HomeSaluteCervello e sistema nervosoADHD: come Ritalin acuisce l'attenzione

ADHD: come Ritalin acuisce l’attenzione

(ADHD-Immagine Credit Public Domain).

“Il disturbo da deficit dell’attenzione/iperattività (Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder, ADHD) è caratterizzato da una durata scarsa o breve dell’attenzione e/o da vivacità e impulsività eccessive non appropriate all’età del bambino, che interferiscono con le funzionalità o lo sviluppo. L’ADHD è un disturbo neuroevolutivo. Sebbene i bambini con ADHD spesso si comportino in modo iperattivo e impulsivo, l’ADHD non è un disturbo comportamentale“.

Anche mezzo secolo dopo che un farmaco è stato immesso sul mercato, gli scienziati possono ancora imparare cose nuove su come funziona. Una nuova ricerca dei neuroscienziati dell’Università di Pittsburgh fornisce uno sguardo raro su come il farmaco Ritalin influenzi l’attività nel cervello degli animali, fornendo una comprensione più profonda di come gruppi di cellule cerebrali governano l’attenzione e indicando nuovi possibili usi per lo stimolante.

- Advertisement -

A circa 1 bambino su 11 negli Stati Uniti vengono prescritti stimolanti come il metilfenidato (noto anche con il suo marchio Ritalin) per migliorare l’attenzione e la concentrazione. Anche molti più adulti, 1 su 5 secondo i sondaggi, usano i farmaci off-label. E mentre la sicurezza e l’efficacia di questi farmaci sono ben note, c’è ancora molto da imparare su come funzionano.

“Sappiamo davvero molto poco su come questi farmaci influenzano l’attività di gruppi di neuroni”, ha affermato l’autrice senior dello studio Marlene Cohen, Prof.ssa di neuroscienze alla Kenneth P. Dietrich School of Arts and Sciences. “Ma scienziati di base come noi hanno studiato cosa i gruppi di neuroni possono dirci sul comportamento e sulla cognizione, quindi capire cosa fanno questi farmaci ai gruppi di neuroni può forse darci suggerimenti su altre patologie per cui sarebbero utili”.

Vedi anche:ADHD è un disturbo genetico: trovata la prima prova

Il lavoro precedente guidato dalla ricercatrice post-dottorato di Pitt Amy Ni ha mostrato in particolare, quanto è probabile che i gruppi di neuroni si attivino indipendentemente l’uno dall’altro, invece di essere sincronizzati.

- Advertisement -

Nel lavoro in corso, i ricercatori hanno scoperto che gli animali che avevano assunto metilfenidato si comportavano meglio in un compito visivo di attenzione e che il miglioramento si verificava esattamente quando quella stessa metrica dell’attività neuronale si spostava. Il team, guidato da Ni, ha pubblicato la sua ricerca sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences il 25 aprile.

Alcuni dei risultati dello studio erano attesi da ciò che è già noto sul farmaco. I tre animali hanno assunto metilfenidato o un placebo a giorni alterni per due settimane di test. Nei giorni in cui assumevano il farmaco, dedicavano più tempo al compito e si comportavano meglio, ma solo quando il compito richiesto si verificava in un punto a cui stavano già prestando attenzione.

Nella maggior parte degli esperimenti di neuroscienza, i ricercatori prendono di mira gruppi molto piccoli di neuroni con elettricità o luce. “Decisamente non abbiamo usato queste strategie: abbiamo preso questi farmaci, li abbiamo mescolati con succhi di frutta e li abbiamo somministrati agli animali”, ha detto Cohen. “Mi ha sorpreso che una manipolazione molto generale ha avuto un effetto comportamentale molto specifico”.

Oltre a saperne di più su come funziona il farmaco, tali esperimenti consentono ai ricercatori di ottenere una comprensione più ampia di come i modelli di attivazione dei neuroni si traducono in comportamenti come prestare attenzione a ciò che vediamo. Confrontando il modo in cui i neuroni agiscono quando il cervello si trova in stati diversi, come quando un soggetto ha assunto un farmaco e quando non l’ha fatto, i ricercatori possono creare modelli più completi e utili di come le cellule cerebrali e il comportamento sono collegati.

“È un approccio che non ha ricevuto molta attenzione”, ha detto Cohen, in parte a causa della mancanza di modi per finanziare la ricerca su come i farmaci cambiano l’attività dei neuroni. Ciò rende difficile cercare “trattamenti incrociati”, cioè nuovi usi per farmaci che sono già sul mercato.

Alla luce dello studio attuale, il lavoro precedente in laboratorio suggerisce alcuni di questi potenziali incroci. La ricerca di Ni ha trovato somiglianze tra i modelli neurali legati all’attenzione e alcuni tipi di apprendimento, suggerendo che i trattamenti per i disturbi che coinvolgono l’uno potrebbero essere efficaci per l’altro.

“Questi stimolanti potrebbero effettivamente essere utili per il trattamento di molte cose, che vanno dai cambiamenti cognitivi associati al normale invecchiamento, al morbo di Alzheimer e altri”, ha detto Cohen. “Sebbene al momento sia solo un’intuizione ben informata, è quella che il laboratorio prevede di perseguire negli studi futuri”.

Per ora, questo studio rimane un primo passo importante in una linea di ricerca che Cohen spera di vedere: collegare i punti tra le basi neurali del nostro comportamento e il modo in cui i farmaci lo influenzano.

“È un banco di prova e penso che ci sia molto altro da fare”, ha detto Cohen. “Spero che le persone capiranno che questi approcci sono importanti”.

Fonte: PNAS

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...