro al seno triplo negativo).

Al contrario, la maggior parte degli altri metodi attualmente sottoposti a studi preclinici e clinici richiedono iniezioni multiple nel tumore e, in molti casi, richiedono procedure invasive ripetute per accedervi. Inoltre, l’iniezione di farmaci direttamente in un tumore come singola dose può non essere molto efficace, in quanto solo una parte di essa rimarrà, mentre il resto viene rapidamente eliminato a causa della natura di alta pressione del microambiente di un tumore. Il metodo intratumorale di consegna sostenuta di Grattoni impedisce che ciò accada.

Grattoni paragona il dispositivo a una clessidra.

Anche se questa tecnologia può essere applicata a molti diversi tipi di cancro, i ricercatori hanno scelto di lavorare sul cancro al seno triplo negativo dal momento che non esiste attualmente un buon approccio terapeutico per il trattamento di pazienti affetti dalla malattia.

Il cancro al seno non è tradizionalmente considerato immunogenico, il che significa che potrebbe non rispondere bene all’immunoterapia, ma il carcinoma mammario triplo negativo (TNBC) è più immunogeno di altri sottotipi di cancro al seno. Questo è un altro motivo per cui i ricercatori hanno scelto di concentrarsi su di esso, cercando di renderlo più reattivo al trattamento con il loro impianto.

“In questo studio abbiamo dimostrato nei topi che il nostro rilascio intratumorale di immunoterapia era ugualmente efficace rispetto al trattamento di immunoterapia sistemica”, ha detto Grattoni. “La differenza è stata che l’immunoterapia sistemica ha mostrato effetti collaterali significativi, mentre il nostro dispositivo ha fornito lo stesso trattamento efficace senza effetti collaterali: siamo stati infatti in grado di eliminare completamente gli effetti collaterali, il che è stato molto sorprendente anche per noi”.

La prossima fase della ricerca, anche nsui topi, sarà quella di combinare il dispositivo con la radioterapia per vedere se questo approccio può migliorare l’efficacia attualmente raggiunta attraverso la somministrazione sistemica di immunoterapia.

Oltre al sistema di rilascio prolungato, il nanodispositivo di Grattoni funge da marcatore per facilitare la consegna precisa delle radiazioni guidate da immagini. La speranza dei ricercatori è che, in combinazione con la radioterapia, questo dispositivo non solo fornisca un’alternativa, ma aiuti anche a migliorare gli attuali approcci immunoterapeutici.

Fonte: Journal of Controlled Relese

Altri articoli su cancro al seno triplo negativo