Vapori al gusto di menta nelle e-sigarette potrebbero essere cancerogeni

sigarette elettroniche

Anche se il recente scoppio di una grave malattia polmonare acuta nei vapers sta sfidando l’abilità e la tecnologia del campo medico, un nuovo rapporto pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine il 16 settembre 2019, afferma che un olio vegetale naturale chiamato pulegone, che è usato per conferire un sapore di menta alle sigarette elettroniche, potrebbe essere cancerogeno ai livelli trovati in questi dispositivi.

In uno studio su diverse sigarette al mentolo, varietà di tabacco e aromi di menta e mentolo nelle e-sigaretta, i ricercatori hanno trovato alti livelli di pulegone nelle ultime due categorie, al di sopra del livello accettato dalla FDA, come potenzialmente causa di cancro. Ciò potrebbe comportare che i consumatori di sigarette elettroniche al gusto di menta siano esposti a livelli di pulegone fino a mille volte più alti di quanto si sia mai visto prima, sia nel cibo che nelle sigarette al mentolo.

Pulegone è usato nei profumi e nell’aromaterapia, oltre allo svapo, per il suo profondo sapore di menta.

L’industria del tabacco ha da tempo ridotto i livelli di pulegone nelle sigarette al mentolo sotto la pressione dei consumatori dopo che i suoi potenziali pericoli sono venuti alla luce. È stato già bandito dalla FDA come additivo alimentare a seguito di test sugli animali che hanno dimostrato che potrebbe causare il cancro. Tuttavia, i ricercatori sono ancora divisi per quanto riguarda il suo rischio effettivo, perché lo studio su cui si basava il divieto della FDA ha mostrato un rischio di cancro solo con livelli molto elevati di esposizione. In effetti, i ricercatori hanno concluso che il rischio di cancro nell’uomo era improbabile e che il pulegone non era motivo di preoccupazione per la salute pubblica.

Il divieto della FDA sul pulegone negli alimenti è  in gran parte il risultato della pressione del gruppo di consumatori. Altre ricerche sulla tossicità (o sulla sicurezza) del pulegone sono scarse. Tuttavia, se non è adatto per essere nel cibo, non dovrebbe certamente essere considerato adatto per inalazione, soprattutto perché le cellule delicate degli alveoli polmonari e dei bronchioli sono molto più vulnerabili alle sostanze chimiche tossiche rispetto alle cellule intestinali.

Tuttavia, non esiste un regolamento FDA sul suo utilizzo negli aromi per tabacco o sigarette elettroniche.

Vedi anche, Prima vittima della e-sigaretta in Illinois.

Prodotti chimici dello svapo non regolamentati

Il vero problema sollevato dal presente studio è la presenza di molte sostanze chimiche come il pulegone nel tabacco o nelle sigarette elettroniche, che non sono state testate per la loro sicurezza dopo l’inalazione prima di essere utilizzate come aromi. L’uso non regolamentato di molti di questi prodotti chimici nelle sigarette elettroniche è una preoccupazione crescente tra i ricercatori.

“Il regime normativo FDA per gli alimenti è molto più rigoroso di quanto richiesto per le sigarette elettroniche”, commenta il ricercatore Sven-Eric Jordt. Di conseguenza, il margine di esposizione (MOE) per il tabacco e le sigarette elettroniche esaminate nel presente studio era ben al di sotto del livello raccomandato che varia da circa 300 a 6.000 per i liquidi aromatizzanti per sigarette elettroniche contenenti pulegone e 550- 1.600 per tabacco. Il MOE raccomandato per gli agenti cancerogeni alimentari è quel livello della sostanza chimica che è 10.000 volte inferiore alla dose più alta che non riesce a indurre il cancro negli studi sugli animali, fornendo così un ampio margine di sicurezza. In questo contesto, i livelli di esposizione al pulegone negli aromi di menta e sigarette elettroniche e nei tabacchi sono così alti da lasciare margini di sicurezza orribilmente ristretti.

La scarsa regolamentazione e la mancanza di dati sulla tossicità rendono difficile dire cosa abbia causato il recente scoppio della malattia correlata allo svapo, sebbene sembri essere associato con l‘inalazione di vapori tossici di oli volatili. In sostanza, non sappiamo nulla di ciò che il pulegone e molte altre sostanze chimiche volatili fanno alle cellule polmonari quando vengono vaporizzate e inalate. Inoltre, le sigarette elettroniche sono in circolazione da solo dieci anni circa – un tempo troppo breve per valutare i loro rischi per la salute negli adulti, per non parlare degli utenti adolescenti.

In questa situazione, sembra essere un dato di fatto che la FDA dovrebbe fare qualcosa per mitigare il rischio per la salute fino a quando la sicurezza di queste sostanze chimiche in forma inalata sarà dimostrata. Questo in particolare quando milioni di utenti più giovani vengono attratti dalle sigarette elettroniche a causa dei loro sapori dolci e fruttati. Per non parlare del fatto che molti non fumatori di sigarette normali stanno iniziando a fumare dopo aver provato la versione di svapo “più sicura” – e molti fumatori che hanno cercato di smettere di fumare hanno invece semplicemente aggiunto quest’ultima al loro repertorio.

La domanda su molte labbra è: quando le autorità apriranno gli occhi sui reali pericoli dello svapo?

Jordt afferma: “I nostri risultati suggeriscono che la FDA dovrebbe attuare misure per mitigare i rischi per la salute legati al pulegone prima di suggerire sigarette elettroniche al gusto di menta e mentolo e prodotti del tabacco, come alternative per le persone che usano prodotti del tabacco combustibile”.

Fonte, JAMA

Altri articoli su sigarette elettroniche