HomeSaluteVirus e parassitiVaccino Astra Zeneca: approcci a dosi miste. Opportunità o ripiego?

Vaccino Astra Zeneca: approcci a dosi miste. Opportunità o ripiego?

 (Vaccino Astra Zeneca-Immagine Credit Public Domain).

Tra i lanci globali di vaccini, con quasi 1,2 miliardi di dosi attualmente somministrate, alcuni paesi hanno raccomandato un approccio a dosi miste in cui un primo vacccino è seguito da un richiamo di un secondo tipo. La misura è stata introdotta da Francia e Germania per le persone che hanno ricevuto una prima dose del vaccino AstraZeneca, ma si trovano in gruppi di età per i quali quel vaccino non è più raccomandato in quei paesi, a causa di rari casi di coagulazione del sangue (sebbene l’Agenzia europea per i medicinali ( EMA) afferma che i benefici superano ancora i rischi).

Tuttavia, una politica più diffusa di mescolare diversi vaccini potrebbe anche aiutare ad alleviare le pressioni sulla fornitura di vaccini e potrebbe persino aumentare la risposta immunitaria. Mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che “non ci sono dati sufficienti ‘ sulla intercambiabilità”, vari studi sono ora valutando questo approccio.

- Advertisement -

Ecco cinque cose da sapere sulla miscelazione dei vaccini contro il coronavirus SARS-CoV-2:

  1. Il mix-and-match non è una novità: è iniziato con la ricerca sull’HIV

La miscelazione di diversi tipi di vaccino è nota come vaccinazione prime-boost eterologa. È iniziata negli anni ’90 come strategia testata dai ricercatori sull’HIV, secondo il Dott. Pierre Meulien, Direttore esecutivo dell’Innovative Medicines Initiative (IMI), un partenariato dell’UE e dell’industria farmaceutica europea. “Scientificamente, questo non è niente di nuovo”, ha detto.  I ricercatori sull’HIV sapevano che un vaccino classico non avrebbe indotto i meccanismi immunologici estremamente complessi necessari per la potenziale protezione dall’infezione da HIV. “I ricercatori stavano cercando di capire come si potesse indurre l’immunità sia delle cellule T che B”, ha detto il Dott. Meulien, riferendosi alle cellule critiche nel sistema immunitario adattativo. “E questo è stato il principale motore di quel lavoro (miscelazione di vaccini)”.

L’HIV è stato anche il motore degli scienziati per sviluppare nuove piattaforme di vaccini per fornire il loro carico utile. Queste piattaforme includono DNA, mRNA e vettori virali come l’adenovirus, gli ultimi due utilizzati entrambi nei vaccini Covid-19 approvati. “La serie di nuove piattaforme create negli ultimi 30 anni è ciò che ha permesso di sviluppare così rapidamente i vaccini contro il coronavirus”, afferma il Dott. Frédéric Martinon, immunologo presso l’Istituto nazionale francese di salute e ricerca medica (INSERM).

Rodolphe Thiébaut, Professore di sanità pubblica presso l’Università francese di Bordeaux, afferma che l’idea alla base della miscelazione dei vaccini è che “stai sostanzialmente presentando l’antigene (la parte riconoscibile del patogeno) al sistema immunitario in un modo diverso” che aiuta il sistema immunitario ottenere una migliore panoramica dell’antigene e adattare la sua risposta.

  1. La miscelazione delle dosi può aiutare a evitare l’immunità contro un vaccino 

- Advertisement -

Poiché alcuni vaccini vengono somministrati nel corpo utilizzando un virus modificato, è possibile che il sistema immunitario attacchi il vaccino stesso. La combinazione delle piattaforme per il richiamo potrebbe ridurre il rischio di sviluppare l’immunità contro un vettore virale nel vaccino.

Quando si tratta di vaccini Covid-19, i prodotti russi Sputnik V, Johnson & Johnson, CanSino Biologics e AstraZeneca utilizzano un virus, un adenovirus – che di solito provoca un comune raffreddore – modificato per esprimere la proteina spike del coronavirus contro cui si attiva il sistema immunitario. “È “carente di replicazione”, quindi non può copiarsi nel corpo una volta iniettato e darci un raffreddore”, spiega Pia Dosenovic, assistente Professore di immunologia al Karolinska Institutet in Svezia che ricerca lo sviluppo di vaccini attraverso il progetto VIVA. “Ma è possibile che il sistema immunitario sviluppi una risposta contro la piattaforma dell’adenovirus. Questo non è pericoloso”, dice il prof. Dosenovic, “ma potrebbe smorzare l’effetto del vaccino”.

