Nuovo dispositivo utilizza onde elettromagnetiche per invertire l’Alzheimer

alzheimer

Un nuovo studio, pubblicato nel Journal of Alzheimer’s Disease del 3 settembre 2019, fornisce qualcosa di cui rallegrarsi per i milioni di pazienti che hanno il morbo di Alzheimer (AD).

In una sperimentazione in aperto, un nuovo dispositivo indossabile di NeuroEM Therapeutics ha sfruttato la potenza delle onde elettromagnetiche (EM), in una sperimentazione, per invertire i sintomi dell’Alzheimer in soli due mesi di utilizzo a casa. Inoltre, non ha mostrato effetti negativi sul  funzionamento fisico o mentale secondo le registrazioni quotidiane dei caregiver. Né l’imaging post-trattamento ha mostrato segni di trauma cerebrale.

Precedenti ricerche dello stesso team hanno dimostrato che le onde elettromagnetiche nello spettro della radiofrequenza erano protettive contro la perdita di memoria nei giovani topi con AD e invertivano la perdita di memoria nei topi AD più vecchi.

Lo studio e i suoi risultati

Nel presente studio, i ricercatori hanno portato avanti le loro ricerche utilizzando il trattamento elettromagnetico transcranico (TEMT) due volte al giorno in sessioni di un’ora, applicato da un dispositivo MemorEM ™ pionieristico. Il nuovo dispositivo comprende un cappuccio che contiene una serie di emettitori di onde elettromagnetiche estremamente specializzati. Questi sono progettati per emettere EM in sequenza e la terapia è facilmente realizzabile dagli operatori sanitari a casa. Inoltre, non vi è quasi alcun limite alla mobilità per tutta la durata del trattamento, in modo che il paziente possa fare quasi tutto in casa, durante questo periodo.

I risultati iniziali hanno mostrato la sicurezza del copricapo elettromagnetico (EM) indossabile, che è stato testato in 8 pazienti, tutti di età pari o superiore a 63 anni, con AD da lieve a moderata. Non ci sono stati comportamenti anomali o cambiamenti nel funzionamento del corpo. Dopo il trattamento, è stata eseguita la scansione del cervello per escludere piccoli tumori o emorragie cerebrali microscopiche. La temperatura del cervello durante il TEMT a lungo termine nei topi è stata registrata e non ha mostrato alcun effetto di riscaldamento significativo che è di nuovo un importante indicatore di sicurezza. Molti studi di grandi dimensioni hanno confermato che l’esposizione a un campo EM a livelli di potenza e frequenze paragonabili a quelle utilizzate da MemorEM non inducono il cancro.

I test hanno anche mostrato che il punteggio ADAS-cog, che valuta la  memoria, il pensiero, il giudizio e altre abilità cognitive, è aumentato nei pazienti trattat, di 4 punti o più in 7/8 pazienti. Questo punteggio è usato come gold standard per giudicare l’efficacia di tutti i trattamenti di AD e l’aumento di quattro punti mostra un grande aumento delle prestazioni cognitive che si traduce in un miglioramento clinicamente importante della funzione mentale. Ciò è tanto più soddisfacente se confrontato con il tipico calo di 4+ in questo punteggio nell’arco di un anno nei pazienti con AD. In altre parole, potrebbe essere interpretato come riportare indietro di un anno intero la malattia – un significativo miglioramento delle prestazioni cognitive.

Altre attività cognitive che sono state testate includono l’attività Rey AVLT che cerca il richiamo delle parole; il trattamento ha prodotto un aumento clinicamente significativo di questo parametro sia immediatamente dopo il trattamento, sia dopo due settimane. Questi pazienti hanno anche dimostrato una riduzione del 50% nella perdita di memoria. Nessuno di questi risultati potrebbe essere attribuito alla familiarità con i test sulle prestazioni ripetute.

Sono stati inoltre condotti test di laboratorio per analizzare il livello dei marcatori AD, sia nel sangue che nel liquido cerebrospinale (CSF). I livelli di questi marcatori dopo il trattamento sono stati alterati dalle loro concentrazioni di base (pretrattamento) proprio come previsto se le proteine ​​tau e beta-amiloide venissero davvero scomposte da TEMT.

La scansione del cervello mediante risonanza magnetica (MRI) ha mostrato che il cervello di questi pazienti rispecchiava una migliore comunicazione interneuronale nella corteccia cingolata, un’area del cervello profondamente coinvolta nell’integrazione cognitiva.

Vedi anche, Trovato un nuovo pezzo del puzzle dell’ Alzheimer.

Il miglioramento non è stato solo molto marcato, ma sostenuto, essendo presente anche quando i pazienti sono stati rivalutati due settimane dopo la fine del trattamento. Ciò ha portato i ricercatori a valutare l’ipotesi che, secondo le parole del ricercatore Gary Arendash, “il processo stesso di malattia di Alzheimer fosse influenzato”.

Come funziona il dispositivo?

I ricercatori pensano che TEMT possa penetrare nei neuroni cerebrali e spezzare gli aggregati solubili raggruppati di proteine ​​beta-amiloide tossiche e tau all’interno delle cellule che causano l’AD. La tau intracellulare e le proteine ​​beta-amiloidi agiscono in molti modi per produrre AD: danno mitocondriale che porta alla non produzione di ATP, la molecola di energia del corpo; distruzione dei microtubuli essenziali per la struttura e il trasporto delle cellule; perdita dei dendriti neuronali che ricevono informazioni da altri neuroni e perdita della funzione sinaptica. Pertanto, la disaggregazione di entrambi gli oligomeri di amiloide e tau è il cambiamento chiave da prendere di mira per proteggere il cervello dalla perdita di memoria e anche per invertire il deterioramento cognitivo che si è già verificato.

TEMT era anche associata ad un aumento dell’attività mitocondriale e ad un aumento dell’attività neuronale – un beneficio di combinazione che finora non è stato mai rilevato nel trattamento farmacologico dell’AD.

In questo modo TEMT è superiore a tutte le terapie esistenti in fase di sperimentazione clinica. Tutti i farmaci esistenti hanno molte difficoltà sia nel superare la barriera emato-encefalica che nell’entrare nelle cellule cerebrali. Inoltre, non riescono a combattere questi aggregati proteici, colpendo né le placche beta-amiloide extracellulari né i grovigli di tau fibrillari intracellulari, sebbene questi non siano i veri colpevoli di AD. Altri approcci non farmacologici come la stimolazione cerebrale profonda o la stimolazione magnetica transcranica non hanno prodotto significativi benefici cognitivi.

Tutti i pazienti volevano continuare a utilizzare il dispositivo; ora stanno partecipando a un’estensione in corso dello studio che durerà, in media, 17 mesi.

Tutto sommato, i ricercatori  pensano di avere buone ragioni per festeggiare; questo approccio rivoluzionario nel trattamento dell’ Alklzheimer potrebbe portare a un risultato positivo in cui tutti i precedenti approcci dominati dai farmaci hanno fallito.

Il prossimo passo per NeuroEM Therapeutics è una sperimentazione clinica in circa 150 persone con AD da lieve a moderata. I soggetti sono stati reclutati e la sperimentazione dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno. Se questo importante studio multicentrico confermerà la sicurezza del dispositivo e il miglioramento delle funzioni cognitive, l’azienda chiederà l‘approvazione da parte della FDA del MemorEM come terapia per l’AD.


Altri articoli su alzheimer