HomeSalutePelleAcne: rinunciare al cioccolato aiuta?

Acne: rinunciare al cioccolato aiuta?

Focolai di brufoli, punti neri e cisti sono causa di enorme ansia e imbarazzo tra adolescenti e giovani adulti. Se fai parte del 20% degli australiani che hanno avuto un’acne grave, probabilmente hai provato una serie di trattamenti e misure preventive. Ma rinunciare al cioccolato aiuta?

Non è chiaro dove o come sia nato questo mito, ma i ricercatori hanno testato il collegamento tre volte dal 1965 al 1971, suggerendo che doveva essere una credenza comune almeno 40 anni fa. Tutti e tre gli studi hanno dato la risposta: il cioccolato non aggrava l’acne.

Ma per gli standard odierni, le indagini erano tutte di scarso livello scientifico. Lo studio originale, condotto nel 1965, conteneva solo otto partecipanti.

- Advertisement -

Lo studio successivo, pubblicato sul Journal of the American Medical Association nel 1969, ha avuto 65 partecipanti, ma i risultati sono stati confusi dall’uso di due diversi gruppi di soggetti: 60 adolescenti (14 ragazze) e 35 giovani maschi adulti di età non specificata . I ricercatori non hanno tenuto conto degli effetti di sesso, età, pubertà, cicli mestruali, stress, fumo, stile di vita, assunzione dietetica di base o condizioni mediche che colpiscono la pelle.

Lo studio del 1971, pubblicato sulla rivista American Family Physician, ha valutato gli effetti di cioccolato, latte, arachidi tostate e cola sull’acne in 27 studenti, ma non ha riportato la loro età e li ha seguiti solo per una settimana. Inoltre, non ha affrontato tutti i potenziali fattori confondenti e non ha segnalato focolai di acne significativi durante o immediatamente dopo il periodo di studio.

Da allora sono state pubblicate diverse critiche dettagliate alle carenze di questi studi. Ma da allora il mito del cioccolato e dell’acne è rimasto controverso e incontrastato.

Un recente studio sui video di YouTube ha rilevato che oltre l’85% dei clip con parole chiave acne, “dieta per l’acne e cibo per l’acne” ha supportato la convinzione che la dieta abbia un’associazione moderata con l’acne.

- Advertisement -

Allora perché il mito che il cioccolato provoca l’acne continua a circolare?

Forse la colpa è di noi ricercatori come protagonisti della pratica basata sull’evidenza. Non siamo riusciti a sottoporre questo mito del cioccolato ai rigori di uno studio di controllo randomizzato (RCT), nonostante il fatto che quasi tutte le persone di età compresa tra 15 e 17 anni soffrano di un certo grado di acne. Abbiamo bisogno di un RCT decente in modo da poter sapere una volta per tutte se allontanare i nostri adolescenti e noi stessi, dalla corsia dei dolci del supermercato.

Cibo e acne

Prove recenti suggeriscono che potrebbe essere il momento di espandere la nostra indagine sul cioccolato e l’acne e concentrarci sul consumo di latte e sull’indice glicemico (IG).

Il latte e i suoi prodotti, compreso il latte pastorizzato, lo yogurt, il gelato e la ricotta, contengono una serie di ingredienti naturali che favoriscono la crescita. Le proteine ​​del siero di latte dei latticini, ad eccezione del formaggio, portano ad un aumento del rilascio di insulina. E la proteina della caseina nei prodotti lattiero-caseari porta ad un aumento dei livelli di fattore di crescita simile all’insulina (IGF).

Sorprendentemente, bere latte aumenta i livelli di insulina nel sangue in misura maggiore del previsto, basandosi esclusivamente sul suo contenuto di lattosio (il carboidrato presente nel latte). Sebbene i percorsi biochimici siano complessi, in parole povere, ciò può portare a un peggioramento dell’acne.

Vedi anche:Vitamine per una pelle senza acne

Questa stessa reazione non si verifica dopo aver mangiato il formaggio.

Indice glicemico e carico glicemico

Le diete con un alto indice glicemico (GI) o carico glicemico (GL) innescano una risposta insulinica più elevata. Questo perché gli alimenti ad alto indice glicemico contengono carboidrati in una forma che viene rapidamente digerita e assorbita nel flusso sanguigno, inviando un messaggio al pancreas per secernere insulina.

Questo alto livello di insulina, a sua volta, aumenta l’IGF, esacerbando potenzialmente l’acne. L’insulina quindi si propone di eliminare il glucosio dal sangue.

Quindi una dieta ad alto indice glicemico, con più cibi ad alto indice glicemico, può aiutare a gestire l’acne?

Questo è stata ipotesi è stata testata in uno studio di controllo randomizzato del 2007. I ricercatori hanno chiesto a 43 uomoni di 18 anni di seguire una dieta a basso contenuto di glucosio o ad alto contenuto di glucosio per 12 settimane. Nel frattempo, la gravità della loro acne è stata valutata da dermatologi che erano in cieco rispetto agli aspetti dell’intervento dietetico dello studio.

Ai gruppi a basso indice glicemico è stato chiesto di scambiare alcuni alimenti ad alto indice glicemico con altri più ricchi di proteine, come carne magra, pollo o pesce, e di favorire cibi a basso indice glicemico come pane integrale, pasta e frutta. La dieta a basso indice glicemico mirava a ottenere il 25% di energia dalle proteine, il 45% dai carboidrati a basso indice glicemico e il 30% dai grassi. Il gruppo ad alto GL è stato incoraggiato a seguire una dieta ricca di carboidrati.

È interessante notare che coloro che seguono la dieta a basso contenuto di glucosio hanno visto migliorare la loro acne, insieme alla loro sensibilità all’insulina. Hanno anche perso peso. È importante notare, tuttavia, che questo lavoro non è stato ripetuto da altre ricerche in questa fase.

Cosa fare se soffri di acne

L’ acne persiste comunemente nell’età adulta, con quasi due terzi degli adulti sui 20 anni e il 43% sui 30 anni che sperimentano la condizione. Indipendentemente dalla tua età, puoi ottenere aiuto da un dermatologo.

Quando si tratta di cibo, sono necessari ulteriori studi di ricerca di buona qualità per valutare l’impatto delle manipolazioni dietetiche. Ma insieme al trattamento medico, ci sono alcune strategie dietetiche che vale la pena provare:

  1. Riduci l’assunzione di cibi ad alto indice glicemico come patate, ciambelle, frittelle, cereali per la colazione zuccherati e pane bianco. Preferisci alimenti con GI inferiore come mele, banane, carote, mais, muesli, pane misto,  porridge, pomodoro, patate dolci.
  2. Sii più attivo per migliorare la sensibilità all’insulina; fare una breve passeggiata dopo aver mangiato per aiutare a ridurre gli zuccheri nel sangue e moderare i livelli di insulina.
  3. Riduci l’assunzione di latte (ma non di formaggio). Per tutelare la massa ossea sarà necessario assumere un integratore giornaliero di calcio.
  4. Se sei in sovrappeso, prova a ridurre il tuo peso, anche di pochi chilogrammi.

Autore: Chiara Collins, Prof.ssa Nutrizione e Dietetica, Università di Newcastle

Fonte: The Conversation

 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...