Anche basse dosi di radiazioni possono promuovere le cellule del cancro

cancro

Gli scienziati hanno scoperto che anche basse dosi di radiazioni equivalenti a tre scansioni TAC che sono considerate sicure, danno alle cellule cancerogene un vantaggio nello sviluppo rispetto alle cellule normali nei tessuti sani.

I ricercatori del Wellcome Sanger Institute e dell’Università di Cambridge hanno studiato gli effetti delle basse dosi di radiazioni sull’esofago dei topi.

Il team ha scoperto che basse dosi di radiazioni aumentano il numero di cellule con mutazioni in p53, un cambiamento genetico ben noto associato al cancro. Tuttavia, somministrare ai topi un antiossidante prima della radiazione ha favorito la crescita di cellule sane, che hanno superato e sostituito le cellule mutanti p53.

I risultati dello studio, pubblicati il 18 luglio su Cell Stem Cell, mostrano che basse dosi di radiazioni promuovono la diffusione di cellule cancerogene nei tessuti sani

I ricercatori raccomandano che questo rischio sia preso in considerazione nel valutare la sicurezza delle radiazioni. Lo studio offre anche la possibilità di sviluppare misure preventive non tossiche per ridurre il rischio di sviluppare il cancro, rafforzando le nostre cellule sane per superare e sradicare le cellule che promuovono il cancro.

Ogni giorno siamo esposti a varie fonti di radiazioni ionizzanti, comprese le radiazioni naturali nel suolo e nella roccia e importanti procedure mediche come le scansioni TAC e le radiografie.

Le basse dosi di radiazioni, come l’esposizione all’imaging medico, sono considerate sicure in quanto causano un piccolo danno al DNA e un effetto apparentemente minimo sulla salute a lungo termine. Fino ad ora, altri effetti dell’esposizione a bassi livelli di radiazioni sono rimasti nascosti, il che significa che comprendere il vero rischio associato a basse dosi di radiazioni è stato difficile.

I ricercatori hanno precedentemente dimostrato che i nostri tessuti normali, come la pelle, sono campi di battaglia in cui le cellule mutanti competono per lo spazio contro le cellule sane. Tutti noi abbiamo cellule mutanti capaci di sviluppare il cancro nei tessuti sani, compresi quelli con mutazioni di p53, che aumentano di numero con l’avanzare dell’età, ma ben pochi alla fine continuano a formare il cancro.

In questo nuovo studio, i ricercatori dimostrano che basse dosi di radiazioni favoriscono le cellule mutanti cancerogene nell’esofago. I ricercatori del Sanger Institute e i loro collaboratori hanno somministrato ai topi una dose di radiazioni di 50 milligrammi, equivalente a tre o quattro scansioni TAC. Di conseguenza, le cellule mutanti di p53 si sono diffuse e hanno superato le cellule sane.

Il Dott. David Fernandez-Antoran, primo autore dello studio del Wellcome Sanger Institute, ha dichiarato: “I nostri corpi sono l’insieme di ” Game of Clones “,  una continua battaglia per lo spazio tra cellule normali e mutanti. Mostriamo che anche basse dosi di radiazioni, simili al valore di tre scansioni TAC, possono favorire le cellule mutanti cancerose. Abbiamo scoperto un ulteriore potenziale rischio di cancro a causa delle radiazioni”.

I ricercatori hanno quindi somministrato ai topi l’anti-ossidante N-acetil cisteina (NAC) – prima dell’esposizione allo stesso livello di radiazioni. Il team ha scoperto che l’antiossidante ha dato alle cellule normali la spinta necessaria per superare e sradicare le cellule mutanti in p53.

Vedi anche, Telefoni cellulari 2G e 3G, alta esposizione alle radiazioni a radiofrequenza associata al cancro nei ratti maschi.

Tuttavia, l’antiossidante da solo, senza esposizione alle radiazioni, non ha aiutato le normali cellule a combattere i cloni mutanti.

La Dott.ssa Kasumi Murai, del Wellcome Sanger Institute, ha dichiarato: “Somministrare ai topi un antiossidante prima di esporli a basse dosi di radiazioni ha dato alle cellule sane la spinta extra necessaria per combattere le cellule mutanti dell’esofago e farle sparire. Non sappiamo l’effetto che questa strategia potrebbe avere in altri tessuti.Ciò che sappiamo è che l’uso a lungo termine degli antiossidanti da solo non è efficace nella prevenzione del cancro nelle persone, secondo altri studi”.

Il Professor Phil Jones, autore principale del Wellcome Sanger Institute e della MRC Cancer Unit dell’Università di Cambridge, ha dichiarato: “Le procedure di imaging medico che usano radiazioni, come le scansioni TAC e le radiografie, hanno un livello molto basso di rischio, così basso che è difficile da misurare Questa ricerca ci aiuta a comprendere meglio gli effetti delle basse dosi di radiazioni e dei rischi che potrebbero comportare. Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere gli effetti sulle persone “.

Il team suggerisce che questa ricerca evidenzia anche la possibilità di sviluppare terapie per prevenire il cancro, facendo in modo che le cellule sane più in forma, spingono fuori le cellule cancerogene, senza effetti collaterali tossici per il paziente.


Altri articoli su cancro