Vedi anche:SARS-Cov-2:vaccino da Lactobacillus acidophilus

Per aggirare questo possibile rischio, il Prof. Dosenovic afferma che lo Sputnik V utilizza un adenovirus diverso in ogni iniezione e AstraZeneca ne usa uno di scimpanzé che i nostri sistemi non hanno mai incontrato. 

Il prof. Dosenovic afferma che ottenere un terzo vaccino – che è possibile se i vaccini vengono aggiornati per affrontare le varianti – con un vaccino vettoriale virale non sarebbe ottimale. Da questo punto di vista, ha senso cambiare le piattaforme in mRNA o in una basata su proteine ​​come Novavax”.
“Questo non è un pensiero nuovo di zecca. Abbiamo decenni di esperienza in ambito preclinico e clinico (lavoro), specialmente nell’HIV, utilizzando questi approcci”. dice  il Dr. Pierre Meulien, Direttoreesecutivo Dell’Innovative Medicines Initiative.

  1. La combinazione di vaccini può suscitare una risposta più forte/più duratura rispetto a un singolo regime vaccinale

Quando si tratta di vaccini basati su vettori virali, un approccio a dose mista può non solo impedire al sistema immunitario di inibire un vaccino, ma anche conferire una protezione più forte e più duratura. “Questo perché vogliamo addestrare il sistema immunitario ad attaccare il virus che causa la malattia piuttosto che quello che rilascia il vaccino. Se mescoli diversi tipi di vaccino, possiamo immaginare che aumenterai la risposta (immunitaria) contro l’antigene comune che è l’antigene di interesse e non contro il vettore stesso”, ha affermato il Dott. Martinon. E c’è un precedente. Il vaccino contro l’Ebola sviluppato da Johnson & Johnson è un esempio di un approccio a dose mista scelto specificamente perché la risposta immunitaria potrebbe essere di lunga durata. Il primo vaccino utilizza lo stesso adenovirus del vaccino contro il coronavirus AstraZeneca e il secondo utilizza un vettore MVA – una versione modificata di un poxvirus – un tipo che è anche oggetto di indagine per i futuri vaccini Covid-19.

Il Prof. Thiébaut è coordinatore di EBOVAC2, un programma che valuta la sicurezza e l’efficacia di questo vaccino. Dice che le persone hanno avuto una “risposta molto buona” con questa strategia e prevede che il nuovo potenziamento consentirà alla protezione di durare più a lungo di quanto farebbe altrimenti. “Almeno la metà delle cellule che producono gli anticorpi probabilmente rimarranno per almeno cinque anni”, ha detto il Prof, Thiébaut.

  1. La sicurezza e l’effetto della miscelazione dei vaccini contro il coronavirus devono essere valutati 

Sebbene gli esperti non considerino pericoloso l’approccio della miscelazione dei vaccini, affermano che non dispongono di dati sufficienti sulla miscelazione dei vaccini contro il coronavirus e che la sicurezza dovrebbe essere valutata come in qualsiasi nuova strategia vaccinale. 

“In particolare, la miscelazione di vaccini mRNA con vaccini a base di adenovirus e viceversa non è mai stata fatta prima”, afferma il Dott. Meulien, “poiché la prima istanza di tecnologia di vaccino mRNA approvata per l’uso umano è stata per Covid-19”.  

Sono in corso vari studi per testare la miscelazione del vaccino contro il coronavirus. Uno studio anticipato è quello dello studio Com-Cov dell’Oxford Vaccine Group – lanciato dopo che il Regno Unito a gennaio ha approvato un approccio a dose mista – per studiare le risposte immunitarie e gli eventuali effetti collaterali delle combinazioni di quattro vaccini: AstraZeneca, Pfizer/BioNTech, Moderna, e Novavax. “Quello che spero è che non escludiamo nessuna combinazione”, ha detto alla BBC il capo iricercatore Professor Matthew Snape

La Spagna sta pianificando sperimentazioni umane sugli effetti della somministrazione di una dose del vaccino AstraZeneca con una dose del vaccino Pfizer/BioNTech. Secondo il Dott. Meulien, i paesi che hanno già deciso di combinare i vaccini stanno operando e  valutando rischi e benefici.

Fonte: Horizon

 

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...