HomeSaluteCervello e sistema nervosoADHD: la dieta può aiutare a gestire i sintomi

ADHD: la dieta può aiutare a gestire i sintomi

(ADHD e dieta-Immagine Credit Scitechdaily).

Una nuova ricerca rileva che mangiare più frutta e verdura può aiutare a gestire i sintomi dell’ADHD e comportare meno disattenzione.

Potrebbe essere una buona idea per i bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività ( ADHD ) mangiare più frutta e verdura. Ricerche recenti hanno rivelato che questo cambiamento nella dieta potrebbe aiutare a ridurre i problemi di disattenzione.

- Advertisement -

Un questionario completo che descrive i pasti abituali consumati dai bambini, comprese le porzioni durante un periodo di 90 giorni, è stato compilato dai genitori di 134 bambini con sintomi di ADHD come parte di uno studio più ampio. Un altro sondaggio ha chiesto ai genitori di valutare i sintomi di disattenzione dei loro figli, che sono una caratteristica comune dell’ADHD e includono difficoltà a concentrarsi, seguire le indicazioni, ricordare le cose e controllare le proprie emozioni.

Secondo Irene Hatsu, coautrice della ricerca e assistente Prof.ssa di nutrizione umana presso la Ohio State University, i risultati indicano che i bambini che mangiano più frutta e verdura hanno segni di disattenzione meno gravi.

“Seguire una dieta sana che comprende più frutta e verdura, può essere un modo per ridurre alcuni dei sintomi dell’ADHD”, ha detto Hatsu.

Lo studio è stato pubblicato online il 10 maggio sulla rivista Nutritional Neuroscience. I dati per questa ricerca sono stati raccolti nell’ambito dello studio sui micronutrienti per l’ADHD in gioventù (MADDY), che ha esaminato l’efficacia di un integratore di vitamine e minerali a 36 ingredienti per trattare i sintomi dell’ADHD e lo scarso controllo emotivo nei 134 bambini di età compresa tra i 6 e i 12.

- Advertisement -

Lo studio che ha valutato l’efficacia del supplemento, ha mostrato che i bambini che assumevano i micronutrienti avevano una probabilità tre volte maggiore di mostrare un miglioramento significativo dei loro sintomi di ADHD e disregolazione emotiva rispetto a quelli che assumevano un placebo. Lo studio è stato pubblicato l’anno scorso sul Journal of American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.

Un altro studio che ha coinvolto gli stessi bambini, pubblicato all’inizio di quest’anno sulla rivista Nutrients, ha mostrato che i bambini le cui famiglie avevano livelli più elevati di insicurezza alimentare avevano più probabilità di mostrare sintomi più gravi di disregolazione emotiva, come irritabilità cronica, stati d’animo arrabbiati e scoppi di rabbia.

Hatsu afferma che i tre studi dipingono tutti un quadro simile, dimostrando che una dieta sana che fornisce tutti i nutrienti di cui i bambini hanno bisogno può aiutare a ridurre i sintomi dell’ADHD nei bambini.

“Quello che i medici di solito fanno quando i bambini con ADHD iniziano ad avere sintomi più gravi è aumentare la dose dei loro farmaci di trattamento, se ne stanno assumendo uno, o iniziare a somministrarli”, ha detto Hatsu. “I nostri studi suggeriscono che vale la pena controllare l’accesso dei bambini al cibo e la qualità della loro dieta per vedere se può contribuire alla gravità dei loro sintomi”.

Perché la dieta può essere così importante nell’ADHD?

I ricercatori ritengono che l’ADHD sia correlato a bassi livelli di alcuni neurotrasmettitori nel cervello – e vitamine e minerali svolgono un ruolo chiave come cofattori nell’aiutare il corpo a produrre quelle importanti sostanze neurochimiche e nella funzione generale del cervello.

Vedi anche:ADHD: come Ritalin acuisce l’attenzione

L’insicurezza alimentare può svolgere un ruolo aggiuntivo.

“Tutte le persone tendono ad irritarsi quando hanno fame e i bambini con ADHD non fanno eccezione. Non mangiare a sufficienza, potrebbe peggiorare i loro sintomi”, ha detto la ricercatrice.

Lo studio MADDY è uno dei primi a esaminare la relazione tra i sintomi dell’ADHD e la qualità della dieta tra i bambini negli Stati Uniti e in Canada.

“Riteniamo che i medici dovrebbero valutare lo stato di sicurezza alimentare dei bambini con ADHD prima di creare o modificare un programma di trattamento”, ha affermato Hatsu. “Alcuni sintomi potrebbero essere più gestibili aiutando le famiglie a diventare più sicure dal punto di vista alimentare e in grado di fornire una dieta più sana”.

Fonte:Nutritional Neuroscience

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...