Verdure a foglia verde possono prevenire la steatosi epatica

steatosi epatica

Una porzione maggiore di verdure a foglia verde nella dieta può ridurre il rischio di sviluppare la steatosi epatica o fegato grasso.

 In uno studio pubblicato in PNAS, i ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia mostrano come una maggiore assunzione di nitrato inorganico, presente naturalmente in molti tipi di vegetali, riduce l’accumulo di grasso nel fegato. Non esiste attualmente un trattamento approvato per la malattia che può deteriorarsi in condizioni potenzialmente letali come la cirrosi e il cancro del fegato.

La steatosi epatica o fegato grasso, è una malattia epatica comune che colpisce circa il 25% della popolazione. Le cause più importanti sono il sovrappeso o il consumo elevato di alcol e attualmente non esiste alcun trattamento medico per la malattia. I ricercatori del Karolinska Institutet hanno ora dimostrato come un maggiore apporto di nitrato inorganico possa impedire l’accumulo di grasso nel fegato.

“Quando abbiamo integrato con nitrato alimentare i topi alimentati con una dieta occidentale ricca di grassi e zuccheri, abbiamo notato una percentuale significativamente inferiore di grassi nel fegato“, afferma Mattias Carlström, Professore associato presso il Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia, Karolinska Institutet.

I risultati dello studio sono stati confermati utilizzando due diversi studi di coltura cellulare su cellule epatiche umane. Oltre a un minor rischio di steatosi, i ricercatori hanno anche osservato una riduzione della pressione arteriosa e una migliore omeostasi di insulina / glucosio nei topi con diabete di tipo 2.

L’obiettivo del gruppo di ricerca è la prevenzione delle malattie cardiovascolari e del diabete di tipo 2 attraverso cambiamenti dietetici e con altri mezzi. Precedenti studi hanno dimostrato che il nitrato alimentare derivante dalle verdure aumenta l’efficienza dei mitocondri, la centrale elettrica della cellula e può migliorare la resistenza fisica. 

È stato anche dimostrato che un maggior apporto di frutta e verdura ha un effetto benefico sulla funzione cardiovascolare e sul diabete. 

“Riteniamo che queste malattie siano collegate da meccanismi simili, in cui lo stress ossidativo causa una segnalazione di ossido nitrico compromessa con un impatto negativo sulle funzioni cardiometaboliche“, afferma Carlström. “Ora dimostriamo un modo alternativo per produrre ossido nitrico, dove più nitrati nella nostra dieta possono essere convertiti in ossido nitrico e altre specie di azoto bioattivo nel nostro corpo”.

Anche se sono stati fatti molti studi clinici, c’è ancora un considerevole dibattito su quali proprietà dei vegetale ci rendono sani.

Nessuno si è ancora concentrato sul nitrato che riteniamo sia la chiave“, continua il Dott. Carlström. “Ora vogliamo condurre studi clinici per studiare il valore terapeutico della supplementazione di nitrati per ridurre il rischio di steatosi epatica, i cui risultati potrebbero portare allo sviluppo di nuovi approcci farmacologici e nutrizionali“.

Vedi anche Steatosi epatica non alcolica: i metaboliti liberati dal microbiota intestinale tengono a bada l’ infiammazione.

Anche se sono necessari studi clinici più ampi per confermare il ruolo del nitrato, i ricercatori possono comunque consigliare di mangiare più verdure a foglia verde, come la lattuga o spinaci ricchi di nitrati.

“E non ci vogliono grandi quantità per ottenere gli effetti protettivi che abbiamo osservato – solo circa 200 grammi al giorno“, dice il Dottor Carlström. “Purtroppo, però, molte persone scelgono di non mangiare abbastanza verdure al giorno d’oggi”.

Fonte, PNAS

Altri articoli su steatosi epatica