Un farmaco per l’artrite si è rivelato efficace per il trattamento della malattia di Crohn

malattia di Crohn

I ricercatori della University of California San Diego School of Medicine hanno dimostrato che Ustekinumab, un anticorpo umano utilizzato per trattare l’artrite, induce in modo significativo la risposta e la remissione nei pazienti con moderata a grave malattia di Crohn.

I risultati della sperimentazione clinica sono stati pubblicati il 16 novembre 2016 dal New England Journal of Medicine.

“Un’alta percentuale dei pazienti partecipanti allo studio, che non avevano risposto alle terapie convenzionali, erano in remissione clinica dopo solo una singola dose di Ustekinumab iniettato per via endovenosa“, ha detto William J. Sandborn, Prof. di Medicina presso la UC San Diego School of Medicine e Direttore del Centro Malattie infiammatorie Intestinali presso la UC San Diego.

“Trovare nuove opzioni di trattamento efficaci per questa popolazione di pazienti è fondamentale, perché la malattia di Crohn può influire notevolmente sulla qualità della vita di una persona. I pazienti affetti da questa malattia possono andare in bagno fino a 20 volte al giorno e vivono l’esperienza del dolore addominale, ulcere e una riduzione dell’appetito “.

(Vedi anche:Scoperta nuova possibile causa della malattia di Crohn).

La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria cronica del tratto gastrointestinale che colpisce circa 700.000 persone negli Stati Uniti. Essa può colpire qualsiasi parte del tratto GI, ma più comunemente interessa la fine del piccolo intestino (ileo), osssia la parte che si unisce all’intestino crasso (o colon). La malattia di Crohn è di solito trattata con glucocorticoidi, immunosoppressori, fattore di necrosi tumorale o inibitori dell’ integrina.

“Gli svantaggi di queste terapie includono un aumentato rischio di infezioni e cancro e hanno una limitata efficacia”, ha detto Sandborn. “Ustekinumab non è stato associato ad un aumentato rischio di eventi avversi gravi”.

I tassi di remissione nello studio randomizzato a sei settimane, tra i pazienti trattati con Ustekinumab per via endovenosa, erano significativamente più alti rispetto ai tassi dei pazienti che hanno ricevuto solo un placebo. Lo studio ha anche trovato che la inoculazione per via sottocutanea (iniezione) di Ustekinumab ogni 8 a 12 settimane, ha mantenuto in remissione i pazienti.

“Questo studio indica che Ustekinumab può avere una lunga durata d’azione, una probabilità chedeve essere meglio compresa nelle prove future”, ha detto Sandborn. “I nostri risultati attuali offrono speranza per coloro che soffrono di questa debilitante malattia del tratto gastro intestinale”.

Fonte:UC San Diego Health

Altri articoli su malattia di Crohn